/ VIDEO. Mosca: Con i missili sovietici la difesa aerea siriana ha ...

VIDEO. Mosca: Con i missili sovietici la difesa aerea siriana ha distrutto 71 dei 100 missili lanciati da USA, Gran Bretagna e Francia

 

La maggior parte dei missili lanciati in Siria da Regno Unito, Stati Uniti e Francia sono stati intercettati dai sistemi di difesa aerea siriani, ha riferito il ministero della Difesa russo. Le unità di difesa aerea russe non sono state coinvolte nel respingere l'attacco.


Gli aerei e le navi da guerra degli Stati Uniti e dei loro alleati hanno lanciato oltre 100 missili da crociera e missili a superficie aerea sulle strutture civili e militari siriane, ha affermato il ministero della Difesa russo.
Gli attacchi sono stati condotti da due navi statunitensi stazionate nel Mar Rosso, con supporto aereo tattico dal Mediterraneo e bombardieri Lancer Rockwell B-1 della base aerea della coalizione ad Al-Tanf nella provincia di Homs, in Siria, secondo la dichiarazione.
 
L'aeroporto militare siriano Al-Dumayr, situato a 40 km a nord-est di Damasco, è stato attaccato da 12 missili da crociera, ha confermato il Ministero della Difesa russo, aggiungendo che tutti i missili sono stati intercettati dai sistemi di difesa aerea siriana.
 
Per respingere l'attacco, Damasco ha dispiegato sistemi missilistici terra-aria di fabbricazione sovietica, tra cui l'S-125 (nome in codice NATO: SA-3 Goa), S-200 (SA-5 Gammon), 2K12 Kub (SA-6 Gainful ) e Buk.
 
La Russia non ha schierato i suoi sistemi di difesa aerea situati in Siria per intercettare i missili americani, britannici e francesi.
 
In precedenza, il ministero ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiarava che nessuno dei missili lanciati dagli Stati Uniti e dai suoi alleati ha raggiunto le zone di difesa aerea russe che proteggono le strutture nella città portuale di Tartus e nella base aerea di Khmeimim.

 
Poche ore fa il Comando generale delle forze armate siriane ha confermato la versione russa sugli attacchi e la distruzione dei missili lanciati da USA, Gran Bretagna e Francia
 

 
In seguito, Sergey Rudskói, capo della gestione operativa delle forze armate dello Stato maggiore russo, ha confermato che "sono stati intercettati 71 missili da crociera", aggiungendo che i suoi obiettivi includevano basi aeree delle forze governative siriane.

Il generale ha anche riferito che Washington e i suoi alleati hanno diretto parte dell'attacco a possibili depositi di quello che chiamano "programma chimico militare" a Damasco, e alcuni di questi punti sono stati parzialmente distrutti dai missili.



 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa