/ Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna de...

Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna dell'Italia

Braccianti di Rignano: il coraggio dei braccianti, la vergogna dell'Italia
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

 


di Giorgio Cremaschi 
 

Coraggio, diritti, dignità, scandisce a pugno chiuso Aboubakar Soumahoro, per tutti Abou, mentre inizia il suo intervento in una sala di Foggia, troppo piccola per contenere tutte le lavoratrici e i lavoratori presenti. Essi hanno volti con tutti i colori dell'Africa e sono lì per ricordare Giuseppe Di Vittorio a 60 anni dalla morte. Sono lì con la USB e con la Federazione Sindacale Mondiale, di cui Di Vittorio è stato fondatore e presidente. L'USB ha messo la sua baracca e il suo cuore nel ghetto di Rignano, dove quei lavoratori vivono in condizioni disumane, vergognose, indegne, come ha detto uno di loro, non solo dell'Italia e dell'Europa, ma del terzo mondo da cui provengono. 



Quella di Rignano e San Severo non è semplicemente una delle tante vicende infami di oppressione e persecuzione dei migranti, è prima di tutto una storia di sfruttamento del lavoro. Coloro che vivono nello spaventoso ghetto a cavallo tra i due comuni del foggiano sono lavoratrici e lavoratori agricoli, braccianti, che con santa ragione come tali esigono di essere considerati. L'olio, i pomodori, le verdure. e la frutta che giungono nelle nostre mense vengono dalle loro mani. I profitti enormi che si accumulano nella catena del guadagno che parte dai caporali, passa per i proprietari terrieri e arriva alle multinazionali, sono tutti frutto della loro fatica quotidiana, dalla luce alla notte. 

I braccianti di Rignano sono lì da venti anni a produrre valore e ancora non vedono riconosciuti i loro elementari diritti di lavoratori. Quei diritti per i quali Giuseppe Di Vittorio si è battuto per tutta la vita, fin da quando a otto anni dovette abbandonare la scuola e lavorare nei campi per contribuire al misero reddito della famiglia. 

Casa, servizi sociali, paga dignitosa, questo chiedono, questo non hanno i braccianti. Molti di loro parlano con intercalari dei dialetti del Nord Italia, perché sono stati operai di fabbriche che hanno chiuso o che li hanno costretti a lavori precari stagionali, che essi compensano con il lavoro agricolo. Sono lavoratrici e lavoratori e la loro condizione è una vergogna per l'Italia, per chi si ingrassa con il loro sfruttamento e per tutte le istituzioni, dalla Regione Puglia al Governo, alle autorità varie, che dopo venti anni sono ancora lì a parlare di migranti. La colpa comune di tutto il mondo politico e istituzionale è di considerare quella infamia sociale un problema dell'immigrazione, mentre è una questione di diritti del lavoro, di lavoratori italiani sottoposti ad un indegno supersfruttamento. Così il ghetto viene affrontato dalle autorità con la polizia, invece che con gli ispettori del lavoro e i servizi sociali. E non si risolve nulla. Un anno e mezzo fa il ministro della Giustizia visitò il foggiano e lanciò le solite dichiarazioni d'impegno. Ora è tutto come sempre. 

La USB, con l'infaticabile Abou e con tutti i suoi militanti della Capitanata, è entrata nel ghetto e sta con i braccianti, li organizza, fa sì che essi rispondano alle loro tremende condizioni, con orgoglio e coraggio. 

I braccianti di Rignano e San Severo stanno organizzando con il sindacato la loro sacrosanta lotta di classe, e questo li mette in connessione immediata e profonda con Di Vittorio; non sapevano nulla di lui, ma in breve hanno capito che era uno di loro. 

Da un lato c'è la vergogna dell'Italia, degli sfruttatori e dei loro complici, dall'altro il coraggio dei braccianti. Come hanno detto George Mavrikos e Paolo Leonardi alle lavoratrici e ai lavoratori di Rignano e San Severo va tutto il nostro ringraziamento. Grazie per il coraggio, la forza, l'affetto che ci hanno mostrato. Bisogna che essi vincano, per la dignità di tutti noi.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

La strage continua: altro operaio assassinato a Pisa. Non esprimete cordoglio voi ipocriti che parlate di produttività

di Giorgio Cremaschi  Mentre incontravamo gli operai della Piaggio abbiamo saputo che un altro operaio era stato assassinato ai cantieri navali di Pisa. Un operaio è stato assassinato...
Notizia del:

Militanti e candidati di Potere al Popolo fermano uno sfratto con tre bambini in provincia di Brescia

  A Ospitaletto in provincia di Brescia militanti e candidati di Potere al Popolo hanno fermato lo sfratto di una famiglia con tre bambini. La casa è pignorata perché il...
Notizia del:

Gli assassini sono tra noi

di Giorgio Cremaschi Come una bomba è esplosa una fabbrica chimica vicino a Como, diversi operai sono feriti gravi, ci auguriamo che ce la facciano, così come speriamo che la popolazione...
Notizia del:

Ecco perché la Borsa di New York è crollata

"E' la crisi della globalizzazione bellezza e le tue chiacchiere non possono farci niente."

di Giorgio Cremaschi La Borsa di New York è crollata sotto un peso pari a quello che dieci...
Notizia del:

Il ritorno del fascismo ha molti complici

Il killer nazifascista di Macerata ha ottenuto un successo travolgente. Il dibattito ufficiale   minimizza la  gravità del suo crimine, ignora le sue vittime e si concentra tutto...
Notizia del:

Macerata, la colpa non è solo dei fascisti. E' anche di chi li ha sdoganati

IL RAID RAZZISTA ASSASSINO DI MACERATA ERA NELL'ARIA DA TEMPO - Da tempo in Italia le forme più violente di razzismo e fascismo sono state legittimate dalle campagne contro i migranti e contro...
Notizia del:

Il braccialetto di Amazon simbolo di una società incatenata al profitto

di Giorgio Cremaschi Nelle galee veneziane i rematori erano incatenati al posto di remata. Non tutti erano schiavi, alcuni erano firmatari di un contratto di durata di qualche anno. Lo firmavano...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa