/ Cina. Pechino punta forte sulle tecnologie per il Web: 14,5 milia...

Cina. Pechino punta forte sulle tecnologie per il Web: 14,5 miliardi di dollari di investimenti per Internet

Cina. Pechino punta forte sulle tecnologie per il Web: 14,5 miliardi di dollari di investimenti per Internet
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
di Daniele Cardetta

Mentre il mondo si interroga su quale sarà l’atteggiamento tenuto dagli Stati Uniti nei confronti della Cina con la nuova era Trump nel frattempo a Pechino sembrano avere le idee molto chiare sul futuro.

In particolare secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Xinhua http://news.xinhuanet.com/english/2017-01/22/c_136004874.htm il governo cinese avrebbe varato un fondo da 100 milioni di Yuan (14,5 miliardi di dollari) per supportare attivamente gli investimenti nel settore di Internet nel colosso cinese.



Il governo di Pechino in questo modo vorrebbe provare a rendere la Cina sempre più importante a livello mondiale nel settore dell’online, e in particolar modo nel mondo del mercato delle tecnologie per il Web che secondo molti addetti ai lavori rappresenta il vero futuro del business. Sarà proprio il governo a finanziare diverse compagnie operative su internet e secondo alcune informazioni verrà messa a disposizione delle aziende un credito fino 150 miliardi di Yuan.

Insomma internet sembra essere entrato di prepotenza nel futuro e anche nel presente della Cina, basti pensare che secondo il China Internet Network Information Center nel 2016 il numero di utenti cinesi collegati a internet sarebbe cresciuto del +6,2% rispetto al 2015. A oggi infatti il numero di utenti di internet in Cina ammonterebbe a 731 milioni , ovvero ben 42,99 milioni di utenti in più in meno di un anno, cifre che raccontano di uno sviluppo continuo e sempre più inarrestabile che potrebbe aprire a sempre nuove opportunità per il business. (http://www.corrierecomunicazioni.it/digital/45471_la-cina-vuole-aziende-piu-digitali-pronto-un-fondo-da-15-mld-di-dollari.htm)

Secondo tali dati questo significherebbe che circa il 53,2% della popolazione cinese godrebbe a oggi di un accesso internet di cui circa il 27%, ovvero 201 milioni di persone, risiederebbe nelle aree rurali della Cina. Questo significa che i programmi di alfabetizzazione informatica voluti da Pechino stanno avendo un progressivo successo anche grazie alla diffusione sempre più capillare dei dispositivi mobile. In particolare le persone che utilizzano dispositivi mobile per collegarsi a internet avrebbero un tasso di crescita annuo vicino al 10% con ben 469 milioni di cinesi che nel 2016 avrebbero effettuato pagamenti con lo smartphone.

Quella della diffusione  delle tecnologie Internet Mobile è una precisa scelta politica del governo cinese che ha diffuso anche una linea guida a tale fine per aumentare l’utilizzo di servizi Internet mobile in settori chiave come il traporto, il turismo, l’eduzione, i servizi medici e la pubblica sicurezza. In particolare secondo quanto spiegato da Xinhua (http://news.xinhuanet.com/english/2017-01/16/c_135984375.htm) il governo cinese sarebbe convinto che l’uso di tecnologie internet mobile potrebbe giocare un ruolo importante nella lotta contro la povertà in quanto consentirebbe di collegare regioni povere e depresse con il mondo circostante. Le linee guida sono state diffuse dagli uffici generali del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese e dal Consiglio di Stato e tra le altre cose prevedono anche di riservare più sforzi nel controbattere coloro che utilizzano internet per frodi, vendita di dati personali e altri illeciti.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il Venezuela risponde alle nuove sanzioni dell'UE. "E' la prova inconfutabile della sua indegna subordinazione a Trump"

Il governo venezuelano ha respinto, attraverso un comunicato pubblicato questo lunedì, le sanzioni imposte a sette suoi alti funzionari da parte dell'Unione Europea (UE). Le sanzioni sono...
Notizia del:

"Ci vuole un bel coraggio a chiamare missioni di pace gli avamposti delle conquiste neo-liberali"

di Mauro Armanino* - il Fatto Quotidiano Ci vuole davvero un bel coraggio. Chiamate missioni militari di pace gli avamposti delle conquiste neoliberali camuffate da buon samaritano. Arriviamo...
Notizia del:     Fonte: RT

Mosca: "Gli Stati Uniti stanno elaborando un piano B per cambiare il governo in Siria e la Russia lo neutralizzerà"

Mosca avverte sul tentativo dell'occidente, con un 'Piano B' di rovesciare il governo siriano ma allo stesso tempo ribadisce che lo neutralizzerà.

"Gli Stati Uniti hanno dato il via alla creazione di autorità alternative in una parte significativa...
Notizia del:     Fonte: TASS

La Turchia invade Afrin, ma la Francia all'ONU discuterà di Idlib e Damasco, dove l'esercito siriano affronta i gruppi jihadisti

Mentre la Turchia attacca i curdi sul territorio siriano, Parigi non considera questa operazione militare così importante da metterla al centro della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Piuttosto si parlerà della 'situazione umanitaria' a Idlib e di Damasco dove l'esercito siriano sta conducendo un'offensiva contro i gruppi jihadisti.

La Francia, nell'ambito di una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza dell'ONU che si terrà...
Notizia del:     Fonte: Haaretz

'Il 97% dell'acqua di Gaza ha la stessa qualità di quella delle fogne'

Un rapporto dell'Autorità palestinese sull'acqua nella Striscia di Gaza. assediata da Israele, avverte che fino al 97% dell'acqua potabile nell'enclave costiera non è adatta al consumo umano a causa dell'inquinamento provocato da acque reflue non trattate e a causa di un alto livello di salinità.

Ahmed Yaqubi, idrologo, consulente per l'Autorità palestinese nella Striscia di Gaza, ha presentato...
Notizia del:

Alberto Negri: "I grandi perché dei bambini: perchè la Turchia è ancora nella Nato?"

di Alberto Negri* Perché ci sono diverse basi Nato, tra cui quella di Incirlik. Perché ci sono i missili puntati su Russia e Iran. Perché la stessa Turchia usa la sua membership...
Notizia del:

Egitto, Al Sisi verso il secondo mandato. Quali prospettive per il Mediterraneo?

Ha ufficializzato la propria candidatura ad un secondo mandato il capo di Stato uscente egiziano Abd al-Fattah Al Sisi, in carica dal 2014.  Lo ha annunciato durante una conferenza di tre giorni...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa