/ Cosa hanno in comune l'Ucraina ed il Venezuela? Lo schema Propp-S...

Cosa hanno in comune l'Ucraina ed il Venezuela? Lo schema Propp-Sharp

Cosa hanno in comune l'Ucraina ed il Venezuela? Lo schema Propp-Sharp
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
di Danilo Della Valle


Cosa hanno in comune l'Ucraina ed il Venezuela? 





Niente, teoricamente. Praticamente invece questi due Paesi attraversati da crisi economiche e di governo hanno in comune molto, più specificatamente la regia delle proteste.

Ovviamente non si vuole fare del complottismo ma suona strano davvero che lo schema di Propp, l'antropologo russo che aveva studiato un metodo di narrazione che ha usato in tutte le sue fiabe, riesca ancora a fare colpo in maniera acritica sull'opinione pubblica nostrana. Basterebbe inoltre leggere qualche trattato di Gene Sharp, il "filosofo e politologo" Usa che ha dato i "natali" alle rivoluzioni colorate dell'est e dei Balcani, che ha collaborato per anni con il Dipartimento di Stato Usa per esportare la democrazia nel mondo.


E così il musicista di Kiev e quello di Caracas, il bambino che "affronta" la polizia, e la ragazza che in un perfetto inglese esordisce con "I m ....from Kiev/Caracas" diventano gli emblemi virali di una popolazione che necessita di un "eroe" che li salvi.


La presunta crisi, aiutata ed indotta dall'esterno con l'aiuto degli oligarchi del posto, diventa la causa, ed ovviamente poco importa alla nostra opinione pubblica se questi emblemi di liberazione non rappresentino effettivamente il popolo e se l'eroe designato porti in seno idee naziste, come in Ucraina, o se abbia interessi di stampo economico, come in Venezuela, se abbia in testa di restaurare governi sulla falsa riga dei fantasmi del passato, come in piazza Maidan, o se faccia dell'accaparramento e contrabbando il proprio cavallo di battaglia.


Poco importa se queste proteste interessano una minoranza della popolazione che ha "padroni"stranieri, l'importante è far "fuori" i "dittatori", che in questi casi sarebbero stati eletti democraticamente ma che l'opinione pubblica tende a dimenticare. Così gli 8 milioni e passa di venezuelani che affrontando i golpisti sono accorsi a votare, tutto d'un tratto non rappresentano più una fetta popolare e democratica del Paese ma diventano 8 milioni di "invisibili" oscurati da qualche migliaio di incappucciati armati rappresentanti della "democrazia".
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Il Mondo Alla Rovescia
Notizia del:

Argentina, cosa succede dopo la vittoria di Macrì nelle elezioni legislative?

di Danilo Della Valle  Che in America Latina, da qualche tempo a questa parte, si respiri un'aria non proprio favorevole a chi si oppone al neocolonialismo di stampo liberista lo sapevamo...
Notizia del:

Se a "sfidare" Putin è la Paris Hilton di Russia...

La neocandidata Sobchak ha sempre dichiarato, durante le interviste fatte, di “amare Putin come l'uomo che ha salvato suo padre, ma di non rispettare la sua linea politica”

di Danilo Della Valle Mettetevi comodi e preparate i pop corn, Ksenia Sobchak, la Paris Hilton di Russia,...
Notizia del:

Intervista al Prof. Genovese: "La percezione della Cina in Italia soffre di preconcetti imperialisti che hanno contaminato anche la sinistra"

di Danilo Della Valle A fine settembre si è svolta a Napoli la conferenza internazionale sugli studi energetici (BIWAES1), una tre giorni organizzata dall'Università Parthenope...
Notizia del:

Quelli che... "i miei amici spagnoli sulla Catalogna dicono..."

di Danilo Della Valle Ho letto vari commenti di "esperti" dell'ultima ora (e quindi non i tanti preparati che si occupano abitualmente di politica estera), non analisi perchè...
Notizia del:

Fine di ogni rapporto con i partiti di estrema destra razzisti. Perché questa decisione di Russia Unita viene censurata in Occidente?

di Danilo Della Valle Ma voi lo sapevate che Russia Unita ha deciso di “tagliare” i rapporti con i partiti di estrema destra e/o xenofobi in quanto danneggerebbero la reputazione del Paese...
Notizia del:

Circassia-Karachay e Caucaso del nord, prossimi problemi interni per la Russia?

di Danilo Della Valle Passeggiando per le soleggiate e pulite strade di Cherkessk, capitale della Repubblica di Karachay-Circassia, tra i colori vivi dei fiori posizionati in maniera ordinata lungo...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa