/ Perché l'euro è una moneta morta

Perché l'euro è una moneta morta

 

Martin Armstrong: "La troika, una cricca di non eletti, è fuori controllo e commette azioni che hanno sempre portato alle rivoluzioni"

 
Il noto analista ed esperto di finanza Martin Armstrong sul suo blog scrive spesso come un governo sia in grado di prendere qualunque misura e giustificarla, anche un atto criminale. Da questo punto di vista, l'UE è maestra ed ha mantenuto la sua tradizione, imponendo una misura che a partire dal 1 gennaio 2016 costringerà i greci a rendere note i conti bancari, qualunque gioiello possiedono, e il contenuto delle loro azioni e stock valutari, sotto pena di sanzioni penali. 
 
La dittatura della Troika, questo il termine utilizzato da Armstrong, ha imposto che i greci debbano essere i primi a dover segnalare tutti i beni personali. Atene continua ad essere l'esperimento sociale per tutte le altre popolazioni. Perché il governo greco non ha rotto con la zona euro resta una follia e il governo greco ha tradito il suo popolo, prosegue Armstrong.

La troika continuerà a scuotere ogni greco verso il basso fino a rubargli ogni bene personale che ha.
I greci sono solo il primo banco di prova. Tutti i greci dovranno dichiarare il denaro contante oltre € 15.000 euro, gioielli del valore di oltre 30.000 euro e il contenuto dei loro armadietti/strutture. Si tratta di un decreto del Ministero della Giustizia e del Ministero delle Finanze e quindi i trasgressori saranno dei criminali per la legge greca.
 
La troika, una cricca di non eletti, è fuori controllo e sta trasformando un'Europa democratica in un regime che spoglierà i greci di tutti i suoi beni. Si sta distruggendo l'Europa, conclude Armstrong, attraverso azioni autoritarie da parte dei governi che hanno sempre portato alle rivoluzioni.  Per quanto tempo l'UE può rimanere insieme?
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa