/ Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini ...

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc
 

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare a spiegarvi come la situazione interna in Venezuela sia esattamente il contrario di quella che descrivono quei media che, dopo ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libia, Siria, Ucraina, stanno creando il terreno per l'ennesimo golpe “umanitario”.    





Aveva ragione Maduro. Quello che aveva promesso il Presidente della Repubblica bolivariana del Venezuela quando il primo maggio scorso, seguendo rigorosamente il dettame della Costituzione, devolveva le decisioni al potere originario, al popolo, si sta realizzando. L'Assemblea Costituente ha prodotto un miracolo: forse pentite di aver agito solo come gli utili idioti di Stati Uniti e Unione Europea, le destre venezuelane, dopo oltre 100 morti sulla coscienza per il terzo tentativo di golpe violento contro il legittimo governo (dopo 2002 e 2014), hanno tutte accettato il calendario elettorale del CNE (organo che ha garantito la regolarià del voto del 30 luglio). E addirittura l'idolo dei giornali occidentali, Leopoldo Lopez, ha annunciato con una lettera al Presidente di sottomettersi alle decisioni della Commissione della Verità creata dall'Assemblea Costituente. Lopez, per chi dovesse leggere ancora i giornali italiani e quindi non saperlo, era stato condannato al carcere per i crimini imputategli dall'ex Fiscal General Luisa Ortega per l'altro golpe violento tentato nel febbraio 2014 in cui morirono 43 persone.  


Niente più violenze. Un calendario elettorale preciso e le destre ritornate lentamente sulla via della legalità costituzionale dopo il terrorismo dei giorni passati. Uno scenario che ha mandato in tilt tutti coloro che cercano una destituzione violenta del governo, reo di aver nazionalizzato le prime riserve petrolifere del mondo e di utilizzarle non per arricchire le oligarchie transnazionale ma utilizzarle per i diritti sociali della popolazione. Non a caso, come testimoniato dall'ultima relazione delle Nazioni Unite in materia, il Venezuela ha il miglior coefficiente di Gini del continente.


Sono andati talmente in tilt dalla fine del terrorismo dei "manifestanti pacifici" che ieri, con dichiarazioni criminali, Trump ha addirittura minacciato apertamente il Venezuela di un intervento bellico.


Ci sarà stata almeno questa volta, vi domanderete voi, la reazione sdegnata dei “progressisti” che avevano fino a ieri insultato il mostro Trump?


Niente affatto. Tutto il contario. Queste dichiarazioni, lo ripetiamo criminali, hanno trasformato il mostro in “stratega”. Si avete capito bene. E' proprio questo il senso di un “editoriale” dai toni e dai tratti deliranti che l'inviato negli Stati Uniti di Repubblica, Federico Rampini, c'ha regalato oggi. In una trentina di righe confuse e con nessun filo logico, Rampini vorrebbe dimostrare la sua nuova tesi: “c'è del metodo” nel minacciare di guerra qui o lì. Il presidente insultato fino a ieri diviene uno stratega da non sottovalutare e, il tutto, solo perché è passato a fare quello che Repubblica ha sempre propagandato: l'interventismo bellico criminale in salsa "umanitaria". 


Il meglio di sé Rampini lo regala nel commentare la parte venezuelana dell'articolo. Dalle sue accuratissime fonti statunitensi dove risiede, il giornalista di Repubblica scrive: “Anche in Venezuela gli appelli ragionevoli e moderati - vedi papa Francesco - non hanno smosso dalla sua linea autoritaria un regime impazzito.”   Siamo al grottesco, al ridicolo.


Aveva ragione Maduro. In Venezuela, la Costituente e l'eroica sfida di otto milioni di venezuelani al terrorismo delle destre ha prodotto pace e dialogo, con le opposizioni che si sono arrese al calendario elettorale. Questo ha mandato in tilt in tanti (vedere anche le deliranti affermazioni del sottosegretario Amendola) e la cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali.

Alessandro Bianchi

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - Venezuela. Tra popolo e cifre, l'opposizione si spacca

di Geraldina Colotti * Caracas, 3 agsoto 2017 Partiamo dalla notizia. Mercoledì, Antonio Mugica, direttore dell'impresa Smartmatic, convoca una conferenza stampa a Londra per denunciare...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - La "frode di Maduro" e altro materiale satirico dai fake media occidentali

"Chiunque, qui, può richiedere il controllo del voto. E a dicembre vi saranno le elezioni per i governatori. Che farà l'opposizione? Se non ci va, lascia il campo libero, ma se ci va avalla l'autorità del Cne. E allora perché ora la disconosce? Ma nella costruzione della “post-verità”, tutto fa brodo. Prima di partire per Miami, Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, ha dichiarato di essere incinta: di 16 settimane. Ma in che modo se ha passato i mesi a gridare che suo marito era torturato e represso, e tenuto in isolamento dal “rrregime”? Ben presto, la canonizzazione della fake-news per eccellenza..."

di Geraldina Colotti, Caracas - 3 agosto 2017 Ieri sera eravamo nello storico quartiere 23 Enero, che...
Notizia del:

Di Casini in Galletti. Italia, paese allo sbando...

di Fabrizio Verde Estate caldissima. Cercate rifugio e decidete di comprare l'ultimo romanzo di fanta-politica da scorrere tra una pennichella e l'altra sotto l'ombrellone.  Il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa