/ Come un'applicazione sportiva ha rivelato le basi e segreti milit...

Come un'applicazione sportiva ha rivelato le basi e segreti militari Usa

Come un'applicazione sportiva ha rivelato le basi e segreti militari Usa
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Una mappa di dati pubblicata dalla nota applicazione di 'fitness' Strava - un social network per lo sport che mostra i movimenti di chi la usa (27 milioni gli utenti), grazie a dispositivi tecnologici che registrano l’attività fisica su uno  -  ha rivelato segreti militari Usa e gettato il Pentagono nel panico.
 
Alcuni analisti, infatti, hanno indicato che attraverso l’applicazione sono stati rivelati nei giorni scorsi i luoghi di basi militari Usa in diversi parti del mondo. “E’ bello, ma non proprio stupendo per la sicurezza operativa. Le basi militari degli Usa sono chiaramente identificabili e visibili nella mappa”, ha scritto su Twitter l’analista Usa Nathan Ruser, che lavora per l’Institute for United Conflict Analytics. «Strava ha rilasciato la mappa mondiale, 1,3 miliardi di localizzazioni Gps. È molto bella ma non buona per le operazioni segrete e le basi militari americane che sono identificabili», ha proseguito sempre su twitter.
 



Nella mappa creata dagli utenti Strava, in Iraq sono ben visibili e facilmente rintracciabili le basi di Taji, a nord di Bagdad, o Qayyarah a sud di Mosul e Al-Asad nella provincia di Anbar. Altre postazioni militari meno note o percorsi di routine vengono indicate dall’applicazione: «Le basi americane sono chiaramente identificabili, se i soldati usano l’applicazione come la gente normale facendo vedere dove vanno ad allenarsi potrebbe essere molto pericoloso», ha precisato poi Nathan Ruser al Guardian.  
 





Anche Tobias Schneider, un’ analista della sicurezza ha denunciato, sempre su Twitter, il pericolo di questa mappa, notando che erano visibili siti militari in Siria, così come la base di Madama usata dalle forze francesi in Niger.  Oltre a quelle Usa, la mappa di Strasa ha rivelato le basi francesi nella provincia di  Kidal in Mali.
 
 
"Studiando i dati pubblici condivisi dagli stessi militari utilizzando l'applicazione, è possibile non solo determinare la posizione della base, ma i programmi delle truppe, i loro itinerari e altri dettagli che costituiscono un segreto militare, ovviamente", ha dichiarato l’esperto Alexánder Asáfov a RT.
 
Secondo il parere degli esperti, questo caso si tradurrà in una revisione dei regolamenti interni del servizio militare e, probabilmente, nel divieto totale di uso di dispositivi le cui funzioni fornire i dati di raccolta di geolocalizzazione.
 
"Il Dipartimento della Difesa prende questi casi sul serio e sta studiando la situazione", ha detto Harris più Audricia in un'intervista con RIA Novosti. "Se necessario saranno introdotte ulteriori misure per garantire la sicurezza del personale militare dentro e fuori il paese", ha aggiunto. "La pubblicazione degli ultimi dati sottolinea la necessità di consapevolezza della situazione dei casi in cui i militari condividere le loro informazioni personali", ha aggiunto il portavoce del Pentagono.  
 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Medio Oriente, ecco come imperialismo e sionismo continuano a lavorare per la guerra

di Ângelo Alves, Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese | da avante.pt Traduzione di Marx21.it La situazione nel Medio Oriente rivela chiaramente la strategia...
Notizia del:     Fonte: RT

La Russia esorta alla cessazione delle "ambizioni occupanti" degli Stati Uniti in Siria

Mosca esorta gli Stati Uniti a smettere di fare minacce irresponsabili contro la Siria, attraverso l'inviato speciale della Russia all'ONU, Vasili Nebenzia, durante la riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

"L'obiettivo di lottare contro terroristi non deve essere una cortina fumogena per realizzare questi...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

Nasrallah: Gli Stati Uniti continuano a complottare contro l'Asse della Resistenza

Nasrallah ha insistito sulla necessità di sostenere la Resistenza per contrastare i complotti degli interni ed esterni.

Il Segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah, ha avvertito che gli Stati Uniti, dopo aver fallito...
Notizia del:     Fonte: http://eng.mil.ru

"I terroristi bloccano l'invio di aiuti ai civili nel Ghouta Orientale"

Le azioni dei gruppi armati in Siria ostacolano il processo di pace e provocano misure reciproche da parte delle forze governative, si legge nella dichiarazione del ministero della Difesa russo.

I leader dei gruppi terroristici Jaysh Al-Islam e Jabhat Al-Nusra aggravano deliberatamente la situazione a Ghouta...
Notizia del:

Quello che i grandi media non ti raccontano su Ghouta Orientale

I media accusano nuovamente Assad di crimini contro l'umanità e diffondono la posizione dei paesi occidentali, rifiutandosi di prendere in considerazione gli argomenti del governo siriano stesso e di riconoscere la complessità della situazione

Sputnik   Il sobborgo orientale di Ghouta, a est della capitale siriana, ha occupato le prime pagine,...
Notizia del:     Fonte: SANA

Siria: la Francia, sponsor del terrorismo, non farà parte del processo di pace

La Francia "non è abilitata" a svolgere un ruolo nel processo di pace in Siria, per il suo supporto al terrorismo ha le mani macchiate del sangue dei siriani, ha avvertito il Ministero degli Affari Esteri siriano in un comunicato.

Nella lettera, inviata in due copie alle Nazioni Unite (ONU) e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: "Psicosi di massa" sul Ghouta dei media occidentali non aiuta la situazione

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un immediato cessate il fuoco nel Ghouta Orientale, sobborgo di Damasco per fornire aiuti umanitari alla popolazione ed evacuare i feriti.

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito con urgenza ieri su iniziativa della Russia per affrontare...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa