/ 400mila posti di lavoro in più se Londra esce dall'Unione doganal...

400mila posti di lavoro in più se Londra esce dall'Unione doganale con l'Ue. Change Britain

400mila posti di lavoro in più se Londra esce dall'Unione doganale con l'Ue. Change Britain
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 
 Un nuovo rapporto del gruppo di pressione Change Britain stima che lasciando il mercato unico e l'Unione doganale con l'UE, la Gran Bretagna guadagnerebbe fino a 24 miliardi di sterline in un anno, o 450 milioni a settimana. Il rapporto calcola il Regno Unito potrebbe guadagnare 10 miliardi di sterline nette all'anno dalla riduzione dei contributi di bilancio per l'Unione europea, tra 1 e 4 miliardi di sterline un anno dalla rottamazione di alcune norme costose dell'UE e tra 8,5 e 19.8 milini dalla conclusione di nuovi accordi commerciali.  

Il Regno Unito diventerà un "faro del libero commercio globale" e creerà circa 400.000 nuovi posti di lavoro se Londra deciderà si uscire anche dall'Unione doganale come parte delle trattative sulla Brexit, si legge sul Telegraph. che cita il rapporto di Change Britain. "Lasciando l'unione doganale con l'Unione europea e stringendo accordi commerciali con appena otto paesi stranieri, Londra creerà centinaia di migliaia di posti di lavoro nelle industrie manifatturiere e nei servizi.

Utilizzando stime della Commissione europea su potenziali accordi con paesi come l'India, la Cina, il Giappone e il Canada, l'analisi di Change Britain prevede che la Gran Bretagna, concludendo accordi con otto paesi, potrebbe ottenere esportazioni extra per 20 miliardi di sterline e creare 387.580 posti di lavoro nelle industrie manifatturiere e dei servizi.

Michael Gove, l'ex Segretario di Stato della giustizia che sostiene il gruppo, ha detto: "Il Regno Unito ha un futuro prospero davanti a sé se lasciamo l'unione doganale dell'UE e diventiamo un faro di libero scambio globale.

" Mentre sigliamo nuovi accordi commerciali con le economie in crescita del 21 ° secolo, si creeranno centinaia di migliaia di posti di lavoro in tutto il paese, rafforzando le comunità in tutto il Regno Unito e la garanzia che tutti sentano i benefici della crescita economica.

"Ma per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo riprendere il controllo della nostra politica commerciale. Solo allora potremo realizzare il pieno potenziale di questa grande nazione commerciale "
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Germania. Il partito della Merkel vince le elezioni regionali del Saarland

Il partito CDU del cancelliere tedesco Angela Merkel ha vinto la prima delle tre elezioni regionali in vista delle elezioni nazionali in Germania entro la fine dell'anno. Il 40,7% degli elettori...
Notizia del:

Theresa May potrebbe offrire alla Scozia più poteri dopo la Brexit

Il primo ministro britannico, Theresa May, potrebbe accennare a più poteri per la Scozia dopo la Brexit, nel tentativo di evitare un secondo referendum per l'indipendenza scozzese, quando arriverà...
Notizia del:

La Turchia potrebbe tenere un referendum sui negoziati di adesione all'UE

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha detto che potrebbe indire un referendum sul se continuare con i negoziati di adesione dell'Unione europea. Ciò avverrebbe dopo il referendun...
Notizia del:

Vladimir Putin riceve Marine Le Pen al Cremlino

Nella visita di Marine Le Pen al Cremlino, Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia non rinuncerà ad incontrare tutti i candidati presidenziali che riterrà opportuno . "Cara Madame...
Notizia del:

Attacco a Londra. Per Scotland Yard si tratta di un atto di terrorismo

 Oggi pomeriggio c’è stato un attacco vicino al Palazzo di Westminster, sede del Parlamento di Londra. I testimoni hanno riferito di un'auto che ha investito alcune persone su Westminster...
Notizia del:

"Un'Europa ridotta in macerie dai burocrati come Dijsselbloem"

Jeroen Dijsselbloem, ministro delle Finanze dei Paesi Bassi e presidente dell’Eurogruppo, ha detto alla Frankfurter Allgemeine Zeitung che "i paesi in crisi" dovrebbero attenersi...
Notizia del:

L'insoddisfazione economica dei giovani francesi spinge il Fronte Nazionale verso il suo miglior risultato di sempre

dal Financial Times*  In queste elezioni francesi piuttosto sorprendenti, con i candidati favoriti che crollano durante il percorso e quelli ribelli, tra cui Marine Le Pen, in testa ai sondaggi,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa