/ Caro PD, attentare il diritto allo sciopero è Fascismo. Fascismo ...

Caro PD, attentare il diritto allo sciopero è Fascismo. Fascismo autentico.

Caro PD, attentare il diritto allo sciopero è Fascismo. Fascismo autentico.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
di Giorgio Cremaschi

In pochi giorni il PD di Renzi, ma anche il sistema politico e mediatico che lo sostiene, hanno innalzato bandiere di segno opposto, sulgli stessi temi, quasi contemporaneamente. Mentre in parlamento i piddini, in realtà senza grande impegno, sostengono lo Ius Soli, Renzi fa suo lo slogan di Salvini: Aiutiamoli a casa loro. Del resto le leggi Minniti nemmeno la Lega le avrebbe potute superare in ferocia. 

Il renziano di ferro Fiano presenta una legge contro l'apologia del fascismo e del nazismo, ma intanto il governo Gentiloni intensifica i rapporti col governo Ucraino che con ministri fascisti e la presidente Boldrini esprime solidarietà e condivisione in un incontro con uno dei leader neonazisti di quel paese. E i fascisti venezuelani per il PD sono combattenti per la libertà. 



Mentre il governo concorda con la UE la prossima finanziaria lacrime e sangue, magari differite a dopo le elezioni, Renzi chiede di bocciare il fiscal compact, sostenuto da quel partito che il 25 aprile ha sfilato a Milano mascherato da blu UE E che resta fanatico dell'Euro. 

Ovviamente i fascisti ed i razzisti dichiarati, così come i fanatici dell'europeismo più ottuso, insorgono nelle rispettive competenze, facendo così pienamente la parte loro assegnata nel teatrino renziano. 

La realtà è che nulla di tutto questo dovrebbe essere preso sul serio perché il PD è passato dal culto del bipolarismo elettorale alla politica bipolare cioè alla schizofrenia delle sue posizioni. Nulla è serio e coerente nel PD, tranne l'attacco ai diritti del lavoro. Così c'è un progetto su cui Renzi e il palazzo politico mediatico stanno lavorando alacremente e senza contraddizioni: colpire il diritto di sciopero. Qui Marchionne, Renzi, Berlusconi e la grande stampa si trovano uniti, e sono benedetti dalle istituzioni europee e dai governi che stanno facendo altrettanto. Colpire il diritto di sciopero mentre si scatenano le politiche di austerità è il più autentico atto di fascismo che si possa fare oggi. E lo fanno quelli che vogliono colpire l'apologia del fascismo di ieri.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Dalla parte del lavoro
Notizia del:

Venezuela, il flop delle destre e lo spettro di Pinochet

  di Giorgio Cremaschi*   I golpisti in Venezuela annunciano 7.186.000 votanti, ovviamente con il 98% di SÌ alla destituzione di Maduro. Peccato che alle elezioni per il parlamento...
Notizia del:

L'alternanza scuola lavoro è un crimine sociale che bisogna cancellare

di Giorgio Cremaschi Un odioso fatto di cronaca criminale, gli abusi sessuali di un imprenditore brianzolo su studentesse minorenni a lui affidate per l'alternanza scuola lavoro, ha di nuovo...
Notizia del:

I 5 milioni di poveri assoluti italiani, un altro "grande successo dell'euro".

di Giorgio Cremaschi Pochi anni fa Mario Monti definiva la Grecia il più grande successo dell'Euro. Ora anche il nostro paese raggiunge quei vertici di vertici di vittoria, con il dilagare...
Notizia del:

E' l'Unione Europea la più grande bad company di cui è necessario liberarsi

di Giorgio Cremaschi Nella Barcellona mercantile e marinara del 1300 un banchiere che avesse fatto fallimento compromettendo i risparmi di chi si fosse a lui affidato, sarebbe stato decapitato in...
Notizia del:

Torino: licenziare è un crimine

Candida a gennaio era stata licenziata da una delle sedi della BEFED BREW UP, la catena di grigliata di pollo e birra che si sta affermando con successo e profitti nel centro Nord

di Giorgio Cremaschi Candida ora lotta per la vita perché si é data fuoco in una sede dell'INPS...
Notizia del:

A Trieste una grande manifestazione al fianco di Sasha Colautti e Augustin Breda

di Giorgio Cremaschi   Grande manifestazione a Trieste con Sasha Colautti e Augustin Breda, colpiti dalle multinazionali Wartsila ed Electrolux perché non piegano la testa, né...
Notizia del:

Il CETA è in Senato. Il silenzio assordante sul trattato internazionale che cambierà per sempre le vostre vite

"Tutti dicono di voler cambiare i trattati dopo, ma pochi cercano di fermarli prima."

di Giorgio Cremaschi Il degrado della nostra democrazia è ben rappresentato dal fatto che uno ...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa