/ Alberto Negri - Guerra "sporca" al terrorismo: ecco dove vanno i ...

Alberto Negri - Guerra "sporca" al terrorismo: ecco dove vanno i jihadisti

Alberto Negri - Guerra sporca al terrorismo: ecco dove vanno i jihadisti
 

"Che fine hanno fatto i 4mila jihadisti di Raqqa?"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Alberto Negri* - Il Sole 24 Ore 


Il dopo-guerra della lotta al terrorismo è ancora più complicato della guerra. È un conflitto dove in Siria coabitano, tra le tensioni, ambiziosi attori regionali e superpotenze, è un altro capitolo del confronto tra sunniti e sciiti e dello scontro all’interno dello stesso campo sunnita dove gli interessi dei turchi, per esempio, non coincidono più con quelli degli arabi. Erdogan, leader di un Paese Nato, è ormai passato armi e bagagli nel campo di Putin e ha deciso di mantenere in sella Bashar Assad. 

Ma ora che sono cadute le roccaforti di Al Baghdadi, quella all’Isis è diventata una guerra ancora più sporca, intorbidata dalla spartizione delle aree di influenza.

Come la caduta dei talebani in Afghanistan nel 2001 non fu la fine di Al Qaeda, il sospetto che la sconfitta territoriale del Califfato non sarà la fine dell'Isis è sempre più forte. E diventa più consistente, dopo il reportage della Bbc che documenta l’accordo dei curdi siriani per l’uscita indenne da Raqqa di 4mila jihadisti armati, foreign fighters compresi, con l’avallo americano e britannico. Un’intesa “segreta” ma già denunciata dai russi ai quali la coalizione a guida Usa avrebbe impedito di bombardare le colonne jihadiste.





La lotta al terrorismo è una realtà a geometria variabile. Viene condotta dagli alleati degli americani e da Washington a seconda degli interessi tattici e geopolitici che guidato i rapporti tra le potenze occidentali e i loro partner arabi.

Dopo averne giustificato l’apparato ideologico, ispirato al wahabismo saudita, e sostenuto l’obiettivo anti-sciita, le potenze musulmane sunnite si sono nominalmente dissociate dal jihadismo ma erano venute a patti con il Califfato con l’obiettivo di far fuori Assad ed egemonizzare la regione. Non troppo diversamente da come negli anni Ottanta finanziarono i mujaheddin per far fuori il regime filosovietico di Kabul e l’Armata Rossa che aveva invaso il Paese. I mujaheddin allora erano gli “eroi” dell’Occidente dopo una generazione diventarono i “barbari” degli attentati in Europa. 

È il caso di ricordare i rapporti ambigui della Turchia con i jihadisti che viaggiavano indisturbati sull’”autostrada della guerra santa”: la complicità evidente di Ankara nell’assedio dei curdi di Kobane, la trattativa per la liberazione dei diplomatici turchi a Mosul nel 2014, i flussi del contrabbando di petrolio, passati insieme ai carichi di armi e di uomini. Poi naturalmente i jihadisti vanno anche fuori controllo e per mettere Ankara sotto pressione hanno cominciato la stagione degli attentati.

La stessa crisi con il Qatar aperta dall’Arabia Saudita, per l’appoggio di Doha ai Fratelli Musulmani, è indica che le monarchie del Golfo hanno pareri diversi sul futuro della Siria e in generale del Medio Oriente: alcuni gruppi di jihadisti, se non direttamente l’Isis, sono stati sostenuti dalle monarchie arabe con l’obiettivo di non solo di eliminare Assad ma di controbattere l’influenza dell’Iran, che insieme alla Russia e agli Hezbollah libanesi è uno di vincitori della guerra di Siria. Quando i jihadisti sono stati espulsi dal Libano, Riad ha giocato la carta della crisi politica a Beirut con le dimissioni del premier Saad Hariri.

È anche vero che tutti, non solo le potenze sunnite, sono venuti a patti, magari tattici, con l’Isis. Hanno patteggiato con i jihadisti, oltre ai curdi siriani, alla perenne ricerca di alleati per contenere la Turchia, anche i curdi iracheni di Massud Barzani nell’assedio di alcune città nella zona di influenza dei peshmerga. Il motivo del compromesso non è stato ovviamente di vicinanza ideologica ma quello assai più opportunistico di risparmiare perdite in battaglie urbane strada per strada. La tattica di lasciare agli assediati alcune vie di fuga fu sperimentata dall’esercito siriano e Hezbollah nelle battaglie sul Qalamoum, la catena montuosa tra Siria e Libano, in una fase della guerra dove era decisivo l’afflusso dei foreign fighter.

Anche il regime di Damasco, le milizie sciite e lo stesso esercito libanese hanno fatto accordi con i jihadisti. Questo è avvenuto nell’area dei pozzi petroliferi di Deir ez Zhor ma anche alle frontiere del Libano dove sciiti ed esercito di Beirut hanno consentito ai jihadisti Isis di Arsal di lasciare il confine verso un’area di “de-escalation” come è oggi Idlib dove sono concentrati 40mila combattenti con le famiglie. Una sorta di esercito di riserva forse da utilizzare o disperdere in Yemen, Libia, Afghanistan.

Grazie a un accordo con Mosca, la Turchia è penetrata nel Nord della Siria, per combattere più che i jihadisti le milizie curde e interrompere la continuità territoriale del Rojava. Dove sono finiti i combattenti islamici? Non ci sono notizie di battaglie sanguinose, più probabile che siano da qualche parte alla frontiera, magari per essere usati in futuro contro i curdi siriani ritenuti da Ankara dei terroristi, affiliati al Pkk di Abdullah Ocalan.

Nella guerra sporca il Califfato finirà forse per diventare una sorta di “cloud” del terrore, una nuvola nera che galleggerà ancora sul Medio Oriente quando tornerà a essere utile o necessario.


*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:

Intervento illegale turco in Siria: la dura condanna dell'Egitto

L’Egitto ha condannato fortemente l’intervento militare turco in Siria, nella regione di Arbin,  nel nord del Paese nella zona controllata attualmente dai curdo-siriani, dove sabato...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".

"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità...
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:     Fonte: Der Spiegel - Foto AFP

Germania, Francia e Regno Unito promotrici di sanzioni all'Iran per accontentare Trump

Secondo il settimanale tedesco, 'Der Spiegel', la Germania insieme a Francia e Gran Bretagna stanno esercitando pressioni su altri paesi europei per imporre altre sanzioni all'Iran, accontentando di fatto il Presidente degli USA, Donald Trump.

Citando diplomatici europei, la rivista tedesca 'Der Spiegel' afferma in un articolo pubblicato ieri...
Notizia del:     Fonte: SANA -Reuters

Il governo siriano condanna "l'aggressione turca su Afrín"

In un comunicato, Damasco condanna l'aggressione turca sulla città siriana di Afrin. Inoltre, ha smentito di essere stata messa a conoscenza da Ankara dell'avvio dell'operazione "Ramoscello d'ulivo".

Il governo siriano ha condannato "l'aggressione turca contro Afrin" condotta nell'ambito dell'operazione...
Notizia del:     Fonte: TASS - AP foto

Siria, la Russia ritira le sue truppe dopo offensiva della Turchia ad Afrin

La Russia ha comunicato il ritiro delle sue truppe dall'area di Afrin nel nord della Siria, dove l'esercito turco sta lanciando un'offensiva terrestre e aerea contro obiettivi delle Unità di protezione popolare curde, YPG, lo ha riportatoil ministero della Difesa russo.

"Per evitare eventuali provocazioni ed escludere qualsiasi minaccia contro la vita e la salute dei militari...
Notizia del:     Fonte: Airwars

La coalizione guidata dagli USA ha ucciso 6.000 civili in Iraq e in Siria nel 2017

Un nuovo rapporto indica che gli attacchi della cosiddetta coalizione anti-ISIS, guidati dagli Stati Uniti, hanno provocato più di 6000 civili morti in Iraq e in Siria durante l'anno 2017. La cifra è tre volte più grande rispetto a quella del 2016.

In un rapporto pubblicato giovedì scorso, l'organizzazione giornalistica indipendente 'Airwars'...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: Gli USA stanno creando autorità alternative in gran parte della Siria

L'incoerenza e la mancanza di impegno per gli accordi firmati sono caratteristiche dell'attuale diplomazia statunitense, afferma il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno involontariamente creato organi di potere e autorità alternative in vaste aree del...
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:     Fonte: https://ahtribune.com

'La BBC tradisce i principi giornalistici più elementari quando si parla di Siria'

Il giornalista e accademico Jeremy Salt, in un articolo, sottolinea che seppur nelle guerre la verità è la prima vittima, negli ultimi 15 anni, a partire dalla guerra in Iraq fino al conflitto in Siria, la falsificazione prodotta dai media statunitensi e britannici ha raggiunto livelli senza precedenti.

Jeremy Salt è  giornalista e professore universitario presso il Dipartimento di Scienze Politiche...
Notizia del:

Il pensiero dell'establishment sul Corriere: via libera dei mercati ai normalizzati Salvini e Meloni

di Dante Barontini* Da tempo immemorabile, se uno vuol capire cosa sta covando nei “salotti importanti” dell’establishment nazionale, bisogna leggere con attenzione il Corriere...
Notizia del:

GUERRA NUCLEARE IL GIORNO PRIMA - Da Hiroshima a oggi:  chi e come ci porta alla catastrofe

  di Manlio Dinucci      La lancetta dell’«Orologio dell’Apocalisse» – il segnatempo che sul Bollettino degli Scienziati Atomici statunitensi indica...
Notizia del:

Che cosa avverrebbe se caccia russi Sukhoi Su 35 pattugliassero il confine con l’Italia con la motivazione di proteggere la Svizzera?

Per dislocare in Estonia gli 8 cacciabombardieri, con un personale di 250 uomini, si spendono (con denaro proveniente dalle casse pubbliche italiane) 12,5 milioni di euro da gennaio a settembre

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 16 gennaio 2018 Che cosa avverrebbe se caccia russi...
Notizia del:

Business is business. Gli affari russi di Poroshenko e quelli degli oligarchi russi negli Usa

"Ancora una volta, che sia a ovest o a est del Dnepr, pecunia non olet."

  di Fabrizio Poggi    Colleghi, amici, mogli o mariti, avventori di bar, postini, sorpresi...
Notizia del:

Manlio Dinucci - Il vero libro esplosivo è a firma Trump 

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 9 gennaio 2018              Tutti parlano del libro esplosivo su Trump, con rivelazioni sensazionali di come Donald...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Iran: Chi pesca nel torbido?

Un'analisi per cercare di capire gli ultimi eventi in Iran, partendo dall'ossessione costante e dagli attacchi quasi quotidiani del Presidente USA, Donald Trump.

Link dell'analisi.   Pochi analisti credono nella buona fede degli americani quando affermano di voler...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa