/ 20 MORTI, 220 FERITI PER UN VIRUS MORTALE IN UCRAINA FUORIUSCITO ...

20 MORTI, 220 FERITI PER UN VIRUS MORTALE IN UCRAINA FUORIUSCITO DA UN LABORATORIO USA

 

 
Nel bel mezzo del cosiddetto "cessate il fuoco" in Ucraina, anche se i bombardamenti sono in corso in molte regioni, l'agenzia di stampa del Donbass News International riporta che più di 20 soldati ucraini sono morti e più di 200 soldati sono stati ricoverati in ospedale per un virus mortale chiamato "California Flu", immune a tutti i farmaci, "fuggito" da un laboratorio statunitense nei pressi della città di Kharkov.
 
La presenza del virus mortale in territorio ucraino è stata registrata per la prima volta il 12 gennaio: "Secondo il personale medico delle unità AFU (esercito ucraino) sono state registrate malattie di massa tra il personale militare ucraino in questo campo. I medici hanno registrato il virus sconosciuto a seguito del quale l'infetto registra la febbre alta che non può essere soggiogata da nessun farmaco. Finora dal virus sono morti più di venti militari.
Il tutto viene accuratamente nascosto"
, ha detto il vice comandante delle forze del Donbass, Basurin, in un'intervista al quotidiano nazionale. "Continuiamo a registrare fatti nuovi di crescere le epidemie di infezioni respiratorie acute tra i militari ucraini", ha proseguito.
 
Solo dall'inizio di questa settimana oltre 200 militari ucraini sono stati accolti negli ospedali civili e militari di Kharkov e Dnepropetrovsk. E 'importante ribadire che l'intelligence del Donbass avesse denunciato le ricerche in corso in un laboratorio privato a Shelkostantsiya, a 30 km dalla città di Kharkov, già da tempo, sottolinea Zero Hedge. Esperimenti che coinvolgevano esperti militari degli Stati Uniti. "Secondo le nostre informazioni, è lì dove il micidiale ceppo influenzale californiano è trapelato", ha concluso Basurin. 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa