/ CINA E QUESTIONE PALESTINESE

CINA E QUESTIONE PALESTINESE

CINA E QUESTIONE PALESTINESE
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Diego Angelo Bertozzi 


La decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, oltre ad affossare le speranze di vedere riconosciuta la Palestina (o meglio: l'insieme di bantustan che ormai la compongono) come Stato, avrà probabilmente un'altra interessante conseguenza per gli Stati Uniti: squalificati per gran parte dell'opinione pubblica araba per il ruolo di mediatori equidistanti, potrebbero aprire interessanti opportunità nell'area per Pechino che da anni coltiva ottimi rapporti politici con Palestina e Israele (investimenti in tecnologia e infrastrutture), tanto da considerarle entrambe parti del progetto di Nuova via della Seta.



La stabilità dell'area è sempre più una priorità per la Cina popolare da un canto perché garanzia di approvvigionamento energetico, dall'altro per evitare la diffusione del contagio dell'estremismo e del separatismo islamici nei suoi confini (Xinjiang). 

La capitale dell'ex Celeste Impero ospiterà il prossimo 21 dicembre ospiterà un "seminario sulla pace" con la presenza di rappresentanti israeliani e palestinesi.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Tianxia
Notizia del:

Perché la Nuova via della Seta cinese non è il Piano Marshall 2.0

di Diego Angelo Bertozzi* per Marx21.it Diventa ormai sempre più difficile sostenere una tesi molto diffusa, soprattutto in Occidente, secondo la quale con la Belt and Road...
Notizia del:

Aziende statali cinesi: la "cura" pare funzionare

Nel 2017 i profitti totale delle imprese di proprietà dal governo centrale della Cina sono aumentati del 15,2% per una cifra pari a 1,4 trilioni di yuan (217,5 miliardi di dollari). Si tratta...
Notizia del:

Obiettivi nucleari e negoziati: Kim, altro che pazzia!

di Diego Angelo Bertozzi Lo si sosteneva da tempo ed era pure "razionalmente" intuibile: una volta raggiunti (anche se in parte) i propri obiettivi nucleari per garantire la messa in sicurezza...
Notizia del:

La posizione della Cina sulle manifestazioni in Iran

Mentre Trump spinge per il cambiamento di regime in Iran ("Il grande popolo iraniano è stato represso per molti anni. Sono affamati di cibo di libertà. Insieme ai diritti umani, anche...
Notizia del:

La Nuova Via della Seta cinese "laboratorio" per il futuro del trasporto

di Diego Angelo Bertozzi Jonathan Hillman (Center for Strategic International Studies di Washington) evidenzia come tutta l’iniziativa cinese, possa configurarsi come un “laboratorio...
Notizia del:

Pechino verso un nuovo 'soft power'?

  di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it La Cina “globale” ha prestato sempre più attenzione alla sua immagine, alla diffusione e alla promozione della propria cultura,...
Notizia del:

L'incontro Trump-Xi e il soft power cinese

Il "soft power" secondo molti rappresenterebbe il tallone d'Achille della Cina popolare. Una mancanza che le impedirebbe di essere da ogni punto di vista una potenza globale. Vero o meno,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa