/ Brexit. Perché non è una vittoria delle xenofobie

Brexit. Perché non è una vittoria delle xenofobie

 

di Diego Angelo Bertozzi
 
Infranto il "dogma" Unione Europea. Rifilato un sonoro schiaffo ai "chierici" dell'europeismo sempre e comunque, alle vestali del "ci vuole più Europa". Il risultato indebolisce - in prospettiva futura - anche il "terrorismo" mediatico che puntualmente, con tutto il bagaglio catastrofista, viene sparso a piene mani in occasione di ogni appuntamento elettorale che coinvolge l'Ue: il sole è sorto anche oggi e Londra non è sprofondata nell'Atlantico.

 
Dato su cui riflettere: il "leave" vince con alte percentuali nelle zone di maggiore sofferenza sociale ed economica, in zone operaie e di voto tradizionalmente di sinistra. Vince, quindi, tra le vittime della restaurazione liberale e dell'offensiva del Capitale. Lasciamo alle destre razziste la critica all'Unione Europea del massacro sociale e della guerra?
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa