/ Dalla crisi della Grecia la BCE ha guadagnato 8 miliardi di euro

Dalla crisi della Grecia la BCE ha guadagnato 8 miliardi di euro

Dalla crisi della Grecia la BCE ha guadagnato 8 miliardi di euro
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

RT | rt.com



La Banca centrale europea (BCE) ha tratto buon profitto dalle sue partecipazioni al debito pubblico greco, secondo un documento visionato dal Financial Times.


Una risposta scritta alla richiesta di un parlamentare greco ha dimostrato che la banca ha raccolto 7,8 miliardi di euro di pagamenti di interessi nel periodo tra il 2012 e il 2016 sui titoli di stato greci acquisiti nell'ambito del programma Securities Market Programme (SPM)


Gli utili sono di solito ridistribuiti tra le 19 banche centrali dell'area euro.


Nel 2016, la BCE aveva raccolto più di 1,1 miliardi di euro di pagamenti di interessi sui titoli greci sui circa 20 miliardi di euro di bond da essa detenuti, secondo il quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung.



Un'analisi della Jubilee Debt Campaign stima che l'altro creditore della Grecia, il Fondo Monetario Internazionale, aveva collezionato 2,5 miliardi di euro di guadagno sui suoi prestiti al paese.


Secondo Leo Hoffmann-Axthelm di Transparency International, la partecipazione della BCE al salvataggio della Grecia ha portato ad un "conflitto di interessi".


"La BCE con una mano chiede il rimborso dei suoi bond greci mentre con l'altra approva i progressi delle riforme della Grecia. La Banca è letteralmente seduta ai due lati del tavolo", ha dichiarato Hoffmann-Axthelm.


Il programma SMP è stato avviato in un momento di crisi del debito della zona euro nel 2009, inteso ad alleggerire la pressione dei mercati sui costi di finanziamento degli Stati membri.

Più tardi nel 2015, la BCE ha avviato il suo programma di quantitative easing (QE), ma Atene è stata esclusa perché ancora sotto i termini di un terzo salvataggio dell'UE.


L'inclusione della Grecia nel QE è legata alla decisione sulla sostenibilità del debito del paese al 180 per cento del PIL da parte della banca centrale. La maggior parte dei 300 miliardi di euro del debito pubblico del paese è nelle mani dei creditori internazionali piuttosto che del settore privato.


"Questa è una questione di competenza nazionale e cade al di fuori delle competenze della BCE", ha riferito la banca centrale in una lettera al FT firmata dal presidente della BCE Mario Draghi.


Le decisioni su cosa fare con i guadagni saranno prese dagli Stati nazionali membri, spiega la lettera.


"Le future decisioni relative al trasferimento allo Stato greco di importi equivalenti ai redditi della Banca centrale nazionale (NCB) non rientrano nel mandato della BCE o delle NCB, bensì dei governi nazionali degli Stati membri dell'area euro", ha aggiunto.


I membri dell'area euro avevano inizialmente accettato di restituire ogni interesse alla Banca centrale greca come gesto di solidarietà dell'UE. Tuttavia, quando è iniziato il secondo programma di salvataggio nel 2015, l'operazione di rimborso è stata interrotta e l'intero interesse non è mai stato restituito ad Atene.


(Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da L'Analisi
Notizia del:

Mentre noi stiamo aspettando il 4 marzo... la Nato ha già votato

Manlio Dinucci: "C’è un partito che, anche se non compare, partecipa di fatto alle elezioni italiane: il Nato Party"

  di Manlio Dinucci - il manifesto, 20 febbraio 2018 C’è un partito che, anche...
Notizia del:

Centro Mondiale Commerciale. Indegna censura canadese cerca di fermare la verità

    di Michele Metta    Come già ben sanno i lettori che hanno seguito le precedenti puntate della mia inchiesta sul Centro Mondiale Commerciale – la S.p.A. romana...
Notizia del:

Manlio Dinucci - A chi sono utili "le inutili guerre"

  di Manlio Dinucci* - il manifesto, 13 febbraio 2018    La canzone meritoriamente vincitrice del Festival di Sanremo è accompagnata da un videoclip che mostra drammatiche...
Notizia del:

Alberto Negri - Ecco perché a Washington una stretta di mano fa più paura della bomba atomica di Kim Jong Un

  di Alberto Negri* - Tiscali L'ipotesi di una Corea unita è temuta non solo dagli Usa, che hanno le basi nel Sud, ma anche dalla Cina, dalla Russia e dal Giappone. Se crolla il muro...
Notizia del:

Strategia della tensione in Venezuela: altra bomba lacrimogena nella metro di Caracas

di Geraldina Colotti* - 9 febbraio 2018 In Venezuela, è cominciata la strategia della tensione. Per la seconda volta in pochi giorni, incappucciati hanno buttato una bomba lacrimogena nella...
Notizia del:

Il Governo per il «disbrigo degli affari correnti» sta per assumere questi altri vincolanti impegni nella Nato

    di Manlio Dinucci* - Il manifesto   Il Governo, che nel periodo elettorale resta in carica per il «disbrigo degli affari correnti», sta per assumere altri vincolanti...
Notizia del:

CENTRO MONDIALE COMMERCIALE, STRAGE DI USTICA, STRAGE DI BOLOGNA, ISRAELE

Continua la pubblicazione su l'AntiDiplomatico delle ricerche dello studioso Michele Metta sul Centro Mondiale Commerciale. Sul nostro sito potete trovare anche tutti gli articoli precedenti di...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa