/ 400mila posti di lavoro in più se Londra esce dall'Unione doganal...

400mila posti di lavoro in più se Londra esce dall'Unione doganale con l'Ue. Change Britain

400mila posti di lavoro in più se Londra esce dall'Unione doganale con l'Ue. Change Britain
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
 Un nuovo rapporto del gruppo di pressione Change Britain stima che lasciando il mercato unico e l'Unione doganale con l'UE, la Gran Bretagna guadagnerebbe fino a 24 miliardi di sterline in un anno, o 450 milioni a settimana. Il rapporto calcola il Regno Unito potrebbe guadagnare 10 miliardi di sterline nette all'anno dalla riduzione dei contributi di bilancio per l'Unione europea, tra 1 e 4 miliardi di sterline un anno dalla rottamazione di alcune norme costose dell'UE e tra 8,5 e 19.8 milini dalla conclusione di nuovi accordi commerciali.  

Il Regno Unito diventerà un "faro del libero commercio globale" e creerà circa 400.000 nuovi posti di lavoro se Londra deciderà si uscire anche dall'Unione doganale come parte delle trattative sulla Brexit, si legge sul Telegraph. che cita il rapporto di Change Britain. "Lasciando l'unione doganale con l'Unione europea e stringendo accordi commerciali con appena otto paesi stranieri, Londra creerà centinaia di migliaia di posti di lavoro nelle industrie manifatturiere e nei servizi.

Utilizzando stime della Commissione europea su potenziali accordi con paesi come l'India, la Cina, il Giappone e il Canada, l'analisi di Change Britain prevede che la Gran Bretagna, concludendo accordi con otto paesi, potrebbe ottenere esportazioni extra per 20 miliardi di sterline e creare 387.580 posti di lavoro nelle industrie manifatturiere e dei servizi.

Michael Gove, l'ex Segretario di Stato della giustizia che sostiene il gruppo, ha detto: "Il Regno Unito ha un futuro prospero davanti a sé se lasciamo l'unione doganale dell'UE e diventiamo un faro di libero scambio globale.

" Mentre sigliamo nuovi accordi commerciali con le economie in crescita del 21 ° secolo, si creeranno centinaia di migliaia di posti di lavoro in tutto il paese, rafforzando le comunità in tutto il Regno Unito e la garanzia che tutti sentano i benefici della crescita economica.

"Ma per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo riprendere il controllo della nostra politica commerciale. Solo allora potremo realizzare il pieno potenziale di questa grande nazione commerciale "
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

La Camera bassa olandese approva la ratifica dell'Accordo UE-Ucraina bocciato dal referendum popolare

La Camera bassa del Parlamento olandese ieri sera ha votato a favore della ratifica dell'accordo di associazione UE-Ucraina, dopo che questo era stato respinto dai cittadini olandesi lo scors oanno...
Notizia del:

Una "costruzione difettosa". Steve Bannon, Capo stratega di Trump, sull'Ue

 Stephen Bannon, chief strategist del Presidente degli Stati Uniti,  Donald Trump, avrebbe definito l'Ue una "costruzione difettosa" dell'Unione Europea durante un suo recente...
Notizia del:

Emmanuel Macron porta ai cittadini francesi a Londra il suo messaggio pro-Ue

Il candidato alla presidenza francese Emmanuel Macron ha provato a lucidare la sua statura internazionale con una visita a sorpresa a Londra, martedì, dove ha incontrato il primo ministro e il...
Notizia del:

Juncker: "Il conto della Brexit sarà salato" per gli inglesi

  Il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha avvertito che il Regno Unito dovrà sostenere un costo per la Brexit "molto pesante" e di non aspettarsi uno "sconto...
Notizia del:

Marine Le Pen rafforza la sua posizione nella corsa presidenziale francese. Sondaggio OpinionWay

 Un nuovo sondaggio di OpinionWay per Les Echos suggerisce che il leader del Fronte Nazionale, Marine Le Pen, potrebbe ottenere oltre il 40% dei voti nel round finale delle elezioni presidenziali...
Notizia del:

La Grecia si piega alle pressioni dell'Eurogruppo: nuove misure aggiuntive

 La Grecia e i suoi creditori hanno concordato lunedi il ritorno ad Atene degli esperti del Fondo monetario internazionale e dell'UE e di negoziare "un pacchetto aggiuntivo di riforme strutturali",...
Notizia del:

La tragedia dell'estrema povertà in Grecia

Gli standard di vita in Grecia sono crollati mentre la disoccupazione, la povertà, la disuguaglianza e dure misure di austerità continuano a lacerare il tessuto sociale del paese mediterraneo. Mentre...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa