/ Teheran: "Gli Stati Uniti tengono in ostaggio l'indipendenza dell...

Teheran: "Gli Stati Uniti tengono in ostaggio l'indipendenza dell'Europa"

 

Gli Stati Uniti tengono l'indipendenza dell'Europa "in ostaggio", poichÚ impediscono di agire per salvare l'accordo nucleare, afferma un alto funzionario iraniano.


"Gli Stati Uniti tengono in ostaggio l'indipendenza d'Europa e l'Unione Europea (UE) deve sfidare l'unilateralismo americano, difendere la propria identità e autonomia", ha sottolineato il segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale Supremo dell'Iran, Ali Shamkhani, in un incontro tenuto oggi con Emmanuel Bonne, consigliere diplomatico del presidente francese Macron.
 
Nella riunione tenutasi a Teheran, il funzionario iraniano ha criticato "l'inerzia e mancanza di volontà" dell'Europa di fronte "all'illegale" uscita degli Stati Uniti dall'accordo sigillato nel 2015 fra l'Iran e il Gruppo 5 + 1, (Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia, la Russia e la Cina, oltre alla Germania).
 
Shamkhani ha difeso la decisione di Teheran di aumentare l'arricchimento dell'uranio al di là dei limiti imposti dal patto -3,67% - e ha detto che la Repubblica islamica non invertirà questa misura fino a quando non raggiungerà i suoi "pieni diritti" in base all'accordo.
 
Lunedì scorso, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) ha confermato l'annuncio dell'Iran di aver superato il limite del 3,67% sull'arricchimento dell'uranio. L'annuncio è venuto un giorno dopo la scadenza dei 60 giorni che Teheran aveva dato agli altri firmatari dell'accordo per adottare misure concrete per compensare l'Iran per il danno delle sanzioni USA.
 
Shamkhani ha sottolineato la pazienza dell'Iran di fronte alle inadempienze della controparte europea e ribadito che la misura è stata presa ai sensi degli articoli 26 e 36 dell'accordo, secondo i quali, prevedono il diritto di Teheran a sospendere parte dei suoi impegni.
L'Iran, ha continuato, non desidera più essere l'unico paese impegnato in questo documento multilaterale.
 
Il segretario del Supremo Consiglio di sicurezza nazionale iraniano ha anche definito fallimentare la politica della massima pressione degli Stati Uniti contro Teheran e che il paese persiano è in grado di superare le sfide politiche, economiche e militari che deve affrontare. "Quindi non si può parlare sotto pressione con l'Iran", ha aggiunto.
 
Bonne, a sua volta, ha assicurato che non è arrivato in Iran come mediatore e che non trasmette nemmeno messaggi da Washington. "Quello che vuole Emmanuel Macron è trovare un'iniziativa per porre fine alla guerra economica imposta dagli Stati Uniti all'Iran. Il presidente francese ritiene che ciò possa ridurre le tensioni nell'Asia occidentale ", ha sottolineato l'inviato francese.
 
Il consigliere del presidente francese ha messo in evidenza il ruolo influente dell'Iran in Medio Oriente e ha detto che Parigi è interessato a mantenere i contatti con l'Iran per la soluzione di crisi regionali, come in Siria, Yemen, Iraq e Libano.
 
Fonte: HispanTV
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa