/ A casa del regime dei Saud: niente velo, ma tante armi da vendere

A casa del regime dei Saud: niente velo, ma tante armi da vendere

A casa del regime dei Saud: niente velo, ma tante armi da vendere
 

La visita del premier britannico c'entra niente con la situazione delle donne nei paesi arabi. Sono in ballo alleanze e strategie non del tutto limpide con chi finanzia il terrorismo sunnita, e bombarda i bambini in Yemen

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Fulvio Scaglione - Linkiesta


Il desiderio di noi occidentali di sentirci comunque a posto con la coscienza e dalla parte del giusto è così scoperto che, se non nascondesse piccole e grandi porcherie su cui invece vogliamo sorvolare, farebbe quasi tenerezza. Prendiamo il viaggio di Theresa May, primo ministro del Regno Unito, nei Paesi del Golfo Persico, con tappa fondamentale in Arabia Saudita.


Tutti i media, o quasi, grandemente si compiacciono perché la May non ha indossato il velo, mescolandosi da donna libera e occidentali ai dignitari wahhabiti. La stessa May ha strizzato l’occhio a questa narrazione, dicendo ai giornali inglesi di sperare che i sauditi la vedano “come una donna leader, vedano che cosa le donne possono realizzare e capiscano che le donne possono benissimo occupare posizioni di rilievo”. Standing ovation, la civiltà vince.
 

È facile immaginare le grasse risate dei notabili sauditi, anche perché la May ha subito escluso di voler affrontare qualunque discorso sulla situazione delle donne nei Paesi arabi o sulle leggi oppressive vigenti in Arabia Saudita. La premier ha tenuto a precisare che “la cosa importante per me, come leader del Governo del Regno Unito è mantenere le relazioni che contano per noi come Paese, per la nostra sicurezza e per il nostro commercio”. E tanti saluti.
 

Così fan tutti e tutte, nessuno scandalo particolare. Ma perché allora ce la raccontiamo? La May, impegnata con la Brexit che non sarà una passeggiata per nessuno, sta facendo il giro degli alleati e simpatizzanti, in cerca di appoggio e aiuto. È stata negli Usa da Trump, ora va nel Golfo Persico dove gli inglesi hanno interessi di vecchia data.


Intanto, altre donne si sono mosse in Arabia Saudita senza coprirsi il capo. Per esempio Angela Merkel. E pure Michelle Obama, che pure era andata con il marito, premio Nobel per la Pace, a piangere sulla tomba di re Abdallah, l’uomo che, per dire, aveva finanziato tutti i gruppi dell’estremismo sunnita del mondo, l’unico capo di Stato (insieme con quello del Pakistan) che aveva ufficialmente riconosciuto il Governo dei talibani in Afghanistan. Di fronte a questo, rispetto a queste complicità, che importanza ha mettere o no il velo? Tutto sommato, non sarebbe meno ipocrita metterlo, in segno di rispetto per amici e alleati così venerati?

 

Per la May vale lo stesso discorso. L’Arabia Saudita è il principale partner commerciale degli inglesi in Medio Oriente, con 200 joint venture anglo-saudite che producono (dati 2015) un giro d’affari di oltre 18 miliardi di sterline (pari a 16,5 miliardi di euro) l’anno. In Arabia Saudita vivono e lavorano 30 mila inglesi. Ma soprattutto, l’esercito saudita è il più importante cliente dell’industria degli armamenti inglese, che a sua volta “pesa” per il 20% delle armi esportate nel mondo. Secondo un’inchiesta di Greenpeace, nel 2015 l’83% delle esportazioni di armi del Regno Unito è andato verso l’Arabia Saudita, per un valore di 747 miliardi di sterline (873 miliardi di euro), dai sauditi rimborsati quasi interamente con forniture petrolifere. E noi stiamo qui a farci le pippe con velo sì-velo no?
 

Da un paio d’anni, a questo patto con il diavolo si è aggiunta una pagina ancor più fosca: la guerra nello Yemen. Il Regno Unito è schierato al fianco della coalizione guidata dall’Arabia Saudita, che con i suoi bombardamenti ha già fatto migliaia di morti tra i civili. Gli uomini della May, insieme con militari di Usa, Canada, Francia e Turchia, si occupano soprattutto dell’intelligence militare. Ovvero, guidano le operazioni dei sauditi e dei loro alleati. Quindi c’è anche il loro zampino, quando le bombe saudite (comprese, com’è stato dimostrato, bombe a frammentazione fabbricate negli Usa) cadono sulle scuole o sui mercati. Ma si sa, i bambini yemeniti, come quelli iracheni di Mosul, valgono molto meno di quelli siriani di Aleppo o Idlib. L’importante, si sa, è non mettere il velo.


*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Una tigre a Cancun: spettacolare intervento di Delcy Rodriguez all'OSA (Video)

La ministra degli Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela zittisce i paesi satelliti dell'Impero statunitense

di Fabrizio Verde   «Credo che la ministra degli Esteri, che deve lasciare l’incarico in...
Notizia del:     Fonte: http://misionverdad.com/

Venezuela, 11 riflessioni sulla morte di Fabián Urbina e un giovane in uniforme

di Augusto Márquez - Mision Verdad   1. Nel mezzo di una protesta violenta convocata dall’opposizione presso l’Autopista Francisco Fajardo, ha perso la vita a causa di...
Notizia del:

La "dignità dei popoli dei Caraibi" e la grande sconfitta politica delle destre imperiali

di Geraldina Colotti* - Il Manifesto   Le destre lo davano per certo: questa volta Maduro avrebbe perso all’Osa e avrebbe dovuto subire l’imposizione della Carta democratica interamericana. Per...
Notizia del:

Nel Cile che fa la morale al Venezuela si rimborsano i Pinochet e si bastonano gli studenti

  di Geraldina Colotti* - Il Manifesto   In Cile, una Corte d’Appello di Santiago ha ordinato che venga restituita alla famiglia dell’ex dittatore Augusto Pinochet una gran...
Notizia del:

«In Venezuela il governo si preoccupa per il popolo non per le aziende». Dall'inferno messicano si guarda con speranza al Venezuela

Felipe de la Cruz è il portavoce dei familiari dei 43 studenti desaparecidos di Ayotzinapa

  Il governo in Venezuela «si preoccupa per il popolo non per le aziende». Felipe de la Cruz,...
Notizia del:

Venezuela: un semplice video smonta mesi di fake news sul paese ridotto alla fame

Come mostra un video diffuso attraverso Facebook dall’imprenditore basco Agustin Otxotorena, nella capitale del Venezuela così come nel resto del paese la vita scorre normalmente nonostante la violenza terrorista dell’opposizione

di Fabrizio Verde   La narrazione post-veritiera del mainstream sul Venezuela mistifica la realtà...
Notizia del:     Fonte: AdnKronos/Dpa

CETA: i socialisti spagnoli cambiano idea. Voteranno no

Finora il Psoe aveva votato a favore del Ceta sia all'Europarlamento che al parlamento di Madrid

A sorpresa il partito socialista spagnolo (Psoe) ha deciso di ritirare il suo appoggio al Ceta, il trattato...
Notizia del:

Tornano i sovietici! Il Corriere della Sera esagera con la russofobia...

Altra grande perla del giornalismo italiano: il Corriere della Sera cita fantomatiche «fonti sovietiche»

di Danilo Della Valle Era un po' la speranza nascosta di tutti gli oppressi della Terra, ieri il nostalgico...
Notizia del:

Venezuela, Maduro esalta il lavoro di Delcy Rodriguez: «Missione compiuta»

La ministra degli Estrei abbandona l'incarico per candidarsi all'Assemblea Costituente. Nominato nuovo ministro degli Esteri Samuel Moncada

  «Credo che la ministra degli Esteri, che deve lasciare l’incarico in quanto candidata all’Assemblea...
Notizia del:

L'ONU si dichiara "preoccupata" per il sostegno di Israele ai gruppi terroristi in Siria

di Stefano Mauro - Contropiano Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha recentemente espresso le sue preoccupazioni riguardo ai contatti tra i militari dell’esercito...
Le più recenti da IpocrISIS
Notizia del:

Fulvio Scaglione: "Lo dite voi ai ragazzi di Manchester che siamo amici degli sponsor dell'Isis?"

di Fulvio Scaglione - Linkiesta Il viaggio di Donald Trump in Israele si è caratterizzata fin da subito per una serie di passi dal forte valore simbolico. Prima fra tutti la visita al...
Notizia del:

Due motivi per cui il discorso di Trump in Arabia Saudita è stato grottesco

di Fulvio Scaglione, TPI*  Filosofare sul “nuovo corso” per il Medio Oriente disegnato da Donald Trump nel viaggio in Arabia Saudita, soprattutto paragonandolo alle strategie proposte...
Notizia del:

Macron e la relazione speciale con la Nato del Golfo: perché non sarà lui a cambiare le cose

di Fulvio Scaglione* - Famiglia Cristiana A dispetto di tanti timori e di tanta retorica, la lunga stagione del terrorismo, culminata nella sparatoria sugli Champs Elysés di Parigi poche ore...
Notizia del:

Mosul, il dramma dei bambini soldato dell'Isis

di Fulvio Scaglione  Le cronache che arrivano da Mosul, la grande città irachena nella Piana di Ninive occupata dai guerrieri del Califfato nell’estate del 2014, si arricchiscono di...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - "In Medio Oriente noi occidentali siamo peggio di Assad"

di Fulvio Scaglione - Linkiesta  Il famoso o famigerato selfie con Bashar al-Assad del senatore Razzi, che tanto scandalizzò le anime belle, ha però avuto il pregio di aprire uno...
Notizia del:

SANZIONI CONTRO LA SIRIA, UNA FARSA CHE UCCIDE LA POPOLAZIONE

Colpiscono solo gli innocenti. Come già a Cuba, in Iraq, Iran, NordCorea.

di Fulvio Scaglione Sta completando il percorso alla Camera dei rappresentanti, negli Usa, il Caesar Syrian...
Notizia del:

Merkel da Trump: Ma cos'è la destra cos'è la sinistra.

di Fulvio Scaglione Io non m'intendo di politica. Ma sono curioso e mi chiedo: se i nuovi miti della sinistra perbene sono i servizi di spionaggio degli Usa, Soros, la Clinton e le multinazionali...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa