/ Catalogna, Il President della Generalitat in fuga in Belgio con i...

Catalogna, Il President della Generalitat in fuga in Belgio con i suoi ministri

Catalogna, Il President della Generalitat in fuga in Belgio con i suoi ministri
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Marco Santopadre


Il President della Generalitat, destituito venerdì dal governo centrale spagnolo, si trova già in Belgio insieme alla maggior parte dei suoi ministri, ufficialmente per incontrare alcuni esponenti nazionalisti fiamminghi. Puigdemont avrebbe preso la decisione di rifugiarsi in Belgio su consiglio di una equipe giuridica che gli raccomanda di rimanere a Bruxelles.

L’eventuale emissione di un ordine di cattura europeo da parte della magistratura e del governo di Madrid obbligherebbero il governo e la magistratura belga a vagliare l’opportunità della concessione dell’asilo politico al President e ai suoi consellers. Nei giorni scorsi il ministro belga all’Immigrazione, Theo Francken, aveva annunciato la disponibilità a concedere l’asilo politico a Puigdemont, provocando la smentita da parte del primo ministro Charles Michel.

Proprio questa mattina il procuratore generale spagnolo José Manuel Maza ha chiesto l’incriminazione per il presidente catalano destituito con l’accusa di ribellione, sedizione e malversazione. Denunciati anche i ministri del suo governo per aver permesso la dichiarazione d’indipendenza, inclusa l’ex presidente della Camera Carme Forcadell e i membri dell’ufficio di Presidenza, anche loro sono sotto accusa per sedizione e ribellione. In tutto nel mirino dei magistrati di Madrid sono finiti 14 membri del Govern – compreso il Ministro dell’Impresa Vila che si era dimesso alla vigilia della dichiarazione d’indipendenza non essendo d’accordo – e sei parlamentari. Qualora non si dovessero presentare dinanzi ai giudici, la misura che le autorità di polizia spagnole sono autorizzate a prendere nei confronti dei vertici catalani incriminati è la “detenzione immediata”, e in caso di condanna rischiano dai 15 ai 30 anni di reclusione. Il magistrato di turno dell’Audiencia Nacional (il vecchio Tribunal de Orden Publico di franchista memoria) deciderà nei prossimi giorni se accogliere o meno la richiesta del Procuratore che ha anche chiesto di sequestrare, in via cautelare, beni pari a un valore di 6,2 milioni di euro.

 
Continua a leggere su Contropiano

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Europlot
Notizia del:

Il caso Susanna Masi. La consigliera di Padoan che avrebbe dato informazioni riservatissime alla Ernst & Young

Vi riproponiamo quest'articolo di Popoff Quotidiano sul caso Masi. Masi è una consigliera del Ministro Padoan che parallelamente però, secondo quanto sta indagando la Procura di...
Notizia del:

Cosa può succedere ora in Germania?

    Oggi il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeir ha incontrato il leader della SPD Martin Schulz nella speranza di convincerlo a iniziare i colloqui con Angela Merkel per formare...
Notizia del:

USB, Piacenza. Prof. Vasapollo: "Se si abituano a toglierti i diritti, te li toglieranno sempre".

"Se si abituano a toglierti i diritti, te li toglieranno sempre". "I diritti non rimangono per sempre". Pubblichiamo in questi cinque brevi video alcuni importanti stralci del discorso...
Notizia del:

“Il mio stipendio basta appena per mangiare”. Il dramma censurato dei lavoratori in Grecia

Di Keep Talking Greece, 4 novembre 2017  (traduzione di Voci dall'estero)   Le riforme hanno gravi effetti collaterali. Dalla crisi economica in Grecia è emersa una...
Notizia del:

"Ho salvato la Spagna". La "nuova" Repubblica parte dal franchismo

Viene presentata oggi la "Nuova" Repubblica. E per l'occasione il direttore in persona, Mario Calabresi pubblica un'intervista (molto prona) esclusiva al premier (post?)franchista...
Notizia del:

Manolis Glezos, 95 anni commemora così le vittime della rivolta degli studenti del 1973

Grecia

Da Asia Blog Manolis Glezos, il partigiano che nel 1941 strappò via la bandiera con la svastica dall'Acropoli...
Notizia del:

SI al "Brancaccio" del Popolo: Nella lotta di classe imperante, milioni non hanno rappresentanza. E' il momento di crearla

"Dopo il buco politico apertosi con il fallimento dell’operazione Teatro Brancaccio, un gruppo di giovani attivisti napoletani ha convocato una assemblea pubblica per sabato 18 novembre a Roma (ore 11.00 al Teatro Italia) con un spirito che, almeno, evoca questa necessità di una rottura del quadro esistente. Se ci eravamo tenuti consapevolmente alla larga dal Brancaccio, parteciperemo invece a questa assemblea e con spirito positivo, dando la dovuta priorità ai contenuti che riteniamo dirimenti."

di Sergio Cararo - Contropiano In questi giorni, in un pezzo del nostro mondo, il dibattito pubblico sui...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa