/ Partito curdo: Il rifugiato "sgambettato"da una giornalista unghe...

Partito curdo: Il rifugiato "sgambettato"da una giornalista ungherese era legato ad Al Qaeda

 

Il rifugiato siriano Abdul Mohsen Osama, divenuto famoso dopo essere stato "sgambettato" da un giornalista ungherese, secondo la formazione curda, Partito dell' Unione Democratica (PYD), avrebbe fatto parte del gruppo terroristico al Nosra, legato ad Al Qaeda.

"Osama Abdul si è unito ai gruppi ribelli nel 2011 ed ha commesso crimini contro i civili, le minoranze, tra le quali i curdi", si legge in un comunicato pubblicato sul sito del Partito dell'Unione Democratica (PYD), ramo siriano del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).
Nello stesso messaggio si  aggiunge che "ci sono le testimonianze di molti curdi con immagini raccolte dal profilo Facebook di Mohsen", che forniscono la prova del sul coinvolgimento maschile nelle attività del Fronte al Nusra.

Il PYD sostiene inoltre che Osama Abdul Mohsen vivena nella città siriana di Tel Abyad e ha deciso di fuggire quando le forze curde hanno preso il controllo nel mese di luglio, "nel timore" che il suo coinvolgimento con il gruppo terroristico fosse rivelato.

In precedenza è stato riferito che Abdul Mohsen Osama viveva nella città siriana di Deir ez Zor dove allenava una squadra di calcio.
E in base alle informazioni che sono apparso in vari media, l'uomo aveva lasciato la città dopo l'arrivo dei terroristi dello Stato islamico.

 
Nella città ungherese di Röszke al confine con la Serbia, centinaia di profughi, tra cui Osama e suo figlio, sono stati inseguiti dalla polizia quando la reporter Petra Laszlo, della Tv ungherese N1TV ungherese, con uno sgambetto lo fece cadere a terra. Il video dell'incidente è divenuto virale e ha scatenato una valanga di critiche. Dopo l'incidente, N1TV ha annunciato sulla sua pagina Facebook che Petra Laszlo era stata licenziata.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa