/ Svegliatevi! Fino a quando il pubblico europeo e Usa potrÓ accett...

Svegliatevi! Fino a quando il pubblico europeo e Usa potrÓ accettare i crimini delle loro elite al potere?

 


di Andre Vltchek - NeoJournal

 
Anno dopo anno, mese dopo mese, vedo i due lati del mondo; i due estremi che stanno diventando sempre più disconnessi:
 

Vedo grandi città come Homs in Siria, ridotte a rovine terrificanti. Vedo Kabul e Jalalabad in Afghanistan, frammentati da enormi muri di cemento destinati a proteggere gli eserciti di occupazione della NATO e le loro marionette locali. Vedo mostruose devastazioni ambientali in paesi come il Borneo indonesiano, le città minerarie peruviane dell'oro o le ormai inabitabili isole-atollo dell'Oceania: Tuvalu, Kiribati o Isole Marshall.

 
Vedo baraccopoli, mancanza di servizi igienico-sanitari e acqua potabile pulita, dove gli stivali degli imperi occidentali hanno distrutto culture locali, asservendo persone e saccheggiando le risorse naturali.
 

Lavoro in tutti i continenti. Non mi fermo mai, anche quando la stanchezza cerca di schiantarmi contro il muro, anche quando non ci sono quasi più riserve. Non posso fermarmi. Non ho il diritto di fermarmi, perché finalmente riesco a vedere il modello; il modo in cui questo mondo opera, il modo in cui l'Occidente è riuscito a usurparlo, indottrinare e asservire la maggior parte dei paesi del mondo. Combino le mie conoscenze e le pubblichiamo come un 'avvertimento per il mondo'.
 

Scrivo libri su questo "modello". La mia opera più completa, fino ad ora, è "Exposing Lies of The Empire" di 1000 pagine.
 

Poi, vedo l'Occidente stesso.
 

Vengo a 'parlare', in Canada e negli Stati Uniti, così come in Europa. Ogni tanto sono invitato a parlare anche al pubblico australiano.
 

L'Occidente è così oltraggiosamente ricco, rispetto ai continenti rovinati e saccheggiati, che spesso sembra che non appartenga al Pianeta Terra.
 

Una pigra passeggiata pomeridiana a Villa Borghese a Roma, e una passeggiata orrida nel quartiere povero di Mathare a Nairobi potrebbe facilmente esistere in due distinte realtà, o in galassie diverse.
 

Anche adesso, dopo aver leggermente sbagliato l'ortografia di "Villa Borghese", il mio Mac ha immediatamente offerto una correzione. È perché esiste Villa Borghese. D'altra parte, "Mathare", che ho scritto correttamente, è stato sottolineato in rosso. Mathare 'è un errore'. Perché non esiste. Non esiste, nonostante il fatto che circa un milione di uomini, donne e bambini vivano lì. Non è riconosciuto dal mio MacBook Pro, né dalla stragrande maggioranza dei miei lettori relativamente ben istruiti in Occidente.
 
In effetti, il mondo quasi-esistente sembra essere un grande errore, non entità, se osservato da New York, Berlino o Parigi.
 
---------------
 

Vengo e parlo davanti al pubblico occidentale. Sì, lo faccio di tanto in tanto, anche se con frequenza sempre minore.
 

Francamente, affrontare la folla europea o nordamericana è deprimente, persino umiliante.

 
Va così: sei invitato a 'dire la verità'; per presentare ciò che stai vedendo in tutto il mondo.
 

Ti trovi lì, di fronte a uomini e donne che sono appena scesi dalle loro comode auto, dopo aver cenato bene nelle loro case ben riscaldate o con aria condizionata. Potresti essere uno scrittore famoso e un regista, ma in qualche modo ti fanno sentire come un mendicante. Perché sei venuto per parlare a nome di "mendicanti".
 

Tutto è ben rifinito e coreografato. Ci si aspetta che tu non mostri alcun 'eccesso'. Che tu non chiami i tuoi "nomi" pubblici. Che non giuri, non inizi a insultare tutti in vista.
 

Ciò che si affronta di solito è una folla piuttosto dura, o almeno "indurita".
 

Recentemente, nel sud della California, quando mi è stato chiesto, da un collega filosofo e un mio amico, di rivolgermi a un piccolo raduno dei suoi colleghi, alcune persone stavano battendo sui loro telefoni cellulari, mentre stavo descrivendo la situazione sul fronte siriano, vicino a Idlib. Ho ritenuto che il mio parlare non fosse altro che uno "sfondo, una musica da ascensore" per la maggior parte di loro. Almeno quando mi rivolgo a milioni attraverso le mie interviste televisive, non devo vedere il pubblico.
 

Quando "parli" in Occidente, in realtà stai affrontando uomini e donne che sono responsabili, almeno in parte, degli omicidi di massa e dei genocidi commessi dai loro paesi. Uomini e donne i cui standard di vita sono oltraggiosamente alti, perché gli Altri vengono derubati, umiliati e spesso violentati. Ma i loro occhi non sono umili; li stanno trivellando in te, aspettando un errore che potresti commettere, così possono concludere: "È una notizia falsa". Per loro, non sei un ponte tra quelli che "esistono" e quelli che non lo fanno. Per loro, tu sei un intrattenitore, un uomo di spettacolo, o il più delle volte: una seccatura.
 

Per conoscere la guerra, il terrore che l'Occidente sta diffondendo, è, per molti nel mio pubblico, ancora un altro tipo di lusso, intrattenimento di alto livello, non diversamente da una performance di opera o un concerto sinfonico. Se necessario, possono anche pagare, anche se per lo più preferiscono non farlo. Dopo un'esperienza diversa, si torna alla routine, ad una vita elegante e riparata. Mentre tu, il giorno dopo, stai spesso prendendo un aereo per tornare alla realtà degli altri; alla prima linea, alla polvere e alla miseria.
 
Loro, il vostro pubblico (ma affrontarlo, anche la maggior parte dei vostri lettori) sono venuti a mostrare quanto sono "aperti". Sono venuti "per imparare" da te, "per essere istruiti", mantenendo intatti i loro stili di vita. La maggior parte di loro pensa di sapere tutto, anche senza la tua esperienza diretta, ti stanno benevolmente facendo un favore invitandoti, e trascinandoti fino all'università o al teatro o ovunque tu sia di fronte a loro. Non sono venuti per offrire alcun sostegno alla tua lotta. Non fanno parte di nessuna lotta. Sono persone buone, amanti della pace e laboriose; È tutto.
 
Sai, come quei tedeschi, alla fine degli anni '30; persone ipocrite e laboriose. Molti di loro adorano i loro animali domestici e riciclano la loro spazzatura. E pulire se stessi a Starbucks.

……
 

Qualche giorno fa abbiamo fermato il colpo di stato in Venezuela. Dico noi, perché, sebbene profondamente devastata nell'isola del Borneo, stavo dando interviste a RT, Press TV, rivolgendomi a milioni di persone. Anche qui, non ho mai smesso di scrivere, tweettare, sempre pronto a lasciar perdere tutto solo per volare a Caracas, se dovessi essere necessario lì.

 
Per difendere il Venezuela, per difendere la rivoluzione lì, è essenziale. Poiché è essenziale difendere la Siria, Cuba, la Russia, la Cina, la Corea del Nord, l'Iran, la Bolivia, il Sudafrica e altre nazioni rivoluzionarie e coraggiose che si rifiutano di arrendersi al diktat occidentale.
 

Mentre infuriava la battaglia ideologica per Caracas, stavo pensando: c'è qualcosa che potrebbe ancora muovere il pubblico occidentale in azione?
 

Sono ormai - europei e nord americani - diventati totalmente indifferenti ai loro crimini? Hanno sviluppato una sorta di immunità emotiva? La loro condizione è ideologica o semplicemente clinica?
 

Eccoci qui, nel bel mezzo di un colpo di stato totalmente aperto; un tentativo da parte dell'Occidente di rovesciare uno dei paesi più democratici del nostro pianeta. E non hanno fatto quasi nulla per fermare il terrorismo compiuto dai loro regimi a Washington o a Madrid! Almeno in Indonesia nel 1965 o in Cile nel 1973, il regime occidentale cercò di nascondersi dietro sottili foglie di fico. Almeno, mentre distruggeva l'Afghanistan socialista e l'Unione Sovietica comunista creando i Mujahedin, l'Occidente usava il Pakistan come vassallo, cercando di nascondere, almeno in parte, il suo vero ruolo.
Almeno, mentre uccidevano più di 1 milione di persone in Iraq, c'era questa sciarada e un mucchio di menzogne ??sulle "armi di distruzione di massa". Almeno, almeno ...

 
Ora è tutto trasparente. In Siria, Venezuela; e contro la Corea del Nord, Cuba, Iran, Cina, Russia.


Come se la propaganda non fosse nemmeno più necessaria, come se il pubblico occidentale fosse diventato totalmente obbediente, non ponendo alcuna minaccia ai piani del regime occidentale.

 
O più precisamente, la propaganda occidentale, una volta elaborata, è diventata estremamente semplice: ripete le bugie e la grande maggioranza dei cittadini occidentali non si preoccupa nemmeno di mettere in discussione ciò che i loro governi stanno facendo al mondo. L'unica cosa che conta sono le "questioni domestiche"; significato - i salari e i benefici per gli occidentali.
 

Non ci sono rivolte come durante la guerra del Vietnam. Ora le rivolte servono solo a migliorare il benessere dei lavoratori europei. Nessuno in Occidente sta combattendo per fermare il saccheggio all'estero, o gli attacchi terroristici scatenati dalla NATO contro paesi non occidentali, o contro le innumerevoli basi militari della NATO, contro le invasioni e i golpe orchestrati.
 

-----------------------
 
Quanto più il pubblico occidentale può davvero vedere soffrire?

 
Può davvero accettare tutto questo?

 
Accetterebbe l'invasione diretta del Venezuela o di Cuba o di entrambi i paesi? Ha già accettato l'intervento diretto e la distruzione della Jugoslavia, dell'Iraq, dell'Afghanistan, della Libia e della Siria, per citare solo alcune azioni terroristiche commesse dall'Occidente nella storia recente.

 
Quindi, quanto ancora? Un attacco contro l'Iran sarebbe accettabile? Diciamo, 2-3 milioni di morti?

 
La Corea del Nord, forse? Qualche altro milione, una nuova montagna di cadaveri?

 
Sto chiedendo; non è una domanda retorica. Voglio davvero saperlo. Credo che il mondo debba sapere.

 
Il pubblico occidentale ha raggiunto il livello dell'ISIS (o come si chiama lì IS o Deash)? È così ipocrita, così fanatico, così convinto del proprio eccezionalismo, che non può più pensare, chiaramente, analizzare e giudicare?

 
Provocare la Russia o la Cina o entrambi nella Seconda Guerra Mondiale sarebbe accettabile per le persone che vivono in Baviera o nella Carolina del Sud, o nell'Ontario?
 

E se sì, sono davvero tutti fuori di testa?
 

E se lo sono, il mondo dovrebbe cercare di fermarli, e come?
 
-----------------
 
Voglio conoscere i confini della follia occidentale.
 

Che la follia sia indiscutibile, ma quanto è massiccia?
 

Capisco, ora ho accettato il mostruoso fatto che i francesi, gli yankees, i canadesi, i britannici o i tedeschi non gliene frega niente di quanti milioni di persone innocenti uccidono in Medio Oriente, o nel sud-est asiatico, in Africa o in "luoghi come quello'. Accetto che non conoscono quasi nulla della loro storia coloniale e non vogliono sapere nulla, purché abbiano calcio, molta carne e 6 settimane di vacanze su spiagge esotiche. So che anche molti di quelli che possono vedere i crimini mostruosi commessi dall'Occidente, vogliono incolpare tutto sui Rothschild e sulla "cospirazione sionista", ma mai su sè stessi, mai su Israele quale avamposto dell'Occidente nel Medio Oriente, mai sulla loro cultura che si esprime attraverso i secoli di saccheggio.
 

Ma per quanto riguarda la sopravvivenza del nostro pianeta e la sopravvivenza dell'umanità?
 

Immagino gli occhi di quelle persone che vengono alle mie "presentazioni di combattimento". Dico loro la verità. Dico tutto. Non mi trattengo mai; mai nessun compromesso. Mostro loro le immagini delle guerre che hanno scatenato. Sì loro; perché i cittadini sono responsabili dei propri governi e perché c'è, chiaramente, qualcosa che si chiama colpa collettiva e responsabilità collettiva!
 

Quegli occhi, volti ... ti dirò quello che leggo in loro: non agiranno mai. Non tenteranno mai di rovesciare il loro regime. Finché vivono le loro vite privilegiate. Finché pensano che il sistema in cui sono le élite, almeno abbia qualche possibilità di sopravvivere nella sua forma attuale. Giocano in entrambi i modi, alcuni di loro: verbalmente, sono indignati dalla NATO, dall'imperialismo occidentale e dal selvaggio capitalismo. Praticamente, non fanno nulla di tangibile per combattere il sistema.
 

Qual è la conclusione allora? Se non agiscono, allora gli altri devono. E sono convinto: lo faranno.
 

Per più di 500 anni il mondo intero è stato in fiamme, saccheggiato e ucciso da un piccolo gruppo di nazioni occidentali estremamente aggressive. Questo è andato avanti praticamente ininterrottamente.
 

Nessuno lo trova più divertente, più. Dove lavoro, in posti a cui tengo, nessuno vuole questo tipo di mondo.
 

Guarda quei paesi che stanno cercando di distruggere il Venezuela. Guarda da vicino! Consistono negli Stati Uniti, in Canada, nella maggior parte dell'Europa e soprattutto in quegli stati del Sud America dove i discendenti dei colonialisti europei stanno formando la maggioranza!
 

Vogliamo altri 500 anni di questo?
 

Nordamericani ed europei devono svegliarsi presto. Anche nella Germania nazista, c'erano soldati che erano così disgustati da Hitler, che volevano mandarlo ai cani. Oggi, in Occidente, non c'è un solo potente partito politico che crede che 500 anni di saccheggio colonialista occidentale siano più che sufficienti; che torturare il mondo dovrebbe fermarsi e fermarsi immediatamente.
 

Se l'imperialismo occidentale, che è la più grande e forse l'unica grande minaccia che il nostro pianeta sta affrontando, non è decisamente e presto smantellato dai suoi stessi cittadini, dovrà essere combattuto e scoraggiato da forze esterne. Questo è : dalle vittime passati e presenti.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Four of his latest books are China and Ecological Civilizationwith John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa