Europlot/Yanis Varoufakis: "Comunque vada al Consiglio, l'Italia sarà pieg...

Yanis Varoufakis: "Comunque vada al Consiglio, l'Italia sarà piegata dall'elefante nella stanza che nessuno nota"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Sul suo blog, l'ex ministro delle finanze greco e fondatore di Diem 25 Yanis Vaorufakis scrive a proposito dello stallo nella trattativa sul cosiddetto Recovery Fund, un'alchimia finanziaria operativa comunque dal 2021 (qualunque sia entità e condizionalità che si imporranno) quando dell'Italia sarà rimasto poco. "Mentre i media stanno riportando la notizia dei negoziati del vertice UE in stallo sul cosiddetto "Fondo di recupero", prevale un inquietante silenzio per quanto riguarda l'Elefante nella stanza: l'enorme ondata di austerità verso cui l'Eurozona sta sonnambulando. Diamo un'occhiata ai fatti.", scrive Varoufakis.


E quali sono i fatti? Secondo l'ex ministro delle finanze greco anche se i "frugali" dovessero rimuovere tutte le loro obiezioni al Recovery Fund, "l'effetto fiscale netto in tutta la zona euro non sarà superiore all'1% annuo per tre anni." Ed ecco poi a voi "l'elefante nella stanza: il temuto ritorno dell'obbligo di bilanciare i bilanci pubblici, il famigerato patto fiscale."

Secondo lo scenario ottimistico della Commissione europea, prosegue Varoufakis, il bilancio medio della zona euro nel 2020 sarà -8% del PIL totale della zona euro. Di questo, il prossimo anno, la nascente ripresa dello stato stazionario eliminerà, nella migliore delle ipotesi, il 4%, lasciando l'Eurozona, in media, con un deficit di bilancio del 2021 del -4%. Inoltre, dato che si tratta di una media, alcuni paesi (ad esempio Italia e Grecia) si trovano ad affrontare, nel 2021, un disavanzo di bilancio statale costante superiore al -8% (in calo rispetto al -15% nel 2020). Ciò significa che, per tornare a bilanci equilibrati, in media, l'Eurozona imporrà un'austerità fiscale di circa il 4% del suo PIL aggregato, con paesi come l'Italia e la Grecia che affronteranno un incubo di austerità superiore all'8% del loro PIL schiacciato .

Se ciò dovesse accadere, la spinta fiscale annuale dell'1% del Fondo di recupero sarà contrastata da un'ondata di austerità fiscale del 4%. Mentre l'Europa inizierà a riprendersi dagli effetti disastrosi della pandemia, Bruxelles colpirà le nostre economie in testa con una mazza. Eppure, ultima prova che l'establishment dell'Unione Europea assomiglia ai Borboni (in quanto non dimenticano nulla e non imparano nulla!), I nostri grandi e buoni leader si rifiutano di discutere questo minaccioso Elefante nella Stanza, scegliendo invece di investire ore in infinite trattative sul 1 % di incentivo fiscale e se dovrebbe essere ridotto o come sarà gestito.

Sui due probemi reali al centro della discussione - "ancora una volta, i negoziati per tutta la notte a Bruxelles, nel mezzo di una crisi paralizzante, si stanno concentrando sulle questioni minori ed evitano scrupolosamente di parlare dell'Elefante nella stanza" - Varoufakis sottolinea come siano:  la "Condizionalità" -  gli olandesi (e gli altri che si nascondono dietro di loro, tra cui oserei dire ... Berlino) vogliono pre-condizioni per l'erogazione (ad es per il governo italiano i tagli delle pensioni prima che raccolga denaro) e i "Rimborsi" - un modo per pacificare i governi che non vogliono essere visti dai loro elettori per cedere alla mutualizzazione (ad esempio il Primo Ministro olandese) o che non si trovano nella zona euro e non riescono a capire perché dovrebbero pagare per il suo mal design ( es. Svezia), prometterà loro sconti per i soldi impegnati. Tuttavia, ciò significa che, per preservare la dimensione del Fondo, paesi come Germania, Francia e, sì, Italia, devono sborsare di più.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa