/ 'Trump ha danneggiato più gli Stati Uniti che Damasco con il suo ...

'Trump ha danneggiato più gli Stati Uniti che Damasco con il suo attacco alla Siria'

 

Il presidente degli Stati Uniti Donad Trump, ha fatto più danno agli Stati Uniti che al governo siriano, presieduto da Bashr al-Asad, in quanto non ha causato alcun danno significativo, secondo un articolo del quotidiano statunitense 'The Washington Post'.


In un articolo pubblicato ieri sul quotidiano statunitense 'The Washington Post', si critica la decisione del Presidente degli USA Donald Trump di lanciare un attacco missilistico contro obiettivi del governo siriano, definendola una mossa che "pregiudica la credibilità degli Stati Uniti nel mondo."
 
In questo senso, evocando la pretesa Trump di mostrare muscoli Siria e ai suoi alleati, la Russia e l'Iran, nell'articolo si ritiene che con questo attacco "limitato" e "fallito" il magnate repubblicano ha fatto esattamente il contrario. "Gli attacchi erano appena sufficiente forte per prevenire la beffa di Washington ", ha osservato il Washington Post.
 
A questo proposito, ha sottolineato che l'offensiva di Washington e dei suoi alleati, la Francia e il Regno Unito, non ha colpito un aeroporto, né un aereo da guerra dell'esercito siriano.
 
"Anche nei siti colpiti dai missili, i siriani hanno avuto molto tempo per evacuare l'equipaggiamento (.
..) Non ci sono state vittime sul terreno, suggerendo che il regime aveva evacuato gli obiettivi", si aggiunge.
 
Allo stesso modo, ha indicato che Trump con la sua "azione debole" in Siria ha cercato di evitare lo scontro con la Russia, un fatto che può inviare questo messaggio al mondo che abbiamo paura di Mosca.
 
L'articolo del 'The Washington Post' dove si lamenta delle distruzioni limitate nel corso dell'attacco con Francia e Gran Bretagna, non è dissimile ad altri articoli ed editoriali scritti sui media occidentali, Italia compresa. Insomma al mainsteam non è piaciuta l'operazione di venerdì scorso, volevano bombardamenti più massicci, portare più distruzione come se non bastassero quelle già subite in questi 7anni dalla Siria che ha subito una guerra per procura da parte dell'Occidente di Israele, Turchia e delle Monarchie del Golfo. Magari più bombardamenti che facessero risorgere ISIS e altre milizie salafite.
 
 
Fonte: The Washington Post
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa