/ Alberto Negri - Ecco perché a Washington una stretta di mano fa p...

Alberto Negri - Ecco perché a Washington una stretta di mano fa più paura della bomba atomica di Kim Jong Un

Alberto Negri - Ecco perché a Washington una stretta di mano fa più paura della bomba atomica di Kim Jong Un
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
 

di Alberto Negri* - Tiscali


L'ipotesi di una Corea unita è temuta non solo dagli Usa, che hanno le basi nel Sud, ma anche dalla Cina, dalla Russia e dal Giappone. Se crolla il muro del 38° parallelo le grandi potenze e quelle regionali dovranno fare i conti con una nazione potente dal punto di vista economico e militare. Soprattutto se non ci sarà una denuclearizzazione della penisola. E' più probabile che nel breve termine assisteremo, se va bene, a una riapertura delle zone economiche speciali tra le due Coree, come Kaesong, e la ripresa a pieno ritmo delle relazioni con Mosca e Pechino. Nervosismo asiatico: la Corea unita fa quasi più paura delle bomba di Kim Jong Un.




Saranno intanto, oltre al regine nordcoreano, la Cina e la Russia a tentare di approfittare della stretta di mano tra la sorella del dittatore e il presidente della Corea del Sud. Da poco è stata riaperta la linea rossa tra Pyonyag e Seul interrottoa nel febbraio 2016 dalla Corea del Nord per protesta contro la chiusura per volere di Seul del complesso industriale di Kaesong, gestito congiuntamente dai due paesi. Kaesong, sul 38° parallelo, dal 2002 costituisce il principale strumento di cooperazione economica bilaterale: la linea rossa veniva usata per comunicare alle autorità nordcoreane spostamenti che coinvolgevano cittadini sudcoreani in entrata o uscita dal complesso di Kaesong, situato subito a nord della linea di demarcazione di cessate il fuoco.


I due Paesi tecnicamente sono ancora in guerra


Non dimentichiamo che i due Paesi tecnicamente sono ancora in guerra, l’eredità più duratura della guerra fredda: negli anni Cinquanta su questo fronte morirono più di un milione e mezzo di soldati e oltre un milione di civili. Poi ci sono Pechino e Mosca che attendono di cogliere la loro occasione per tenere sotto pressione gli Stati Uniti nella penisola asiatica più bollente.


Cina e Russia sempre più vicine

Anche sotto sanzioni, alla Corea del Nord non è mancato il supporto della Cina e della Russia, come dimostra la vicenda delle forniture petrolifere di Pechino nonostante l’embargo deciso all’Onu. Ancora più interessante è la vicenda della zona economica speciale di Rason, meno conosciuta di quella di Kaesong, ma forse ancora più strategica. A Rason, nella punta nordorientale della Corea del Nord, nella regione di Gwanbuk, il Paese di Kim Jong-un incontra i suoi vicini, i giganti Cina e Russia. Questa è una regione alla legislazione economica speciale, il primo esperimento capitalistico nella storia nordcoreana. Creata sul modello cinese, ha il compito di attrarre gli investimenti dei superpotenze confinanti. Le aziende cinesi e russe hanno investito in questa zona franca in cui è consentito l'uso della valuta straniera. Dal punto di vista geografico, Rason impedisce alle fiorenti regioni nordorientali della Cina l'accesso diretto al mare: l’uso del porto di Rajin permette quindi a Pechino di trasportare il carbone nell'area di Shanghai, con risparmio di tempo e risorse. Inoltre a Rason Russia e Corea del Nord hanno mantenuto ottime relazioni per molti anni. La RasonConTrans, filiale della Russian Railways, è controllata al 30% dal porto di Rason e impiega circa 300 nordcoreani e 110 russi.
 

La stretta di mano e le paure del mondo

Ecco alcuno motivi economici e strategici perché la stretta di mano tra Kim Yo Jong, la sorella del numero  uno nordcoreano con il presidente sudcoreano Moon inquieta gli Stati Uniti e apre una corsa tra Cina e Russia nella penisola coreana. I cinesi, alleati storici di Pyongyang, e i russi non potendo sfidare la superiorità militare degli americani e il predominio del dollaro come moneta di scambio e di riserva mondiale, hanno utilizzato la Corea del Nord per infastidire gli Usa e i loro alleati coreani e giapponesi. Così, tra un passato di guerre sanguinose, un presente da incubo e nuove speranze nate alla diplomazia  olimpica, aspettiamo gli eventi, aggrappati alle notizie dal 38° parallelo, in mano agli umori del giovane Dottor Stranamore nordcoreano.


*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Mentre noi stiamo aspettando il 4 marzo... la Nato ha già votato

Manlio Dinucci: "C’è un partito che, anche se non compare, partecipa di fatto alle elezioni italiane: il Nato Party"

  di Manlio Dinucci - il manifesto, 20 febbraio 2018 C’è un partito che, anche...
Notizia del:

Centro Mondiale Commerciale. Indegna censura canadese cerca di fermare la verità

    di Michele Metta    Come già ben sanno i lettori che hanno seguito le precedenti puntate della mia inchiesta sul Centro Mondiale Commerciale – la S.p.A. romana...
Notizia del:

Manlio Dinucci - A chi sono utili "le inutili guerre"

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 13 febbraio 2018    La canzone meritoriamente vincitrice del Festival di Sanremo è accompagnata da un videoclip che mostra drammatiche...
Notizia del:

Strategia della tensione in Venezuela: altra bomba lacrimogena nella metro di Caracas

di Geraldina Colotti* - 9 febbraio 2018 In Venezuela, è cominciata la strategia della tensione. Per la seconda volta in pochi giorni, incappucciati hanno buttato una bomba lacrimogena nella...
Notizia del:

Il Governo per il «disbrigo degli affari correnti» sta per assumere questi altri vincolanti impegni nella Nato

    di Manlio Dinucci* - Il manifesto   Il Governo, che nel periodo elettorale resta in carica per il «disbrigo degli affari correnti», sta per assumere altri vincolanti...
Notizia del:

CENTRO MONDIALE COMMERCIALE, STRAGE DI USTICA, STRAGE DI BOLOGNA, ISRAELE

Continua la pubblicazione su l'AntiDiplomatico delle ricerche dello studioso Michele Metta sul Centro Mondiale Commerciale. Sul nostro sito potete trovare anche tutti gli articoli precedenti di...
Notizia del:

"Dibattere di Unione Europea e euro, ma non di NATO, significa truffare gli elettori"

Manlio Dinucci: "Questo è lo scenario in cui si inserisce la sempre più pericolosa escalation Usa/Nato in Europa contro la Russia, presentata come il nemico che ci minaccia da Est."

di Manlio Dinucci* - il manifesto, 30 gennaio 2018 Il presidente Trump è sbarcato dall’elicottero...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa