/ A QUEI COMPAGNI CHE NON CONDIVIDONO IL MIO OMAGGIO ALLA CATALOGNA

A QUEI COMPAGNI CHE NON CONDIVIDONO IL MIO OMAGGIO ALLA CATALOGNA

A QUEI COMPAGNI CHE NON CONDIVIDONO IL MIO OMAGGIO ALLA CATALOGNA
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



di Giorgio Cremaschi 


Alle compagne e ai compagni che mi hanno criticato per il mio omaggio al popolo della Catalogna, giudicando la sua lotta sbagliata, ambigua, borghese, egoista, nazionalista eccetera, e che hanno contrapposto ad essa la lotta di classe di Marx e Lenin, rispondo ricorrendo proprio al più grande rivoluzionario della storia moderna. 

Mi permetto di citare ciò che Lenin disse dell'emiro dell'Afghanistan, un reazionario che nel 1920 si batteva contro gli inglesi... Lenin disse che aveva fatto più danni all'imperialismo quell'emiro che tutta la socialdemocrazia e la sinistra europea...

Per favore, a cento anni dalla Rivoluzione contro Il Capitale, come la definì Gramsci, non usate Marx e Lenin in senso scolastico e soprattutto da menscevichi. Le rotture del sistema avvengono oggi su faglie non previste dal manuale delle giovani marmotte marxiste leniniste. E sono piene di ambiguità e contraddizioni..ma sono rotture..E in questo caso lo stato confusionale dei poteri forti UE dimostra che la rottura c'è. 



E poi con chi stareste voi, con un popolo che si ribella, ripeto con ambiguità e contraddizioni, e che in questa ribellione matura, o con il Re e e i postfranchisti che lo reprimono? Siete sicuri di potervi chiamare fuori da tutto questo? Aggiungo che quando Fidel ed il Che sbarcarono dal Granma a Cuba dicendo liberiamo la Patria, il partito comunista di allora, di cui nessuno di loro faceva parte, li definì come avventuristi piccolo borghesi.

Sono stato nel Donbass, non ho visto il socialismo, che non c'è, ma un popolo antifascista e progressista che lotta per la propria autodeterminazione..cosa dovevano fare? Aspettere la rivoluzione in tutta l'Ucraina e intanto farsi massacrare?

Lenin scriveva che per la rivoluzione vale il motto di Napoleone: si comincia lo scontro e poi si vede.. Per favore compagni non date i voti a chi ci prova nella condizione reale in cui sta, soprattutto da un paese, il nostro, che dopo essere stato per decenni all'avanguardia dei conflitti in Europa oggi è alla più triste retroguardia.

Cari compagni non fate i pedanti, ma siate generosi ..per nostro interesse prima di tutto .

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

"Le cose nel mondo del lavoro si sono rimesse in moto. Ed è solo l'inizio."

USB primo sindacato alla GD di Bologna

di Giorgio Cremaschi  La fabbrica metalmeccanica GD di Bologna, quasi 1500 dipendenti, è stata...
Notizia del:

Difesa comune europea: l'UE vuole portare i popoli alla guerra contro la Russia

di Giorgio Cremaschi In politica progetti disastrosi e criminali a volte nascono come idee di finto buonsenso. La firma del trattato di difesa europea da parte di 23 paesi, non tutti i 27 stati...
Notizia del:

L'Armata Branca(ccio)leone

  di Giorgio Cremaschi   Se i suoi promotori Anna Falcone e Tomaso Montanari, invece che inseguire i giri di valzer della sinistra di palazzo, avessero provato a mettersi in...
Notizia del:

Ai cretini che: "scioperano di venerdì per fare il ponte"

di Giorgio Cremaschi I primi segnali sullo sciopero generale proclamato da USB COBAS UNICOBAS sono molto buoni. Trasporti bloccati in tutto il paese e tante adesioni nel lavoro pubblico come in...
Notizia del:

100 anni e non li dimostra

di Giorgio Cremaschi  La Rivoluzione d'Ottobre è la più importante rivoluzione dell'epoca moderna. Finora almeno, aggiungo con un moto di ottimismo.   Il 25...
Notizia del:

Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna dell'Italia

  di Giorgio Cremaschi    Coraggio, diritti, dignità, scandisce a pugno chiuso Aboubakar Soumahoro, per tutti Abou, mentre inizia il suo intervento in una sala di Foggia,...
Notizia del:

Ora è ufficiale: i salari stanno calando. Solo con la lotta di classe potranno riprendersi

Cremaschi: "La ripresa riguarda solo i guadagni dei padroni, se vogliamo che tocchi anche i salari il lavoro deve riappropriarsi della lotta di classe. Che da trent'anni è monopolio dei ricchi. Questa la verità da portare in sciopero il 10 e in manifestazione a Roma l'11 novembre."

di Giorgio Cremaschi L'Osservatorio Jobpricing, un centro studi non certamente sovversivo che comunica...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa