/ Cyberspionaggio, sulla "stampa" le prime “prove” della liaison tr...

Cyberspionaggio, sulla "stampa" le prime “prove” della liaison tra i fratelli Occhionero e... Putin!

Cyberspionaggio, sulla stampa le prime “prove” della liaison tra i fratelli Occhionero e... Putin!
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

I server dove i fratelli Occhionero scaricavano le informazioni rubate dai computer di politici, banchieri, militari, cardinali massoni... si trovavano negli USA, (dove l’FBI li avrebbe sequestrati) e questo, in teoria, dovrebbe scongiurare la immancabile campagna sui diabolici hacker di Putin.

Ma, in attesa di questa, alcune considerazioni sui presunti autori dell’hackeraggio e su chi ci sta dietro. Illuminante a tal riguardo quanto dichiarato dal gip Tomaselli che conduce l’indagine: La Westland Securities (dei fratelli Occhionero) sarebbe stata consulente del governo statunitense in un operazione commerciale per la costruzione di infrastrutture nel porto di Taranto.



Governo statunitense non nuovo al trafugamento di dati: basti pensare all’hackeraggio del telefono di Angela Merkel effettuato dalla onnipotente National Security Agency.

Intanto, perde il posto Roberto Di Legami, direttore della Polizia postale che ha condotto l'inchiesta sul cyberspionaggio condotto dai fratelli Occhionero. Ufficialmente, per la inverosimile accusa di non aver riferito al capo della Polizia della sua inchiesta. Vox Populi, per aver scoperchiato un Vaso di Pandora. E per richiuderlo, già appaiono sulla stampa le prime “prove” della liaison  dei collegamenti tra i fratelli Occhionero e Putin. State pur certi che ne arriveranno altre.

F.S.
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Ria Novosti

Russia: "L'ISIS è stato espulso dal 92,6% del territorio siriano "

La forza aerea russa ha condotto nell'ultima settimana oltre 400 missioni di combattimento in Siria e ha distrutto più di 1.200 strutture appartenenti ai gruppi terroristici.

I terroristi dell'ISIS sono stati espulsi da più del 92,6% del territorio siriano. Lo ha riferito...
Notizia del:     Fonte: Sana - Hispantv

Assad: 'La sconfitta dei terroristi ha inferto un colpo devastante ai piani dell'Occidente'

Il presidente siriano ha ricevuto a Damasco il capo dell'esercito iraniano per coordinare la strategia anti terrorismo di entrambi i paesi.

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha tenuto un incontro con il capo di Stato Maggiore iraniano Mohammad Bagheri...
Notizia del:

IL CENTRO MONDIALE COMMERCIALE E MICHELE SINDONA – Parte I

  di Michele Metta*   Come già messo in rilievo in un altro dei precedenti articoli riguardanti la mia inchiesta sul Centro Mondiale Commerciale, Edgardo Pellegrini ha il merito d’essere...
Notizia del:

Ora si può dire: I media siriani, derisi in occidente, hanno trionfato sulle ingannevoli campagne mediatiche

Avete mai sentito un media occidentale riprendere (senza commenti sarcastici) l'articolo di un media siriano? Difficile, se non al massimo per qualche nota relativa ai fronti di guerra.   ** Quindi...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Maduro denuncia azioni di Facebook e Instagram contro il governo venezuelano

Nicolás Maduro inoltre ha affermato che l'ultimo processo elettorale per il rinnovo dei governatori è stato libero e finanche a vantaggio dei partiti dell'opposizione

  Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha affermato che l'ultimo processo elettorale per il...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'Esercito siriano verso importante successo contro al Qaeda nel Golan e, di nuovo, l'aviazione israeliana lo attacca

La forza aerea israeliana ha bombardato l'esercito siriano all'interno delle alture del Golan, questa sera, con la solita giustificazione di essere stata attaccata.

Secondo la 90esima Brigata dell'esercito siriano, citata dal portale di notizie 'Al Masdar News',...
Notizia del:

Raqqa nelle mani di USA e Arabia Saudita: "Il 'regime' siriano non metterà più piede qui"

Come era prevedibile, una volta liberata dall'ISIS, il destino di Raqqa sembra quello di cadere nelle mani degli USA che chiudono ogni accesso alla città al governo siriano.

In un incontro a Raqqa con il Consiglio civile nella città di Ain Issa, Brett McGurk, l'inviato degli...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa