/ VIDEO: La Cina mostra per la prima volta al pubblico il suo cacci...

VIDEO: La Cina mostra per la prima volta al pubblico il suo cacciatorpediniere di nuova generazione

 

Con una stazza di 10.000 tonnellate, la nave è dotata di 112 lanciatori verticali in grado di trasportare missili terra-aria HHQ-9.


Tra le 32 navi e 39 velivoli mostrati dalla Marina cinese alla recente parata nel porto di Qingdao durante le celebrazioni del 70° anniversario della sua fondazione, una delle sue navi ha attirato l'interesse speciale di esperti internazionali. Questa è la prima dimostrazione pubblica del Nanchang, un enorme e potente cacciatorpediniere tipo 055 fabbricato in Cina secondo tecnologie stealth, esposto per la prima volta ai 13 paesi partecipanti, dalla Russia all'Australia, all'India, al Giappone fino al Vietnam.
 

La nave [con il numero 101, nel mezzo del video mostrato qui sotto], che è il primo della serie di cacciatorpedinieri di questo nuovo progetto, ha attratto l'interesse degli analisti navali per due caratteristiche: il suo spostamento e il numero di armi che trasporta.
 

 
Con una stazza di 10.000 tonnellate, la nave è dotata di 112 lanciatori verticali in grado di trasportare missili terra-aria HHQ-9, missili da crociera YJ-18 e missili da crociera CJ-10, secondo China Daily.
 
Il cannone principale è il H / PJ-38 130 mm, ma ci sono rapporti che spiegano come questa nave potrebbe alla fine essere equipaggiata con un cannone aggiuntivo.
Il cacciatorpediniere utilizza i radar delle bande X e S, che gli consentono di rintracciare oggetti furtivi di varie dimensioni.
 
Il cacciatorpediniere, tecnicamente abbastanza grande da essere classificato come una nave da crociera, ha una notevole capacità di carico che lo rende simile agli incrociatori della classe Ticonderoga della Marina statunitense.
 
Fonte: China Daily - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa