/ Coordinamento Nascosto tra Mosca e Washington contro Daesh in Sir...

Coordinamento Nascosto tra Mosca e Washington contro Daesh in Siria?

Coordinamento Nascosto tra Mosca e Washington contro Daesh in Siria?
 

Da quando Donald Trump è diventato Presidente degli Stati Uniti assistiamo in Siria ad alcuni sviluppi interessanti. Al momento disponiamo di notizie frammentarie e apparentemente scollegate tra loro. Mettendo insieme i pezzi, si evince un probabile livello più profondo di coordinamento tra Stati Uniti e Russia. Nessuna certezza, ma verosimilmente Trump e Putin hanno deciso di cooperare nella lotta contro daesh in Siria senza rendere note le loro intenzioni, specie dopo l’equivoco dei giorni precedenti in merito ad un’azione congiunta tra Mosca e Washington contro daesh in Siria

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Federico Pieraccini
 

Il seguente elenco ha lo scopo di agevolare la comprensione in merito ad un’ipotesi di coordinamento nascosto tra Stati Uniti e Russia.


 

Iniziamo da alcuni punti fermi degli ultimi mesi.


 

1. La Russia combatte da quasi due anni il terrorismo in Siria chiedendo agli Stati Uniti di cooperare nelle operazioni, quantomeno in termini di condivisione di informazioni sensibili degli apparati di intelligence.

2. Trump in campagna elettorale ha sempre sostenuto di voler collaborare con Mosca per combattere il terrorismo in Siria, dando priorità a daesh come pericolo numero uno.

3. Da Presidente, Trump ha ribadito questa posizione senza compiere alcuna marcia indietro come molti ipotizzavano.

4. Negli ultimi quattro giorni (21 e 23 Gennaio 2017) la Federazione Russa ha effettuato almeno 2 missioni con l’aviazione Russa impiegando ben 6 bombardieri strategici Tu-22M3 in località Deir ez-Zor. Una quantità importante in termini di potenza di fuoco.

5. Il ministero della difesa Russo (MOD) ha riferito che sono stati colpiti strutture adibite a fabbriche di armamenti bellici, centri di comando e depositi di armi di Daesh.

6. Le località intorno a Deir ez-Zor sono sotto controllo di Daesh da svariato tempo.


 

Ripeschiamo nella memoria recente alcune vicende oscure, mai del tutto chiarite.


 

7. Le notizie più criptiche capitate in Siria sono avvenute a Deir ez-Zor. Il vile bombardamento della coalizione Internazionale ai danni dell'esercito Siriano il 17 Settembre 2016 e nelle settimane più recenti, la clamorosa fuga di centinaia di membri di Daesh da Mosul verso Deir ez-Zor, senza alcun intervento aereo della coalizione internazionale.

8. Visto il punto (7) è scontato dedurre che lo stato profondo USA (CIA e Dipartimento di Stato) sia in contatto con Daesh, coordinando i ripetuti attacchi allo stato Siriano.


 


 

Oltre alle annotazioni precedenti, alcune considerazioni sulle operazioni condotte in Siria dalla Federazione Russa.


 

9. Per esperienza, grazie alla vicenda dell'eroico sacrificio di Alexander Prokhorenko, sappiamo che per i bombardamenti in queste località, Palmira e Deir ez-Zor, l'aviazione Russa utilizza soldati speciali (Spotters) per individuare/confermare obiettivi a terra spesso camuffati da strutture civili (Esempio: Fabbriche/depositi di Armi). Purtroppo sappiamo anche quanto sia pericoloso e difficile infiltrarsi in tali zone.

10. I bombardieri Strategici Russi hanno utilizzato bombe "stupide" che non richiedono guida laser o altri sistemi di puntamento particolari. Evidentemente i Russi erano sicuri degli obiettivi da colpire.

11. Visti i punti (1), (6), (9), (10) e i ripetuti attacchi di questi giorni dei bombardieri strategici, è evidente che il MOD (Ministero della difesa) Russo abbia acquisito nuove informazioni di intelligence, precedentemente sconosciute, sugli obiettivi a terra in località Deir ez-Zor. Questa richiesta di condivisione di informazioni è un punto fermo su cui Mosca insiste con Washington da anni. L'amministrazione Obama ha sempre rifiutato di collaborare. Trump ha sempre ribadito il contrario.


 

Degna di nota anche la notizia recente di un’azione unitaria tra l’aviazione Americana e Russa in Siria.


 

12. L’episodio inerente il bombardamento congiunto tra Russi e Americani, smentito da fonti della coalizione internazionale, ha preso una piega particolare con il portavoce di Trump (Sean Spencer) che ha rifiutato di commentare la vicenda, lasciando intendere possibili divergenze di opinioni tra l'amministrazione Trump e i membri della coalizione internazionale a guida USA.


 

Infine due deduzioni logiche, compatibili con quanto riferito in precedenza.


 

13. E’ fortemente probabile che Mosca abbia ricevuto da fonti americane, grazie ai punti (7) e (8), le coordinate di Daesh a Deir ez-Zor. Questo spiegherebbe anche le questioni (4), (9) e (10).

14. Il MOD Russo non ha rilasciato informazioni su come siano state acquisite le informazioni che hanno portato ai bombardamenti dei giorni passati.


 

Conclusioni.


 

Riassumendo, possiamo tracciare un quadro degli eventi negli ultimi giorni in Siria, ipotizzando un coordinamento nascosto tra Mosca e Washington.

Sappiamo ad esempio che Trump non intende sovvertire il governo di Assad. Non necessitando di truppe di terra (AKA Terroristi) l’amministrazione appena insediata non intende finanziare o armare “ribelli moderati”, come ribadito più volte dal nuovo presidente in campagna elettorale.

Altrettanto probabile è che a seguito della missione congiunta USA-Russia in Siria contro Daesh, confermata dal ministero della difesa Russo e rilanciato da RT –ma non smentito da Spencer (Punto 12), lo stato profondo USA (specie partito Repubblicano, Media mainstream e comunità di intelligence ad alti livelli) abbia fortemente protestato con l'amministrazione vista la notoria ostilità verso Mosca.

E' verosimile quindi che l'amministrazione Trump sia passata da un sostegno attivo (missioni congiunte) ad un coordinamento nascosto con Mosca, onde evitare ulteriori attriti con alcune componenti dello 'stato profondo'.

A conferma di questa ipotesi, i bombardieri strategici hanno colpito con bombe non guidate da strumentazioni di precisione, obiettivi nascosti, precedentemente non conosciute grazie a nuove informazioni appena acquisite (altrimenti non si spiega come mai non abbiano già effettuato in precedenza tali missioni vista la situazione critica a Deir ez-Zor).

Visti i punti (6), (7) e (8) è facile intuire che tali informazioni fossero in possesso di Washington da tempo. Uno dei motivi per cui la precedente amministrazione Obama ha sempre rifiutato di cooperare con Mosca trova radici profonde nei legami occulti tra il terrorismo in Siria e le agenzie di intelligence americane. Collusioni da tenere segrete ad ogni costo.


 

In conclusione, la telefonata programmata tra Trump e Putin per Sabato 28 Gennaio è un altro sintomo di un'intesa che va sviluppandosi, senza molta pubblicità, nella lotta al terrorismo in Siria.

Tenendo d'occhio la situazione in Siria e i colloqui tra Stati Uniti e Russia nei prossimi giorni, risulterà più facile comprendere il livello di accuratezza di queste ipotesi.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli USA di non riconoscere la volontà del popolo venezuelano

La Repubblica Bolivariana del Venezuela, riaffermando il suo stato indipendente e sovrano, condanna con forza le minacce del Governo del Presidente Donald Trump

La Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge categoricamente i tentativi del Governo degli Stati Uniti...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia avverte sul "piano B" degli Stati Uniti per rovesciare Assad

Il ministro degli esteri russo ritiene che la coalizione guidata dagli Stati Uniti protegga i terroristi in Siria per tornare al suo 'piano B': rovesciare il presidente siriano.

Gli indizi indicano come la coalizione che dice di combattere il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), protegga...
Notizia del:     Fonte: RT

Ministro della difesa Russo: "Le operazioni militari in Siria stanno per finire"

Il ministro della Difesa russo, Šojgu ha dichiarato che l'operazione contro i terroristi in Siria sta per finire.

In un incontro con il suo omologo del regime israeliano, Avigdor Lieberman durante la sua visita in Israele, il...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Al Masdar News

L'Esercito siriano prepara offensiva contro i terroristi sul Golan.... e Israele distrugge il suo sistema anti aereo

L'aviazione israeliana ha distrutto un sistema anti aereo siriano. L'attacco sarebbe una risposta ad una "provocazione" siriana. Le forze armate israeliane hanno informato, precedentemente, la Russia del loro attacco.

Secondo quanto riferiscono i media israeliani, l'esercito del regime israeliano ha attaccato una batteria...
Notizia del:     Fonte: RT

VIDEO. L'Esercito siriano nella capitale 'de facto' dell'ISIS in Siria scopre armi prodotte in USA e Israele

Le forze siriane, dopo aver liberato la città di Al-Mayadeen, nella provincia orientale di Deir Ezzor, capitale de facto dell'ISIS in Siria, hanno scoperto una grande quantità di armi di produzione statunitense e israeliana.

Le Tiger Forces, unità speciali delle forze armate siriane, come riferito dai dai media russi, indicano...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:

La Cina ribadisce sostegno all'Unesco dopo uscita degli Stati Uniti

«La Cina spera che tutte le nazioni contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione mondiale per promuovere la cooperazione scientifica, educativa e culturale, così come la comprensione tra le differenti civiltà»

  Il governo della Repubblica Popolare Cinese ha ribadito il proprio sostegno all’Organizzazione delle...
Notizia del:     Fonte: RT

La Russia è pronta a mediare tra Iran e Arabia Saudita

«Abbiamo sempre detto ai nostri partner Arabia Saudita e Iran che siamo pronti a fornire una piattaforma per contatti», ha affermato il viceministro degli Esteri della Federazione Russa

  «Abbiamo sempre detto ai nostri partner Arabia Saudita e Iran che siamo pronti a fornire una piattaforma...
Notizia del:     Fonte: The Daily Mail

Israele: Se scoppia una guerra affronteremo un fronte unico Libano, Siria e Hezbollah

Il ministro della Difesa del regime israeliano ha sostenuto che, in caso di una nuova guerra, Israele si troverà ad affrontare un 'fronte' comune, composto da Libano, Siria e Hezbollah.

"Nella prossima guerra nel nord, il Libano non è l'unico fronte", ha così spiegato...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'esercito siriano ha liberato più di 8000 km² di territorio dai "ribelli" appoggiati dagli USA

Tra i vari fronti della guerra in Siria, uno dei più caldi è quello sulla frontiera con la Giordania dove orbitano i "ribelli" appoggiati dagli USA che nella zona hanno illegalmente costruito una base militare per "combattere" l'ISIS

Secondo quanto riporta il portale, 'Al Masdar News', l'esercito arabo siriano ha proseguito la massiccia...
Le più recenti da Geopolitica e Conflitto
Notizia del:

"L'impero fallito": la Russia e la strategia militare cinese per contenere gli Stati Uniti

di  Federico Pieraccini - Strategiculture (traduzione di Controinformazione) Guardando al panorama politico globale nel corso dell’ultimo mese, due tendenze stanno diventando più...
Notizia del:

Il discorso di Trump all'Onu: l'epitaffio dell'Impero

Ancora una volta, conta la realtà dei fatti e non le parole dietro cui Trump e l'establishment americano spesso si nascondono: in Siria hanno perso, così come in Iraq ed Afghanistan

di Federico Pieraccini   Trump, nel suo discorso alle Nazioni Unite, ha attaccato nell'ordine Kim...
Notizia del:

Nonostante le bufale russofobe dei media, sono gli Stati Uniti il paese più temuto. Pew Research Center

di Federico Pieraccini Media mainstream, Intelligence, politici, lobby straniere, Think Tank, apparato militare, conglomerati Industriale, Banche e la FED compongono il deep state americano e considerano...
Notizia del:

L’intesa tra Mosca e Pechino Spaventa un Occidente Diviso

Il 4 luglio 2017, Xi Jinping è stato accolto a Mosca da Putin nel loro ventunesimo incontro ufficiale, utile per coordinare le prossime mosse di un G20 che si preannuncia delicato per i temi internazionali sul tavolo.

  di Federico Pieraccini   I più di venti accordi firmati tra Russia e Cina ammontano...
Notizia del:

Trump come Bush, un "problema". Ma solo perché mostra il vero volto dell'imperialismo a stelle strisce.

Il problema per gli americani è avere gente come Bush o Trump presidente: mostra il vero volto dell'imperialismo a stelle strisce.   Ormai è tutto marketing: i poteri forti...
Notizia del:

Il Grande Gioco Mediorientale: Qatar vs Arabia Saudita

In un clima da resa dei conti, persino le monarchie del golfo sono state raggiunte da una serie di eventi senza precedenti. I contrasti tra Qatar e EAU-Bahrein-Arabia Saudita hanno superato il livello di guardia con una crisi diplomatica dagli esiti imprevedibili.

  di Federico Pieraccini  Ufficialmente tutto è iniziato con le dichiarazioni attribuite a...
Notizia del:

Caro Trump, quindi i 10 mila soldati Usa in Qatar addestrano e proteggono i terroristi?

Trump: La Decisione Saudita nei confronti del Qatar va nella direzione corretta di combattere il terrorismo.   Qualcuno lo avvisi che:   1. In Qatar ci sono circa 10.000 truppe USA. Che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa