/ Susan Sarandon, Pamela Anderson e Roger Waters denunciano il sile...

Susan Sarandon, Pamela Anderson e Roger Waters denunciano il silenzio dei media sullo studio che scagiona il governo siriano sulle armi chimiche

 

Susan Sarandon, Pamela Anderson e Roger Waters stanno ponendo domande sul perché i Media stiano ignorando uno studio fatto accademici inglesi dell'OPCW, secondo il quale, l'attacco con armi chimiche a Douma fu una messa in scena per accusare il governo siriano e offrire un pretesto agli Stati Uniti per scatenare una guerra contro Assad.


"Questo è veramente importante. Perché non ne stiamo parlando?" si chiede l'attrice e attivista Susan Sarandon sul profilo Twitter in merito al documento trapelato dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche che contraddice il loro rapporto ufficiale sull'attacco di armi chimiche segnalato a Douma, in Siria, nell'aprile 2018.
 

 
 
Il documento di 15 pagine, formulato da accademici inglesi, pubblicato dal Gruppo di lavoro su Siria, Propaganda e Media, ha rivelato i risultati degli specialisti dell'OPCW secondo i quali, i cilindri di gas trovati sulla scena del presunto attacco di sarin erano probabilmente posizionate già in quel posto, e non erano, quindi, state sganciate dagli aerei dell'esercito siriano.  
 
Questa rivelazione suggerisce che i cilindri sono stati messi lì dai "ribelli" di Douma che hanno pubblicizzato l'attacco sui loro canali mediatici e lanciato dubbi sulla veridicità del rapporto dell'organismo sulle armi chimiche, che non includeva le scoperte sul campo dei suoi specialisti. Si allinea anche con i dubbi che sono stati sollevati dagli scettici del racconto quando si è verificato l'attacco a suo tempo.
 
L'attivista Pamela Anderson ha twittato il suo sostegno agli "opinionisti indipendenti di Hollywood", mentre Roger Waters ha chiesto nei giorni scorsi alq uotidiano The Guardian e al giornalista Jonathan Freedland di scusarsi per averlo attaccato accusando i White Helmets di aver inventato l'attacco alle armi chimiche.
 

 
Anche giornalisti indipendenti hanno pubblicato su Twitter il report, denunciando l'ampio silenzio dei media sulla rivelazione.
 

 

 
Molte figure che hanno a lungo difeso l'azione occidentale contro Assad non hanno voluto affrontare nel merito il documento trapelato, scegliendo invece di diffamare Sarandon e altri, comunque, l'attrice ha ricevuto molto sostegno dai suoi ammiratori concordando con lei che il documento merita di essere diffuso.
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa