/ Tentato omicidio dell'ex spia in Inghilterra. Per George Galloway...

Tentato omicidio dell'ex spia in Inghilterra. Per George Galloway la Russia non ha alcun motivo per volere la morte di Skripal

 

L'ex deputato ha aggiunto che il presidente russo Vladimir Putin sarebbe «stupido» nel voler uccidere qualcuno sul suolo britannico così vicino alle elezioni presidenziali in Russia del 18 marzo

 

Nella cittadina di Salisbury, in Inghilterra, è stato ritrovato riverso su di una panchina il 66enne russo Sergei Skripal. Un cittadino non proprio comune visto che si tratta di un ex agente segreto doppiogiochista che in realtà operava per conto dell’agenzia di intelligence britannica MI6. Già tratto in arresto in Russia nel 2006 per spionaggio e successivamente rilasciato attraverso uno scambio di prigionieri. 

 

Tanto è bastato per scatenare la fantasia dei media mainstream britannici. Immediati sono stati i paragoni con il caso dell’ex agente del KGB Alexander Litvinenko, avvelenato oltre dieci anni fa a Londra dopo aver bevuto un tè contaminato con polonio radioattivo. 

 

Questa versione è confutata ai microfoni di RT dall’ex deputato britannico George Galloway, il quale afferma che la Russia «non ha un vero motivo» per volere la morte dell’ex agente doppiogiochista. 

 

Galloway ha aggiunto che il presidente russo Vladimir Putin sarebbe «stupido» nel voler qualcuno sul suolo britannico così vicino alle elezioni presidenziali in Russia del 18 marzo.

 

«La Russia sarebbe così stupida da compiere un atto del genere due settimane prima delle elezioni presidenziali e 100 giorni prima della Coppa del mondo in Russia? Metterebbe in ombra, politicamente parlando, questi eventi piuttosto importanti per la Russia.

Putin sarebbe stato così stupido da fare questo in questo momento? Temo di dover concludere che non è probabile».

 

L’ex deputato della sinistra inglese sulla copertura mediatica dell’evento crede che la stampa produce «terreno fertile per le teorie cospirative», anche perché non c’è alcuna evidenza che la Russia abbia qualcosa a che fare con l'incidente che coinvolge Skripal e sua figlia. Adesso ricoverati in gravi condizioni. 

 

George Galloway ha poi dichiarato che servizio di intelligence della Russia, proprio come qualsiasi altro, probabilmente non avrebbe avuto alcuno «scrupolo morale» nel compiere un atto del genere. «Ma il buon senso avrebbe suggerito di non fare una cosa del genere in un momento simile, in pieno giorno, all’esterno di un centro commerciale a Salisbury, quando quest'uomo poteva essere ucciso dai russi in qualsiasi momento, in un momento molto più conveniente o meno inopportuno, penso sia una narrativa potente che semplicemente non viene ascoltata dai media mainstream britannici oggi».

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa