/ Zarif a Netanyahu: l'occupazione illegale della Palestina e l'apa...

Zarif a Netanyahu: l'occupazione illegale della Palestina e l'apartheid non dureranno molto

 

"Nonostante le accuse di Netanyahu, l'occupazione illegale (della Palestina da parte del regime israeliano) è in realtà la causa della maggior parte delle calamità che si verificano nella nostra regione", ha dichiarato Zarif attraverso il proprio account su Twitter



HISPANTV
 

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha respinto le dichiarazioni del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, che ha accusato i palestinesi di abbandonare il tavolo delle trattative e Teheran di destabilizzare la regione mediorientale.

 

"Nonostante le accuse di Netanyahu, l'occupazione illegale (della Palestina da parte del regime israeliano) è in realtà la causa della maggior parte delle calamità che si verificano nella nostra regione", ha dichiarato Zarif attraverso il proprio account su Twitter.

 

La storia ci mostra l'impossibilità di occupare in modo permanente le terre di un'altra nazione, precisa il ministro degli esteri iraniano. "Questa occupazione e il sistema di apartheid che la sostiene non dureranno a lungo", prevede.

 

Netanyahu, nel suo discorso alla Commissione Statunitense per gli Affari Pubblici di Israele (AIPAC) tenutosi a Washington, capitale degli Stati Uniti, ha accusato le autorità palestinesi di abbandonare il tavolo di dialogo per la pace, sostenendo che i palestinesi "stanno fuggendo dai negoziati in ogni modo possibile".

 

In un altro punto del suo discorso, Netanyahu ha anche accusato la Repubblica Islamica dell'Iran di essere il motivo principale delle crisi in corso in paesi come Siria, Libano, Yemen e Iraq.

 

Invece, Abbas Zaki, membro del comitato centrale del Movimento Palestinese di Liberazione Nazionale (Fatah), ha denunciato: “Paesi arabi come la Siria, l'Iraq e lo Yemen sono testimoni di una situazione critica a causa delle cospirazioni orchestrate dagli Stati Uniti per provocare differenze settarie, etniche e religiose tra i musulmani”, e ha invitato i paesi arabi a unirsi alla Repubblica Islamica dell'Iran per porre fine alle violazioni e ai piani nefasti del regime israeliano nella regione.

 

Ovviamente, Netanyahu ha anche ringraziato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per la sua promessa di abbandonare l'accordo nucleare raggiunto nel 2015 tra l'Iran e il G5+1 (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia e Cina, più la Germania ) e ha assicurato che Israele e i suoi vicini arabi sosterranno tale decisione.

 

Ai primi di gennaio, Trump ha minacciato di ritirarsi dal patto nucleare a meno che Regno Unito, Francia e Germania accettino di cambiare a proprio piacimento quanto tacciato di essere il "peggior accordo”: la sua esigenza fondamentale è quella di restringere il potere balistico iraniano.

 

L'Iran, da parte sua, ha avvertito che potrebbe ripristinare la sua capacità nucleare se gli Stati Uniti violassero l'accordo attraverso sanzioni economiche.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa