/ Aleppo, isteria anti-russa e batosta dei terrosti. Lettera aperta...

Aleppo, isteria anti-russa e batosta dei terrosti. Lettera aperta a Corrado Formigli (2)

Aleppo, isteria anti-russa e batosta dei terrosti. Lettera aperta a Corrado Formigli (2)
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Gentile Dott. Formigli,


La batosta ricevuta dai gruppi terroristi ad Aleppo ha scatenato un'isteria anti-Assad ed anti-russa che ha sorpreso persino me (che pensavo di non potermi meravigliare più di nulla) per la sua virulenza estrema.

Si è distinta, tra gli altri, la giornalista Rula Jebreal che durante la trasmissione da Lei condotta ha sparato con la massima faccia tosta balle e sciocchezze madornali che non possono essere ignorate.

Aleppo era fino al 2012 la città più prospera e tranquilla della Siria, ricca di industrie ed attività commerciali. Non vi era stata alcuna manifestazione antigovernativa. Nell'estate di quell'anno fecero improvvisamente irruzione in città bande jihadiste armate fino ai denti provenienti dalla Turchia. Gran parte di questi militanti non erano nemmeno siriani, ma Ceceni, Uiguri del Sinkiang cinese, turchi, turcomanni, libici, tunisini, ecc.

Alcuni quartieri furono occupati; gli abitanti che non erano fuggiti furono presi in ostaggio; fu tagliata l'erogazione dell'acqua verso i quartieri non occupati (dove vivevano i tre quarti della popolazione); tagliata l'energia elettrica; impedito per molto tempo l'arrivo di aiuti e rifornimenti finché l'esercito non riuscì a ripristinare una via d'accesso alla città.

Ogni giorno la parte della città rimasta sotto la protezione del governo e dell'esercito era bombardata a casaccio con i mortai e quei cannoni improvvisati che lanciano bombole di gas rinforzate con chiodi e rottami di ferro chiamati "cannoni dell'inferno".

L'accerchiamento e poi lo sgombero dei terroristi (guidati da Fatah Al Sham, ex Al Nusra, cioè Al Queda) dai quartieri, da loro occupati per 4 anni, da parte dell'esercito, con l'aiuto dei Russi e dei combattenti di Hezbollah, è stata accolta con giubilo dalla grande maggioranza della popolazione che non ne poteva più e chiedeva all'esercito di intervenire con decisione.
Se ne parla nelle numerose testimonianze da parte di numerosi cittadini di Aleppo, come il vescovo cristiano maronita di Aleppo Tabji, spesso in missione qui a Roma per chiedere aiuto, o il Dott. Nabil Antaki, le cui testimonianze penso Le siano già pervenute da altre fonti. Si possono comunque consultare i siti di informazione quali www.oraprosiria, www.sibialiria, www.antidiplomatico, CIVGinforma, ecc.

Inoltre penso sia doveroso per ogni giornalista serio consultare non solo Al Jazeera, la Reuters, o l'Associated Press, ma anche l'agenzia siriana SANA, Russia Today, l'iraniana Fars o la cinese Xinua, che possono trovarsi sul sito "siria latest breaking news search 24/7" che riporta tutti i giornali e le agenzie del mondo.

Naturalmente ciò che vale per Aleppo, vale per tutta la Siria. L'unica speranza per quel martoriato paese è che tutti quegli stati che stanno conducendo una guerra per procura contro la Siria (Arabia Saudita, Qatar, Turchia, USA, UK, Francia, e ahimè anche l'Italia) smettano di interferire, ritirino le sanzioni che affamano la popolazione costringendola ad emigrare, riallaccino le relazioni diplomatiche, smettano di rifornire continuamente i cosiddetti "ribelli" con finanziamenti, armi e nuovi mercenari freschi provenienti da 90 paesi.

E si smetta anche con la favoletta delle "prime manifestazioni pacifiche" del 2011 represse, per cui sarebbe nata la rivolta armata. Le armi, i mercenari, le quinte colonne per provocare un cambio di governo violento erano già pronte da anni, come ammesso pubblicamente, ad esempio, dallo stesso comandante della NATO, gen Clarck, già nel 2006!

L'avvenire della Siria e chi la deve governare deve dipendere solo dai Siriani.

Cordialmente,

Vincenzo Brandi

militante pacifista ed antimperialista con la Rete No War e la Lista No Nato.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: La Coalizione guidata dagli Stati Uniti ha distrutto Raqqa come Dresda nel 1945

"Raqqa ha avuto lo stesso destino di Dresda nel 1945, cancellata dai bombardamenti britannico -statunitensi", ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Gli aerei combattenti degli Stati Uniti e della coalizione hanno bombardato la città siriana di Raqqa...
Notizia del:     Fonte: Yeni Safak

La Turchia installerà 8 basi militari nel nord della Siria

La Turchia prevede di stabilire otto basi militari nella provincia siriana di Idlib. Lo ha riferito il quotidiano filo-governativo turco 'Yeni Safak'.

Ieri, il quotidiano vicino alle posizioni del Governo di Ankara, 'Yeni Safak', ha riferito che l'esercito...
Notizia del:     Fonte: Blic InSerbia

Gli USA obbligano la Serbia a non aiutare la Siria nel processo di sminamento

Gli Stati Uniti ha esercitato pressioni sulla Serbia affinché non cooperi con il governo siriano nel processo di sminamento del paese arabo.

Giovedì scorso sul quotidiano serbo 'Blic', è apparsa la notizia che gli Stati Uniti hanno...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Al Masdar News

Ennesimo attacco di Israele contro le postazioni dell'esercito siriano sul Golan

Le forze militari israeliane, IDF, hanno di nuovo attaccano le postazioni dell'esercito siriano sulle alture del Golan.

Secondo i media locali, le forze armate del regime israeliano, IDF, questa mattina, hanno effettuato degli attacchi...
Notizia del:     Fonte: RT Arabic

VIDEO. Migliaia di siriani salutano per l'ultima volta il Generale Zahreddine, eroe della lotta all'ISIS

Grande partecipazione popolare a Sweida per il funerale del Generale dell'esercito siriano, eroe della lotta all'ISIS, Issam Zahreddine, rimasto ucciso per l'esplosione di una mina, mercoledì scorso.

Migliaia di siriana hanno reso omaggio, oggi, al Gen. Issam Zahreddine che ha perso la vita dopo il convoglio...
Notizia del:     Fonte: https://travel.state.gov - Ria Novosti

Gli USA ammettono per la prima volta che i terroristi dell'ISIS e Al Nosra usano armi chimiche

Questa ammissione è stata pubblicata in un documento ufficiale del Dipartimento di stato USA.

Mercoledì scorso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso sul suo sito web un avvertimento...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

The Washington Post: 'L'avanzata russa e siriana ha vanificato le ambizioni degli USA'

Secondo il quotidiano statunitense, i rapidi progressi delle forze siriane nelle zone orientali della Siria hanno vanificato le speranze degli Stati Uniti di «guadagnare più terreno» nel paese arabo.

In un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano statunitense 'The Washington Post' si evidenzia che l'espansione...
Notizia del:     Fonte: Ria Novosti

Russia: "L'ISIS è stato espulso dal 92,6% del territorio siriano "

La forza aerea russa ha condotto nell'ultima settimana oltre 400 missioni di combattimento in Siria e ha distrutto più di 1.200 strutture appartenenti ai gruppi terroristici.

I terroristi dell'ISIS sono stati espulsi da più del 92,6% del territorio siriano. Lo ha riferito...
Notizia del:     Fonte: Sana - Hispantv

Assad: 'La sconfitta dei terroristi ha inferto un colpo devastante ai piani dell'Occidente'

Il presidente siriano ha ricevuto a Damasco il capo dell'esercito iraniano per coordinare la strategia anti terrorismo di entrambi i paesi.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha tenuto un incontro con il capo di Stato Maggiore iraniano Mohammad Bagheri...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'Esercito siriano verso importante successo contro al Qaeda nel Golan e, di nuovo, l'aviazione israeliana lo attacca

La forza aerea israeliana ha bombardato l'esercito siriano all'interno delle alture del Golan, questa sera, con la solita giustificazione di essere stata attaccata.

Secondo la 90esima Brigata dell'esercito siriano, citata dal portale di notizie 'Al Masdar News',...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Bloomberg

"Invito" degli USA all'Europa: O si unisce alla sanzioni contro l'Iran o "affronterà i rischi significativi"

Gli Stati Uniti chiedono alle imprese europee di aderire alle sanzioni imposte da Washington contro il Corpo dei Guardiani della rivoluzione islamica dell'Iran (IRGC). Altrimenti...

"Prevediamo che paesi e società provenienti dall'Europa e da altre parti del mondo si uniscano...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: La Coalizione guidata dagli Stati Uniti ha distrutto Raqqa come Dresda nel 1945

"Raqqa ha avuto lo stesso destino di Dresda nel 1945, cancellata dai bombardamenti britannico -statunitensi", ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Gli aerei combattenti degli Stati Uniti e della coalizione hanno bombardato la città siriana di Raqqa...
Notizia del:

Elezioni in Venezuela: dichiarazione ufficiale degli osservatori spagnoli

Sul quotidiano iberico Publico la dichiarazione che smonta tutte le fake news sulle regionali del 15 ottobre

da Publico   In riferimento alla posizione assunta da Stati Uniti ed Unione Europea, che hanno deciso...
Notizia del:

Il Fatto Quotidiano e la democrazia in America Latina

Il Fatto Quotidiano costretto oggi (oggi) a dar notizia della morte di Santiago Maldonado nell'Argentina di Macrì scrive in prima pagina: "In Sud America la democrazia resta un sogno"....
Notizia del:

Una sinistra senza popolo, una sinistra che odia il popolo non può combattere il neoliberismo

di Francesco Erspamer* “Populismo digitale. La crisi, la rete e la nuova destra”: dal titolo mi sembrava un libro interessante e dell’autore, Alessandro Del Lago, sapevo che è...
Notizia del:

6 anni dall'assassinio di Gheddafi. Così titolavano i civili giornali occidentali: noi non dimentichiamo.

Sei anni fa veniva assassinato Mu'ammar Gheddafi. Era il 20 ottobre 2011. E questa è stata la reazione dei liberi giornali occidentali...   Rimane estremamente attuale...
Notizia del:     Fonte: Yeni Safak

La Turchia installerà 8 basi militari nel nord della Siria

La Turchia prevede di stabilire otto basi militari nella provincia siriana di Idlib. Lo ha riferito il quotidiano filo-governativo turco 'Yeni Safak'.

Ieri, il quotidiano vicino alle posizioni del Governo di Ankara, 'Yeni Safak', ha riferito che l'esercito...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa