/ VIDEO SHOCK. Mentre l'attenzione sul Venezuela... nel Brasile d...

VIDEO SHOCK. Mentre l'attenzione sul Venezuela... nel Brasile di Bolsonaro la polizia militare spezza un braccio ad un dirigente politico per una maglietta "Lula Libero"

 

Sui loro social Alencar Santana Braga, deputato del Partito dei lavoratori brasiliano, e la presidentessa del Partito di Lula, Glesi Hoffmann, hanno denunciato un gravissimo atto di violenza contro un dirigente del Prtito del comune di Atibaia, Geovani Deratioto, reo solo di indossare una maglietta con scritto "Lula libero".

Qui il video, sconsigliato ad un pubblico altamente sensibile.
   
Geovani Doratiotto, presidente del Partito comunale dei lavoratori (PT) di Atibaia, come potete vedere dalle immagini, ha subito la frattura del braccio da un ufficiale della polizia militare del paese all'interno di una stazione di polizia. Secondo la ricostruzione del PT, il dirigente era stato fermato durante una iniziativa durante il carnevale e poi picchiato e portato in questura perché la sua maglietta "Lula Livre" ha infastidito la polizia. 

"E 'stato ammanettato con due manette che hanno stretto il più possibile per ferire", ha riferito su Facebook Pham Dal Bello, altra dirigente del PT, presente e fermata anche lei.



Su Facebook ha ricostruito oggi tutta la vicenda. "Geovani indossava una maglietta di Lula, siamo stati offesi nel modo più violento possibile. Quando stavamo per andare via, uno di loro ha dato un pugno nell'occhio a Geovani e altri gli sono saltati sopra di lui nel modo più codardo tenendo i suoi capelli e premendo il viso contro il pavimento. Calci in testa e alle costole, due lo tenevano e altri lo picchiavano. Quando siamo arrivati in questura, Geovani è stato ammanettato in modo così stretto che l'obiettivo era chiaramente quello di ferirlo. Quando ho fatto loro presente che era diabetico e che le estremità erano diventate viola, solo allora lo hanno liberato.", ha dichiarato.

"Dall'esterno ho visto poliziotti difendendo le aggressioni rivolte a Geovani per il semplice fatto che indossava una maglietta di Lula. Ha riportato il braccio rotto da un poliziotto per aver protestato per le lesioni subite dall'uso di due manette. Gli hanno rotto l'Omero e ha perso il movimento delle dita. Viviamo una delle fasi più oscurantisti della storia del paese, siamo attaccati gratuitamente e le nostre vite valgono meno di una maglietta. Non ci fermeranno!", ha concluso.








 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa