/ Best for Britain, Soros scende in campo per sovvertire il risulta...

Best for Britain, Soros scende in campo per sovvertire il risultato della Brexit

Best for Britain, Soros scende in campo per sovvertire il risultato della Brexit
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it





Piccole Note


«La campagna in chiave pro-UE per invertire il voto sulla Brexit ha ricevuto oltre 400.000 sterline di finanziamenti dalla Fondazione del miliardario americano George Soros». Così sul Guardian che ricorda come Soros fu il protagonista del Black Wednesday, quando attaccò sterlina e lira con la conseguenza di far crollare tali monete e farle uscire così uscire così dal circuito dello Sme, che fu tassello importante della costruzione dell’Unione europea.


«La campagna Best for Britain, che sostiene la necessità di rimanere nell’UE piuttosto che lottare per una Brexit soft , ha ricevuto la somma a sei cifre dalla Open society foundation dopo le elezioni del giugno 2017». riporta ancora il Guardian.





Tale campagna è «presieduta da Lord Malloch-Brown, ex ministro del governo del Regno Unito e viceministro delle Nazioni Unite» e, aggiungiamo, trova il pieno sostegno dei liberali e dei laburisti di rito blairiano, oltre che parte importante della potente City londinese.
 

Da qui anche tante difficoltà della premier Theresa May a portare a complimento quanto stabilito dal popolo britannico attraverso il referendum sulla Brexit.


L’accenno al mercoledì nero da parte del cronista del Guardian non è affatto casuale o semplice memoria storica: è una denuncia. La campagna Best for Britain è sostenuta dalla persona che bruciò i risparmi dei cittadini britannici, mandando sul lastrico famiglie intere. Un compagno di viaggio alquanto bizzarro per un movimento politico che sostiene di essere interprete dei reali interessi dei dei cittadini inglesi.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Le bugie di Ghouta: ma non vi siete stancati delle fake news sulla Siria?

PICCOLE NOTE   Il copione si ripete con ripetitività estenuante: la campagna condotta dall’esercito di Damasco per liberare il Ghouta dalle milizie jihadiste che lo...
Notizia del:

Strage Florida: il terrorista segnalato all’Fbi un mese fa

PICCOLE NOTE   Sulla strage scolastica avvenuta alcuni giorni fa nel liceo di Parkland, una delle  più efferate registrate negli Stati Uniti, emergono altri...
Notizia del:

E così, dopo tante piccole bugie e grandi fake news... gli Usa ammettono: non abbiamo prove delle armi chimiche di Assad

PICCOLE NOTE E così, dopo tante piccole bugie e altrettante spudorate menzogne, la narrativa anti-Assad subisce una ferita mortale: gli Stati Uniti hanno ammesso che non hanno nessuna...
Notizia del:

È finita l’era Netanyahu?

PICCOLE NOTE La polizia israeliana, al termine di una lunga e travagliata inchiesta, ha espresso la convinzione che Benjamin Netanyahu debba essere incriminato.  L’accusa...
Notizia del:

Sochi, il futuro della Siria in bilico

PICCOLE NOTE  A Sochi si riuniscono delegati turchi e iraniani e parte dell’opposizione siriana per continuare i negoziati di Astana sul destino della Siria. Putin ha provato...
Notizia del:

Usa e il progetto dell’atomica tascabile

PICCOLE NOTE  C’è dibattito negli Stati Uniti sull’ipotesi di cambiare la politica americana riguardo le armi nucleari. Nuove norme, nuove testate. Tra le novità,...
Notizia del:

La battaglia di Afrin, come si esce dall'impasse

Piccole Note La campagna dei turchi contro il cantone siriano di Afrin conosce evoluzioni impreviste, come d’altronde tanto è imprevedibile in questo lungo conflitto siriano. Abbiamo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa