/ A vantaggio del consumatore, a scapito del cittadino e dello Stat...

A vantaggio del consumatore, a scapito del cittadino e dello Stato

A vantaggio del consumatore, a scapito del cittadino e dello Stato
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Francesco Erspamer*



C'è chi, come me, per principio e come azione politica non ha mai usato Uber, non una sola volta, in quanto megamultinazionale che sfrutta i lavoratori costringendoli a un impiego a cottimo e che indebolisce la classe media eliminando le norme e consuetudini che proteggevano le piccole imprese e gli esercizi a conduzione familiare. In cambio di che cosa? Di prezzi più bassi, almeno per ora, ossia attraverso pratiche che avvantaggiano il consumatore a scapito del cittadino e che mirano alla costituzione di monopoli in grado di condizionare gli Stati. Credo che chi sia capace di resistere alla tentazione di servirsi di Uber sia un antiliberista "naturale".


Poi c'è chi invece usa Uber, per necessità o per pigrizia; ma di nascosto, un po' vergognandosene, in quanto consapevole che la scomparsa dei tassisti, come quella dei commercianti, contribuirà alla disgregazione del tessuto nazionale popolare; per cui pur cedendo alla tentazione è favorevole alla penalizzazione e regolamentazione delle grandi corporation che forniscono servizi a livello globale, catene commerciali incluse. Anche in questo caso si tratta di antiliberismo, sia pure ideologico.


Però chi non solo si serve di Uber (o di Amazon, Ikea, Grom, McDonald's e le altre multinazionali straniere che stanno invadendo il paese) per necessità o pigrizia ma le difende, ne apprezza il modello e lo considera utile per lo sviluppo, dunque dando la priorità alla crescita economica su quella civile, sociale e culturale, bè chi agisca e la pensi in questo modo è un vero liberista e a prescindere dalle sue altre convinzioni è un oggettivo fiancheggiatore del neocapitalismo. Posizione assolutamente legittima, sia chiaro, e che magari i posteri giudicheranno opportuna; ma chi la assume non creda di esentarsi dalle proprie responsabilità con la scusa di un destino inevitabile di privatizzazioni, concentrazioni commerciali e finanziarie, globalizzazione (lo vuole il Mercato!, come un tempo lo voleva Dio): non c'è nessun destino, solo scelte.


*Professore all'Harvard University. Post facebook dell'11 novembre 2017
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:

VIDEO: La Corea del Nord presenta con un museo le atrocità degli Stati Uniti dal 1950 al 1953

Un centro espositivo espone a Pyongyang dipinti con le torture di donne e assassini di bambini praticati dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea

Mentre la guerra fredda tra Washigton e Pyongyang si sviluppa con toni sempre più accesi, il paese asiatico...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "Il 4 marzo voterò il Movimento Cinque Stelle. E' l'unico modo per porre fine al regime piddino-berlusconiano"

di Francesco Erspamer* Sono convinto che in Italia l’unico modo per fermare la decadenza economica, morale e sociale sia porre fine al regime piddino-berlusconiano e all’intera casta...
Notizia del:

LA RUSSIA INVITA UFFICIALMENTE L’EGITTO AI COLLOQUI DI PACE SULLA SIRIA

Il governo egiziano ha ricevuto un invito ufficiale da parte del governo russo per partecipare ai colloqui di pace che si terranno nella località di Sochi a fine gennaio 2018.  Lo ha comunicato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa