/ VIDEO. "La mia speranza se n' andata". Parla la madre della bamb...

VIDEO. "La mia speranza se n' andata". Parla la madre della bambina yemenita morta di denutrizione, come altri bambini, per l'aggressione saudita

 

Il dolore raccontato dai genitori della giovane yemenita morta di malnutrizione, la scorsa settimana, in un'intervista straziante, dopo che le immagini della loro figlia emaciata hanno attirato l'attenzione sul peggioramento del disastro umanitario dello Yemen, allo stremo dopo 3 anni di aggressione saudita appoggiata dagli USA.


Le foto strazianti della piccola Amal Hussain morta a sette anni pubblicate dal New York Times hanno dato un volto alla carestia dello Yemen e hanno messo in evidenza l'impatto della campagna di bombardamenti guidati dall'Arabia Saudita sui civili inermi del paese, milioni dei quali sono di fronte fame.
 
In un'intervista all'agenzia di video Ruptly di RT, la madre di Amal, Mariam Ali ha raccontato di aver perso la speranza dalla morte della sua giovane figlia. "La nostra situazione si sta deteriorando e soffriamo di malnutrizione. Non abbiamo un'alimentazione sana", ha aggiunto Ali, spiegando che è tornata a casa dall'ospedale con la figlia malata dopo aver ricevuto una telefonata per dire che un altro dei suoi figli non stava bene.
 
Quando le condizioni di Amal peggiorarono, in preda alla disperazione sua madre lasciò i suoi due figli e iniziò a correre con il figlio all'ospedale sotto la pioggia - un viaggio di 30 minuti a piedi da dove vive la famiglia - ma era troppo tardi.
 

 
 
"Ho corso con lei per metà della distanza [fino alla clinica] finché non è morta, alle cinque del pomeriggio. L'ho riportata a casa, ma lei era morta."
 
"Suo padre è andato a prendere in prestito del denaro per la sua sepoltura. L'hanno seppellita. La mia situazione è brutta; la mia speranza è andata dopo che Amal è morta".
 
Il padre di Amal, Hussain Mohammed, che pascola i cammelli per provvedere alla sua famiglia, ha detto che a volte la famiglia è costretta a mangiare dagli alberi. Molte famiglie nel distretto di Aslam hanno dovuto mangiare foglie cotte nel tentativo di sopravvivere. Mohammed ha spiegato che semplicemente non aveva abbastanza soldi per mandare la figlia sofferente a Hajjah o Sanaa per le cure.

"Qualunque cosa avesse bisogno, ho fatto del mio meglio per portarla a lei, ma non avevo soldi", haaggiunto.
Il direttore del Centro di denutrizione nel distretto di Aslam, Makkia Alaslami, ha riferito che Amal proviene da "una delle famiglie più povere" ed era gravemente malnutrita e sottopeso quando è morta.
 
"La situazione è molto dolorosa, e non avevano fondi sufficienti per curarla, altrimenti l'avrebbero curata da qualche altra parte", ha detto Alaslami, aggiungendo "ogni persona deve gestirsi da sola, e questa è una delle tragedie del aggressione e una delle tragedie causate dalla guerra, che si aggrava giorno dopo giorno."
Il ministero della sanità yemenita ha dichiarato che almeno 17.000 casi di malnutrizione grave sono stati segnalati nella provincia di Hajjah nei primi sei mesi del 2018. L'Arabia Saudita ha iniziato il suo intervento militare nello Yemen nel 2015, sostenendo la parte del governo destituito di Abdrabbuh Mansur Hadi contro i guerriglieri Houthi.
 
Mentre nei confronti del governo siriano cominciano le minacce di guerra per presunti attacchi con armi chimiche, con informazioni inattendibili, invece, Riad ha affrontato critiche minime per la sua campagna da parte dei governi occidentali, nonostante gli avvertimenti di varie organizzazioni umanitarie Medici senza Frontiere, dal momento che si sta impegnando in attacchi "indiscriminati" . L'ONU ha anche avvertito che oltre sette milioni di bambini yemeniti stanno affrontando una "seria" minaccia di carestia nel blocco navale della coalizione guidata dai sauditi.
Alaslami ha sottolineato che dozzine di bambini nella zona soffrono di malattie potenzialmente letali e complicazioni mediche dovute alla malnutrizione, ma che le famiglie non hanno "fondi per le cure" e spesso non possono viaggiare "a causa del blocco di terra, mare e aria “.
 
Fonte: Ruptly
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa