/ 2016: Un anno di vittorie decisive per l'Esercito siriano

2016: Un anno di vittorie decisive per l'Esercito siriano

2016: Un anno di vittorie decisive per l'Esercito siriano
 

2016, un anno di grandi vittorie per l'Esercito siriano. Dalla Liberazione di Aleppo ai fronti di Latakia e Damasco. Resta il neo della riconquista di Palmira da parte dell'ISIS. Però, una cosa è certa, con le vittorie conseguite, nel 2017, c'è fiducia per ottenere la definitiva sconfitta dei terroristi e dei suoi sponsor: USA, NATO, UE, Israele, Turchia, Monarchie del Golfo

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Durante il 2015, l'Esercito siriano ha subito alcune importanti perdite territoriali per mano di terroristi nella provincia di Idleb e Lattakia e l'ISIS ha proseguito la sua avanzata nella Siria orientale fino ad assediare la città di Deir ez-Zor. Il problema fondamentale delle truppe siriane era la mancanza di uomini per affrontare i vari fronti del paese.
 
Nel mese di settembre, tuttavia, la Russia è entrata fisicamente nel conflitto siriano, fornendo supporto aereo e logistico per l'esercito siriano.
 
L'Air Force russa, con aerei e elicotteri, ha raso al suolo le postazioni dei gruppi terroristici e fornito il supporto necessario all'esercito siriano per rilanciare le sue offensive in tutta la Siria.
 
In poche settimane, l'Esercito siriano è entrato provincia meridionale di Idleb, ha preso diverse montagne nel nord-est di Latakia, ha sollevato da un assedio di 3 anni i l' Aeroporto militare Kuweires e ha preso gran parte delle pianure di Al-Safira, ad est nella provincia di Aleppo.
 
Cambiato il corso degli eventi ad Aleppo e Latakia
 
Nel 2016, le battaglie a Latakia e Aleppo sono cambiate drasticamente e l'Esercito siriano ed i suoi alleati hanno preso gran parte del territorio, in mezzo al crollo delle difese dei gruppi terroristici su più fronti.
 
Quelli che erano i distretti inespugnabili nelle mani dei terroristi nella parte orientale della città di Aleppo e le aspre montagne che si affacciano sul confine turco a nord-est Latakia sono caduti rapidamente nelle mani dell'Esercito siriano e dei suoi alleati.
 
A metà dicembre, l'esercito siriano ha ripreso il controllo di Aleppo Est, tolto l&# 39;assedio di tre anni sulle città di Al Zahra e Nubbul e liberato praticamente l'intero nord est di Latakia.
 
Crollo dei terroristi a Damasco
 
Mentre tutti gli occhi erano su Aleppo, molti osservatori di questo conflitto hanno ignorato il rapido crollo dei terroristi nella provincia di Damasco.
 
Questo crollo è iniziata nei primi mesi del 2016, quando l'Esercito siriano ha iniziato due offensive simultanee contro Darayya, nel Ghouta sia occidentale che orientale, liberando diverse città e le colline prima della fine dell'inverno.
 
Dopo diversi mesi, l'Esercito siriano ha recuperato Darayya, Jan Shaykh e Muadhimiyah.
 
Nel Ghouta orientale, seppur non totalmente liberato, l'esercito siriano è stato in grado di conquistare più della metà del territorio controllato dai terroristi, tra cui diverse postazioni importanti.
 
Nuovo anno e nuove battaglie
 
Nonostante alcune battute d'arresto per mano dell'ISIS, alla fine del 2016 il gruppo terroristico ha riconquistato Palmyra, l'Esercito siriano avvia il 2017 con il morale alto e una buona dose di ottimismo.
 
Un cessate il fuoco a livello nazionale ha congelato i gruppi ribelli e liberati migliaia di soldati siriani per combattere Al-Nusra e ISIS, che sono i due gruppi più potenti che combattono contro l'esercito siriano.
 
Nelle prossime settimane, l'Esercito siriano avvierà nuove offensive in tutto il paese, al fine di capitalizzare i successi ottenuti nel 2016.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: Al Masdar
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: CNN

McCain si reca in Siria in segreto e incontra le forze USA

Secondo la CNN, il senatore statunitense John McCain è stato in Siria la scorsa settimana, dove ha visitato le truppe degli Stati Uniti e ha sostenuto la necessita di un'azione militare più aggressiva nel paese arabo.

Questo viaggio segreto è stato confermato, ieri, da Julie Tarallo, portavoce del senatore repubblicano,...
Notizia del:

McCain incontra Erdogan: pessime notizie per la Siria

Piccole Note «Oggi ho avuto un incontro caloroso e costruttivo con il presidente Erdogan. Sono stato fautore da lungo tempo dell’alleanza tra gli Stati Uniti e la Turchia...
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar- Walla

I Jet da combattimento israeliani hanno attaccato le postazioni dell'esercito siriano e di Hezbollah in Siria

L'aviazione israeliana ha bombardato, ieri notte, le posizioni dell'esercito siriano e di Hezbollah vicino al confine con il Libano.

Un aereo da guerra israeliano ha lanciato missili contro obiettivi dell'esercito siriano e combattenti del...
Notizia del:     Fonte: sueddeutsche.de

L'Arabia Saudita intende inviare forze di terra e speciali in Siria

Il ministro degli esteri saudita, Adel al-Jubeir, ha dichiarato che Riyadh potrebbe inviare truppe di terra in Siria per combattere il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

In un'intervista esclusiva con il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, pubblicata ieri, Al-Jubeir ha...
Notizia del:     Fonte: kp.ru

Cosa potrebbe accadere se Trump attaccasse l'Iran?

Esperti e analisti hanno analizzato le possibili conseguenze di un attacco degli USA all'Iran.

Dopo l'insediamento alla Casa Bianca, Donald Trump, ha descritto l'Iran come lo "stato numero del...
Notizia del:

La nuova bufala del mainstream contro la Siria si chiama "bombardamenti al cloro"

Brucia ancora ai media mainstream la liberazione di Aleppo. Che ora rispondono diffondendo la “notizia”– patrocinata da un Rapporto di Human Rights Watch (HRW) –...
Notizia del:     Fonte: Ynetnews

'I missili da crociera di Hezbollah cambieranno le regole del gioco'

Secondo la stampa israeliana, Hezbollah possiede missili da crociera supersonica anti-nave che cambieranno le regole del gioco nella regione.

Alti funzionari di diverse agenzie di intelligence occidentali, fonti considerate "altamente affidabili"...
Notizia del:     Fonte: cbsnews

Donald Trump conferma di voler creare "zone sicure" in Siria

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ieri, ha dichiarato che il suo paese creerà "zone sicure" in Siria e in altri paesi del Medio Oriente.

"I paesi (arabi) Golfo dovrebbero pagare per le aree sicure in Siria dove la gente possa rimanere per evitare...
Notizia del:     Fonte: Al Arabiya

Erdogan: Continueremo l'addestramento dei 'ribelli' contro Assad

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha confermato che Ankara continuerà l'addestramento dei "ribelli" in lotta contro il presidente siriano Bashar al-Assad.

"La Turchia, così come è stato discusso con i funzionari sauditi e europei continuerà...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Siria, le città di Kafraya e Al-Fua, assediate dai "ribelli" sostenuti dell'Occidente, sull'orlo della catastrofe umanitaria

Gli abitanti delle città siriane di Al-Fua e Kafraya affrontano una situazione umanitaria critica, a causa dell'assedio asfissiante imposto loro dai sedicenti "ribelli" appoggiati dall'occidente.

Il blocco è stato attuato dalle organizzazioni terroristiche, alcune delle quali definite dai governi...
Le più recenti da Siria e dintorni
Notizia del:     Fonte: Al MAsdar- Walla

I Jet da combattimento israeliani hanno attaccato le postazioni dell'esercito siriano e di Hezbollah in Siria

L'aviazione israeliana ha bombardato, ieri notte, le posizioni dell'esercito siriano e di Hezbollah vicino al confine con il Libano.

Un aereo da guerra israeliano ha lanciato missili contro obiettivi dell'esercito siriano e combattenti del...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

VIDEO. Siria, le città di Kafraya e Al-Fua, assediate dai "ribelli" sostenuti dell'Occidente, sull'orlo della catastrofe umanitaria

Gli abitanti delle città siriane di Al-Fua e Kafraya affrontano una situazione umanitaria critica, a causa dell'assedio asfissiante imposto loro dai sedicenti "ribelli" appoggiati dall'occidente.

Il blocco è stato attuato dalle organizzazioni terroristiche, alcune delle quali definite dai governi...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Report Guerra in Siria, ultimo aggiornamento

Nel corso degli ultimi due mesi, il conflitto siriano ha visto drastici cambiamenti su diversi fronti, comprese le zone dove non si combatteva da anni.

Ultimo report della guerra in Siria realizzato da Al Masdar-News.   Damasco   Tra i maggiori cambiamenti...
Notizia del:     Fonte: Europe 1

VIDEO. Assad: L'Occidente paga il prezzo di aver appoggiato Al-Qaeda

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha ribadito che l'Occidente sta pagando il prezzo per aver sostenuto il gruppo terroristico di Al-Qaeda in Siria.

"L'Occidente ha fornito sostegno ai gruppi armati in Siria, affermando che queste bande sono 'moderate'...
Notizia del:     Fonte: Webdo

I tunisini che combattono con l'Esercito siriano nel sogno dell'Unità araba socialista

Non solo combattenti per l'ISIS in Siria. Ecco i tunisini che combattono con l'Esercito siriano contro i gruppi terroristici.

Tuttavia, non si molto su questi tunisini che hanno aderito al gruppo della 'Guardia nazionale araba"...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Hezbollah su Trump: L'arrivo di uno 'stupido' alla Casa Bianca non ci preoccupa

Il Segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah ha assicurato che no teme l'arrivo di un presidente "stupido" alla Casa Bianca come Donald Trump.

Come ha riportato il canale iraniano in lingua spagnola, 'HispanTV', il leader del Movimento di resistenza...
Notizia del:     Fonte: Sana.sy

Assad: "Il mio compito non è chiedere di accogliere i rifugiati siriani, ma di ristabilire la sicurezza per farli tornare in Siria"

Il Presidente siriano Bashar Al-Assad ha dichiarato, in un'intervista con il sito Yahoo News, che la sua responsabilità non è quella di chiedere a qualsiasi presidente di consentire l'ingresso dei siriani nel loro paese per accoglierli come rifugiati, ma ripristinare la stabilità per farli tornare in Siria.

Rispondendo a una domanda circa la decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di impedire il flusso...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa