/ Lavrov: "Le minacce alla Siria indicano che gli USA non vogliono ...

Lavrov: "Le minacce alla Siria indicano che gli USA non vogliono combattere il terrorismo"

 

Per il cancelliere russo, la decisione sull'enclave siriana del Ghouta indica che la coalizione guidata dagli Stati Uniti non vuole combattere il terrorismo.


Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha espresso il suo stupore sulla prevista offensiva statunitense in Siria, diretta sulle aree controllate dal governo siriano.
 
"Non ho le parole giuste per descrivere le minacce statunitensi di attaccare la Siria", ha dichiarato il ministro degli Esteri, sottolineando che le intenzioni offensive del Pentagono sull'enclave di Ghoutta indicano che la coalizione guidata dagli Stati Uniti "non vuole combattere contro il terrorismo".
 
"Se si verifica un nuovo attacco di questo tipo, le conseguenze saranno molto gravi", ha sottolineato Lavrov.
 
"La signora Haley dovrebbe capire che una cosa è sfruttare irresponsabilmente il microfono nel Consiglio di sicurezza dell'ONU ed è un'altra cosa quando i militari russi e americani hanno canali di comunicazione ed è chiaramente indicato attraverso questi canali cosa si può fare e cosa non deve essere fatto", ha precisato Lavrov.
 
"La coalizione guidata dagli Stati Uniti lo sa bene", ha aggiunto il ministro degli esteri russo.

 
Risoluzioni sulla Siria
 
L'intenzione degli Stati Uniti di presentare un nuovo progetto di risoluzione sulla Siria al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite attesta l'incapacità di Washington di attuare la risoluzione 2401 sul cessate il fuoco nel  paese arabo, ha spiegato Lavrov.
 
"Un altro aspetto del problema sono i nostri partner occidentali che non hanno alcun segreto del fatto che hanno stretti contatti con coloro che sono attualmente nel Ghouta orientale e che non hanno adempiuto ai loro obblighi ai sensi della risoluzione 2401, vale a dire, per esercitare un'influenza sui loro incaricati, bloccarli e farli smettere di bombardare le aree residenziali Le nostre controparti occidentali guidate dagli Stati Uniti non hanno fatto né una cosa né l'altra. Il fatto che ieri [l'ambasciatrice degli Stati Uniti all'ONU] Nikki Haley abbia minacciato di presentarsi con una nuova risoluzione significa solo una cosa: non hanno attuato la precedente risoluzione , ha sottolineato il ministro.
 
Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa