/ Cremlino commenta le dichiarazioni Usa su Iran. "Sono loro che de...

Cremlino commenta le dichiarazioni Usa su Iran. "Sono loro che devono dare spiegazioni al mondo in tema di brutale repressione delle manifestazioni"

Cremlino commenta le dichiarazioni Usa su Iran. Sono loro che devono dare spiegazioni al mondo in tema di brutale repressione delle manifestazioni
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zajárova, ritiene che gli Stati Uniti non siano il miglior paese per poter dare esempi o criticare le altre nazioni in materia di diritti umani, diritto alla dimostrazione e libertà di espressione. Lo riporta RT.

Martedì scorso, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley, aveva infatti annunciato che "nei prossimi giorni" Washington avrebbe convocato riunioni di emergenza del Consiglio di sicurezza e diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra per affrontare la repressione delle proteste anti-governative in Iran, che hanno già causato la morte di almeno venti persone, tra i quali manifestanti e membri della polizia. "Non possiamo tacere [...] il popolo iraniano chiede libertà", aveva dichiarato Haley.



Date queste dichiarazioni, la portavoce della diplomazia russa, secondo quanto riporta RT, non dubita che gli Stati Uniti "ha qualcosa da dire al mondo." "Per esempio, Nikki Haley può condividere l'esperienza americana su come si reprime una manifestazione e raccontare in dettaglio come, ad esempio, hanno effettuato arresti di massa e come hanno soppresso il movimento Occupy Wall Street [nel 2011], o come è stato 'ripulito' quello di Ferguson [nel 2014]," ha commentato Zajárova.

Il ministero degli esteri russo ha dichiarato in una nota che le vicende in corso nel paese "sono una questione interna dell'Iran", che renderebbe "inaccettabile" qualunque interferenza esterna. Al contrario, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato di "osservare da vicino le segnalazioni di possibili violazioni dei diritti umani" nella Repubblica islamica e di non escludere l'uso di sanzioni come strumenti per rispondere al comportamento del governo iraniano.

Le proteste di massa iniziate la settimana scorsa nelle principali città iraniane non sono state finora rimesse e hanno già causato una ventina di morti, tra cui diversi poliziotti.  Il presidente del paese persiano, Hasan Rohaní, ha dichiarato il 31 dicembre che il popolo iraniano è libero di esprimere le sue critiche contro il governo e di protestare in conformità con la Costituzione. Allo stesso tempo, i media ufficiali iraniani riferiscono che le forze di sicurezza hanno respinto diversi tentativi da parte di dimostranti armati per prendere il controllo delle stazioni di polizia e delle basi militari.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Fonte: RT
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:

Così si impone e trionfa in Italia e nel mondo il nuovo fascismo della finanza e delle corporation

di Francesco Erspamer* Da trent'anni il gioco dei liberisti è sempre quello e il fatto che continuino a vincere dipende solo dalla mancanza di lucidità, capacità e coraggio...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:

Pyongyang: "Se non ci fossero stati gli USA, la pace e l'unificazione nazionale sarebbe realtà"

di Fabrizio Poggi    Decise prese di posizione dei media della RPDC contro il tentativo statunitense di minare il pur embrionale processo di avvicinamento tra Pyongyang e Seoul, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa