/ "La storia non è una linea retta". Noam Chomsky e la nuova lotta ...

"La storia non è una linea retta". Noam Chomsky e la nuova lotta di classe nella dittatura dell'austerità

 

"La Grecia di Tsipras avrebbe potuto rompere con i banchieri dell'eurocrazia solo con il sostegno dell'Europa del sud".

 
La scorso fine settimana presso la New School di New York City, il giornalista freelance Tommaso Segantini ha intervistato il grande intellettuale americano Naom Chomsky. “L'austerità è una decisione politica intrapresa per scopi precisi." E non ha ancora ultimato i suoi effetti, ha ribadito l'intellettuale. L'intervista completà è stata riportata dalla rivista on-line Jacobinmag.
 
Sulla crisi della zona euro Chomsky ha dichiarato: “L'integrazione europea ha avuto sviluppi molto positivi in ​​certi aspetti ed è stato dannoso in altri, soprattutto quando è sotto il controllo dei poteri economici estremamente reazionari, che impongono politiche economicamente distruttive e che sono di fatto una forma di lotta di classe”.
 
Sul perché in Europa non ci sia una reazione forte a tutto questo Chomsky spiega: “Beh, i paesi deboli non stanno facendo cartello. Se la Grecia avesse avuto il sostegno di Spagna, Portogallo, Italia avrebe potuto resistere alle forze Eurocratiche”. E ancora: “Alexis Tsipras, leader della Syriza, è stato eletto come primo ministro della Grecia con un mandato chiaro, ma ha dovuto fare molti compromessi a causa della pressione imposta su di lui dai poteri finanziari, ed è stato costretto ad attuare dure misure di austerità. Come ho detto, nel caso della Grecia, se ci fosse stato il sostegno popolare per la Grecia da altre parti d'Europa, Atene avrebbe potuto resistere all'assalto dell'alleanza di banchieri eurocratici.
Ma la Grecia era sola - non ha avuto molte opzioni”.
 
Sulla possibilità di un'uscita dall'euro della Grecia da parte di Tsipras, Chomsky resta molto scettico: “Ci sono ottimi economisti come Joseph Stiglitz che pensano che la Grecia avrebbe dovuto uscire e non cedere ai ricatti. E 'un passo molto rischioso. La Grecia è una piccola economia e sarebbe debole nel resistere alle pressioni esterne. Ci sono persone che criticano la tattica di Syriza e il supporto che hanno preso, ma penso che sia difficile vedere quali opzioni avessero con la mancanza di supporto esterno”. Anche qui l'intellettuale americano fa riferimento ad una solidarietà e condivisione che dovrebbe nascere tra i paesi dell'Europa del sud per rompere le catene imposte oggi attraverso l'austerità.
 
Infine una conclusione che andrebbe stampata, per rileggerla decine di volte: “Le politiche neoliberiste sono una regressione della storia. Per la maggior parte della popolazione negli Stati Uniti, ad esempio, c'è stata una situazione di stagnazione e declino nell'ultima generazione. E non a causa di tutte le leggi economiche.Proprio come l'austerità in Europa non è una necessità economica - in realtà, è una sciocchezza economica. Ma si tratta di una decisione politica intrapresa da chi ha in mente progetti precisi per scopi personali precisi. Penso che in fondo sia una sorta di lotta di classe, e si può resistere, ma non è facile. La storia non va in linea retta”.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa