/ Clinton e Trump: Hugo Chavez troppo grande per essere accostato a...

Clinton e Trump: Hugo Chavez troppo grande per essere accostato a loro

Clinton e Trump: Hugo Chavez troppo grande per essere accostato a loro
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Luis Pino per teleSUR
 

La campagna per la presidenza del paese più decadente, più bellicoso e produttore di armi, il più grande consumatore di droga e senza cultura del pianeta Terra, è semplicemente una latrina. 

 

La signora Hillary che è corrotta, genocida e inadeguata, con complesso di inferiorità, non ha fatto altro che rifugiarsi dietro il nome del suo sadico marito, il che dice già molto di questa signora, mentre l’altro signore è un mercenario della bellezza femminile e imprenditore vorace, è caduto nel gioco sporco delle signora presentemente menzionata, in assenza di una proposta programmatica che sia passabile per la popolazione. 

 

Hanno entrambi un’agenda occulta inconfessabile: cercheranno di aumentare l’assassinio di neri e afrodiscendenti, così questi si ‘sbiancheranno’ per ingraziarsi l’oppressore; uscire dall’ingombro che per loro rappresentano gli immigrati latini e restare solo con quelli che possono essere utili come servi, tipo le persone che lavorano presso la CNN in spagnolo e quelli che lavano pavimenti e bagni; cancellare dalla faccia della terra la Palestina e consegnarla agli ebrei, come regalo per essere commissariati dal governo statunitense; lanciare l’offensiva finale contro la Siria, insieme ai governi rapinatori dell’Unione Europea (UE) e rafforzarsi nelle risorse energetiche per soggiogare Russia e Cina da diversi fronti di attacco; liquidare la Rivoluzione Bolivariana, Socialista e Chavista del Venezuela, per generare un effetto domino nel resto dell’America Latina e nei Caraibi, con il precedente del genocidio che cercano di eseguire contro il Presidente Nicolás Maduro, nel caso che l’autorazzista uscente dalla Casa Bianca non ci riesca e, così, convincere e dissuadere gli altri popoli e governi che oggi rappresentano il nuovo mondo multipolare e multicentrico. 

 

La signora Clinton, conoscendo le sue limitate facoltà e la sua disgustosa fedina penale, che supera la lussuria del marito, ha indetto con il suo partito chiamato Democratico, una campagna di guerra sporca attraverso uno spot pubblicitario in cui si afferma che «Trump è il Chávez statunitense», propaganda sublime utilizzata in senso peggiorativo sta solo facendo un gran favore al folle dei Repubblicani, visto che il Comandante Hugo Chávez ha toccato l’anima di tutti i popoli e negli Stati Uniti d’America, per quanto abbiano preteso di demonizzarlo, il Comandante Hugo Chávez è presente nella maggioranza del Popolo statunitense e tra i neri non ‘sbiancati’, perché Hugo Chávez è l’emblema della libertà e dell’emancipazione, insieme al Comandante Ernesto Che Guevara.

 

 

Non vi è alcun modo per nascondere la bassezza della signora Hillary Clinton, che l’ha portata ad essere così in errore e, per non fornire su un piatto d’argento il trionfo a Trump, lei sta aiutando a far passare un candidato venuto dall’eredità dei puritani arrivati dalla vecchia Inghilterra quando furono inviati a conquistare e rubare le terre che oggi occupano come territorio degli Stati Uniti, un candidato che vorrebbe avanzare verso un’altra guerra mondiale, ispirato nelle sue idee religiose allucinate, piene di moralismo bigotto simile all’ISIS. 

 

Se i democratici fossero un poi più seri e per non sparire insieme ai repubblicani, dovrebbero ritirare la candidatura della signora Clinton. 

 

In quanto allo spot che si basa sull’analogia pazza tra il Comandante Hugo Chávez e il signor Donald Trump, se nel suo comando di campagna elettorale non fossero così elementari, dovrebbero proseguire a diffondere questo video. In ogni caso, anche se fa male al suo assassino autorazzista, il Comandante Hugo Chávez vince la campagna nel cuore del popolo statunitense, perché resta molto più grande della signora Clinton e del signor Trump, oltre al fatto che, come viene affermato nella canzone poetica e profetica del gruppo Ska-P: «tra miseria, fame e desolazione, in mezzo al fango qualcuno ha piantato un fiore», anche se questo è molto profondo per i due candidati della latrina.

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)   

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: teleSUR
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: The News York Times

The New York Times: "La CIA ha interferito più di 80 volte nelle elezioni di altri Paesi"

Sin dal suo inizio, la CIA ha anche contribuito a rovesciare i leader eletti in altri paesi, sostenuto colpi di stato, ha organizzato omicidi per ragioni politiche e sostenuto i governi anti-comunisti, si legge in un articolo del quotidiano statunitense, 'The New York Times'.

La Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti ha interferito nelle elezioni in diversi paesi sin dall'inizio...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:

Honduras, la denuncia di Nasralla: «Hernandez controlla il crimine organizzato»

Intanto il partito di governo dopo aver scippato l'elezione accusa i leader dell'opposizione di fomentare la violenza e di collegamenti con il narcotraffico

  Oltre il danno la beffa. I leader dell’opposizione in Honduras - il candidato dell’Alleanza...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Le più recenti da ALBA LATINA
Notizia del:

"Il Venezuela è un pioniere nel mondo". Nicolas Maduro annuncia la pre-vendita della criptomoneta Petro

RT  Questo mercoledì inizia la prevendita del cosiddetto Petro, una criptovaluta diversa da tutte le altre perché creata direttamente dal governo venezuelano e sostenuta dalle...
Notizia del:

Mobilitazione dei lavoratori brasiliani contro le misure del golpista Temer

Dopo aver precarizzato il mercato del lavoro Temer vuole tagliare le pensioni

  La Confederazione Unica dei Lavoratori (CUT) del Brasile, insieme ai movimenti sociali e ad altre sigle...
Notizia del:

Guerra al Venezuela: tutte le contraddizioni politiche dell'ultimo comunicato del "Gruppo di Lima"

  Mision Verdad Il gruppo di Lima, in un passaggio che prosegue nella pressione sul terreno politico volta ad aumentare le possibilità di intervento negli affari interni del Venezuela,...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Honduras, la denuncia di Nasralla: «Hernandez controlla il crimine organizzato»

Intanto il partito di governo dopo aver scippato l'elezione accusa i leader dell'opposizione di fomentare la violenza e di collegamenti con il narcotraffico

  Oltre il danno la beffa. I leader dell’opposizione in Honduras - il candidato dell’Alleanza...
Notizia del:

Venezuela: l'impatto delle sanzioni USA colpisce tutto il popolo

L'economista e direttore di Datanalisis, Luis Vicente León, ha chiarito che le sanzioni applicate al Venezuela colpiscono tutti allo stesso modo

da Lechuguinos   Il direttore della società Datanalisis in Venezuela, Luis Vicente León,...
Notizia del:

Il governo di Caracas respinge i tentativi USA di provocare un colpo di stato in Venezuela

Telesur (Traduzione de l'AntiDiplomatico) Il governo della Repubblica bolivariana del Venezuela ha chiesto a Washington di "fermare immediatamente tutti gli assalti e le minacce"...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa