/ Siria. Per la prima volta gli USA voteranno contro risoluzione ON...

Siria. Per la prima volta gli USA voteranno contro risoluzione ONU per il ritiro di Israele dal Golan

 

Si profila un altro cambiamento epocale nella politica estera degli USA, secondo forse solo al riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele. Infatti l'ambasciatrice uscente degli all'ONU, comunica che per la prima volta Washington voterà contro la risoluzione ONU che chiede il ritiro di Israele dal Golan.


Un'altra importante novità nella politica estera degli USA. Dopo il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele, Washington si appresta a votare contro l'annuale votazione all'ONU sulla risoluzione che chiede a Tel Aviv di ritirarsi dal Golan occupate scapito della Siria nel 1967. Ad annunciarlo è stata la rappresentante uscente statunitense Nikki Haley.
 
"Se questa risoluzione avesse mai avuto un senso, sicuramente non lo ha oggi. La risoluzione è chiaramente di parte contro Israele ", ha affermato Haley, annunciando la mossa prevista.
 
La risoluzione non vincolante, che viene votata ogni anno dal terzo comitato dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, mette in discussione la "illegittimità della decisione" presa da Israele "di imporre le sue leggi, la sua giurisdizione e la sua l'amministrazione sul Golan siriano occupato", illegale secondo il diritto internazionale.
 
Haley, tuttavia, ha aggiunto che "le atrocità che il regime siriano continua a commettere dimostrano la sua mancanza di idoneità a governare chiunque".
 
Secondo quanto riferito, Israele ha sollecitato la Casa Bianca negli ultimi mesi a riconoscere l'annessione, sostenendo che dopo la sanguinosa guerra civile in Siria per Israele le Alture sono fondamentali per il mantenimento della sicurezza.
 
L'ambasciatore israeliano all'ONU Danny Danon ha accolto l'annuncio degli Stati Uniti, affermando che "il cambiamento nel modello di voto americano è un'altra testimonianza della forte cooperazione tra i due paesi".

 
"È giunto il momento per il mondo di distinguere tra coloro che stabilizzano la regione e coloro che seminano il terrore", ha dichiarato.
 
Mentre è improbabile che un "no" da parte degli Stati Uniti fermi la risoluzione, potrebbe essere un segnale che l'amministrazione Trump stia considerando di riconoscere il controllo israeliano sul Golan.
Lo scorso settembre, l'ambasciatore statunitense in Israele David Friedman affermò di aspettarsi che il territorio annessa rimanesse sotto il controllo israeliano "per sempre".
 
"Non posso onestamente immaginare una situazione in cui le alture del Golan non facciano parte di Israele per sempre", dichiarò Friedman al quotidiano israeliano Hayom.
 
Ma durante una visita in Israele un mese prima, John Bolton, Consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, spiegò che non c'erano discussioni su tale riconoscimento.
 
"Ovviamente comprendiamo l'affermazione israeliana di annettere le alture del Golan - comprendiamo la loro posizione - ma per ora non c'è alcun cambiamento nella posizione degli Stati Uniti".
 
 
Fonte: The Times of Israel - Reuters - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa