/ 50 giorni senza governo: c'è del marcio in Germania!

50 giorni senza governo: c'è del marcio in Germania!

50 giorni senza governo: c'è del marcio in Germania!
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

C’è del marcio in Germania. Sono passati più di 50 giorni dalle elezioni che hanno consegnato (così ci hanno raccontato) la vittoria all’invincibile Angela Merkel. La verità come sempre è diversa dalla narrazione di regime, e tra le pieghe delle cose non dette e quelle travisate si nasconde sempre qualcosa in più.

 

Dopo quasi due mesi, i partiti che stanno negoziando le condizioni per la Jamaika Koalition si sono finalmente dati il termine per un accordo preliminare fissandolo a questo giovedì. Il pre-accordo riguarderà le priorità politiche su cui focalizzarsi e compromessi da accettare per portarle avanti. Se le parti troveranno una convergenza, la probabilità di un accordo finale diventerà molto elevata, Tuttavia, l’esito positivo non è scontato. L’aspettativa degli analisti è che la coalizione alla fine ci sarà, ma allo stato attuale non si ha idea di come sarà composta e quale sarà la postura del nuovo governo tedesco. Dalla vittoria di Emmanuel Macron in Francia gli europeisti sperano in un rinnovato asse franco-tedesco a guida Macron-Merkel che si metta a riformare l’Eurozona per ridare slancio al progetto europeo, ma la realtà è quella di un Macron debole in Francia e di una Merkel appesa a un governo che come minimo sarà molto tiepido nei confronti delle tanto auspicate riforme euro-solidali

 

La Jamaika Koalition, cioè un governo composto dall’alleanza tra democristiani della CDU/CSU, i liberali di FPD e gli ambientalisti di Grünen è diventata l’unica opzione possibile per la Germania dopo le elezioni che hanno visto un successo anomalo del partito di estrema destra AfD. Riproporre l’alleanza CDU/CSU con l’SPD avrebbe assegnato all’AfD il ruolo di primo partito d’opposizione, dando così a un partito di estrema destra considerato impresentabile tutta una serie di prerogative molto importanti nella vita politica tedesca, rendendolo un protagonista assoluto della scena. Perciò, l’SPD di Martin Schulz ha dovuto prendersi questo ruolo per non lasciarlo all’AfD e ha lasciato la Merkel alle prese con la difficile impresa di mettere d’accordo dei partiti che su alcuni temi hanno obiettivi difficilmente conciliabili.

 

I Grünen sembrano essere il partito più scontento del gruppo ma – cosa più importante – è anche l’unica controparte della potenziale coalizione che ha bisogno di richiedere l'approvazione formale dell'accordo a un congresso di partito, e con i risultati finora conseguiti, la direzione Grünen non ha alcuna possibilità di ottenere l'approvazione. I liberali di FDP invece sembrano aver ammorbidito i toni mentre la CDU/CSU non sembra avere molte pretese a parte quella di avere Angela Merkel nel ruolo di Cancelliere.

 

Un elemento del nuovo assetto politico tedesco che è passato inosservato è l’inevitabile indebolimento del sostegno alla realizzazione del gasdotto North Stream 2. Con la perdita della SPD, il governo Merkel perderà il principale sostenitore del progetto North Stream 2 mentre con l’ingresso dei Grünen dovrà accogliere nel governo il principale oppositore dell’opera. I collegamenti tra la SPD ei gruppi energetici russi coinvolti nel progetto sono stati messi in luce da quando Gerhard Schröder, ex cancelliere SPD, è stato nominato presidente del gruppo petrolifero russo Rosneft dopo essere già stato nominato anche presidente proprio del progetto North Stream 2. Il conflitto di interessi di Schröder è sempre stato argomento di discussione e la Merkel si espresse molto criticamente a riguardo. Venendo meno la presenza dell’SPD e rendendosi importante il supporto dei Grünen, è chiaro che il progetto subirà una battuta d’arresto. Norbert Röttgen, capo della commissione per gli affari esteri del Bundestag e membro del partito di Angela Merkel, ha dichiaratro che “il prossimo governo sarà molto più critico nei confronti di questo progetto rispetto al precedente”.

 

Il gasdotto North Stream 2 è un progetto strategico per la Russia e per la Germania. Un’infrastruttura che sarebbe in grado di raddoppiare la quantità di gas russo trasportato direttamente in Germania attraverso il Mar Baltico, senza nessun paese terzo di passaggio. È uno dei progetti infrastrutturali più controversi dell’Europa, apertamente osteggiato dalla UE e dagli Stati Uniti e fonte di attrito tra la Germania ei suoi vicini orientali. Berlino ha sostenuto che il gasdotto di 9,5 miliardi di euro rafforzerà la sicurezza energetica dell'Europa garantendo più forniture di gas in un momento in cui le risorse del continente diminuiranno. Ma la Polonia e altri Stati dell'Europa orientale – notoriamente filo americani fino al midollo – vedono con preoccupazione l’aumentata dipendenza del continente da un Russia giudicata sempre più ostile.

 

In realtà, a essere visto male è l’eventualità di un consolidamente dell’asse Berlino-Mosca a dispetto degli Stati Uniti. Il progetto ha gìà subito un rallentamento nel mese di luglio a causa delle sanzioni americane sulle compagnie energetiche che fanno affari con la Russia, imposte come punizione per la presunta ingerenza russa nelle elezioni presidenziali dello scorso anno. Le sanzioni potrebbero rivelarsi un problema per le imprese europee che cofinanziano Nord Strema 2 (la francese Negi, la OM austriaca e le tedesche UNI per e Wintershall). Per l’impero degli Stati Uniti in Europa è fondamentale che non avvenga mai una saldatura dell’asse Berlino-Mosca e il North Stream 2 è un progetto che va in quella direzione. Se il progetto verrà definitivamente affossato, per gli Stati Uniti sarà una vittoria.

 

Ad aiutare Washington a raggiungere l’obiettivo, ci pensa anche la Commissione UE, che ha proposto di modificare la legislazione per applicare le norme energetiche comunitarie a tutte le nuove condotte. Ciò significa che ogni operatore può dover offrire una parte della sua capacità a terzi e osservare le leggi UE in materia di “separazione della proprietà”, secondo cui il gasdotto non può essere posseduto direttamente dal fornitore di gas. Questa ultima mossa ha scatenato la reazioni del premier russo Dmitri Medvedev, che ha dichiarato apertamente che l’Europa vuole far saltare la costruzione del gasdotto Nord Stream 2. dicendo che “La posizione UE sull'estensione del terzo pacchetto energetico è un metodo per esercitare pressioni sul nostro Paese e alcune nazioni europee allo scopo di spingerci ad abbandonare la costruzione della seconda via del gasdotto o per complicare il progetto in ogni modo”.

 

Federico Nero

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Dopo Brexit e Catalogna, che ne sarà dell'Unione Europea?

Il futuro più probabile dell'Europa è un super-Stato neoliberista gestito congiuntamente da Berlino e Bruxelles

di C J Polychroniou - Al Jazeera   Il futuro dell'Unione europea è di sicuro in dubbio.   La...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'incredibile ricetta politica della Boldrini: "Più Europa per sconfiggere il neo-liberismo"

Laura Boldrini sta lanciando la sua volata come uno dei volti che deve provare a rimettere in piedi i cocci di...
Notizia del:     Fonte: AVN

Venezuela: ecco il saldo della violenza terrorista scatenata dall'opposizione

Il bilancio sanguinoso dei mesi di violenza terrorista imposta da un'opposizione irresponsabile e intrinsecamente golpista

di Fabrizio Verde   Da aprile a luglio di quest’anno il Venezuela è stato investito da...
Notizia del:

“Operazione Verità”. Per il cambiamento, serve combattere il vero nemico. E per farlo serve la verità.

"L’operazione verità risultante dallo sciopero generale del 10 e dalla manifestazione dell’11 novembre, indica oggi l’unico vero percorso possibile: un fronte politico e sociale di forze ben coordinate tra loro che perseguono la rottura del quadro esistente, si organizzano per farla crescere nel blocco sociale che condivide interessi materiali ed etici, si misurano con le soluzioni a breve, medio e lungo periodo per concretizzarla."

di Sergio Cararo* Se anche il direttore de La Repubblica comincia a parlare di “falò...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

Yazidi sequestrati dall'ISIS: Gli USA e l'Europa non hanno fatto nulla per aiutarci

Gli yazidi smentiscono le affermazioni dei paesi europei e degli Stati Uniti in merito ai tentativi per salvarli dalla schiavitù del gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).

In un'intervista con l'agenzia di stampa russa Sputnik, pubblicata ieri, gli yazidi costretti a rifugiarsi...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:     Fonte: The Hill

Premio Nobel Richter: 'Gli accordi sul nucleare iraniano non sono una vergogna per gli USA. La vergogna è non rispettarli'

Due importanti fisici nordamericani avvertono che se gli Stati Uniti abbandonano l'accordo nucleare con l'Iran, "spingeranno il paese in una direzione pericolosa".

Burton Richter, vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 1976, e Michael S. Lubell, ex direttore degli affari...
Notizia del:

Per combatterla bisogna prima conoscerla: l'Unione Europea svela l'agenda per il 2018...

di Giacomo Marchetti - Contropiano Il discorso annuale al “Parlamento Europeo” del presidente della Commissione dell’UE Jean-Claude Juncker sullo stato di salute dell’Unione...
Notizia del:

«I rossobruni non esistono: sono un'invenzione del neocapitalismo per impedire qualsiasi alternativa a sé stesso»

In Germania i bruni dell'ADF sono triplicati e sono adesso il terzo partito; per forza, visto che di rossi non se ne vedono e la sinistra si limita a contrastare il fascismo (anzi, la memoria storica del fascismo) e tutt'al più a sostenere i diritti dei migranti illegali, lasciando alla destra il monopolio della difesa dello Stato e della resistenza contro le multinazionali

di Francesco Ersparmer*   Ogni tanto vengo accusato di essere un rossobruno. Non so bene cosa significhi...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

"Potere al popolo". Impediamo che il morto afferri il vivo

di Dante Barontini* - Contropiano   L’assemblea di ieri a Roma ha mostrato le grandi potenzialità di ciò che si muove fuori dai circuiti della politica servile, quella mainstream,...
Notizia del:

Minniti scippa i soldi all’Africa, andrà davanti al Tribunale Permanente dei popoli

di Giordano Savini - Contropiano Mentre donne, bambini e uomini vengono torturati o lasciati morire nelle carceri libiche, annegano nel Mediterraneo, o raggiungono le coste italiane già senza...
Notizia del:

Alberto Negri - Guerra "sporca" al terrorismo: ecco dove vanno i jihadisti

"Che fine hanno fatto i 4mila jihadisti di Raqqa?"

di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore  Il dopo-guerra della lotta al terrorismo è ancora più...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il mito della Nato denuclearizzata

    di Manlio Dinucci - Il manifesto, 14 novembre 2017 «La Nato è stata tradizionalmente flessibile di fronte ai desideri dei suoi membri, e aperta a dissociazioni da specifiche...
Notizia del:

La “capocciata” di Ostia e la scoperta di Pulcinella dei "narcofascisti"

di Federico Rucco - Contropiano  In queste settimane, c’è una singolare – e tardiva – scoperta dei legami tra gli ambienti neofascisti e la malavita. La “capocciata”...
Notizia del:

"La crisi dell'euro è finita". Siete proprio sicuri?

di Carlo Conti - Contropiano Tutta va bene, madama la marchesa… A patto di stare a sentire soltanto i Tg o leggere gli editoriali di Repubblica. Se invece si prova a guardare ai dati e agli...
Notizia del:

Lotta di classe 4.0 nelle trasformazioni industriali attuali

di Giacomo Marchetti* -  L’Italia è, dopo la Germania e prima della Francia, la seconda potenza industriale dell’Unione Europea.   Il quadro di questo comparto è...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa