/ Dicevano: non più di 1000. Sono 11 mila le vittime civili a Mosul

Dicevano: non più di 1000. Sono 11 mila le vittime civili a Mosul

Dicevano: non più di 1000. Sono 11 mila le vittime civili a Mosul
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it



di Fulvio Scaglione* - Occhidellaguerra 


Realtà vince il sogno. E come quasi sempre accade, prima o poi la propaganda deve cedere il passo alla verità. È successo, finalmente, anche con Mosul e con l’atroce prezzo pagato dai civili alla cacciata dell’Isis. Le fonti ufficiali americane aveva sempre fissato intorno a mille il numero degli innocenti caduti durante gli scontri, le “vittime collaterali” di un assedio durato otto mesi, dalla metà di ottobre 2016 alla metà di giugno 2017, quando la città fu dichiarata libera dall’Isis. Si scopre ora che quei dati erano una farsa e che i civili uccisi in quei mesi furono tra 9 e 11 mila.





Il merito della rivelazione va all’Associated Press, non nuova a indagini di questo tipo. Nell’agosto dell’anno scorso, per esempio, l’Agenzia fornì i dati per scoprire 72 fosse comuni, rinvenute in un’area a cavallo tra Siria e Iraq e contenenti i corpi di migliaia di civili giustiziati dai miliziani dell’Isis che si stavano ritirando dopo aver perso la città di Manbij. Nel caso di Mosul l’Associated Press calcola in almeno 3.200 le vittime causate direttamente dalle operazioni dell’esercito iracheno e delle milizie sciite irachene e dai bombardamenti dell’aviazione Usa.


Era palese già nei mesi dell’assedio che le notizie diffuse dai comandi americani non fossero credibili. L’Unami, ovvero la missione dell’Onu per l’assistenza all’Iraq, rendeva noti in quel periodo i dati generali sui civili iracheni uccisi. Nel settembre 2016, cioè prima che l’assedio di Mosul prendesse avvio, erano stati uccisi 609 iracheni (e 951 feriti); in ottobre erano già 1.120 (con 1005 feriti) e in novembre 926 (930 feriti). Da dove poteva venire una simile impennata, se non dagli scontri a Mosul, cominciati appunto in ottobre? Tanto più che il dato sui civili era perfettamente simmetrico a quello sui militari. In settembre 394 soldati o poliziotti uccisi, ma in ottobre già 672 e in novembre 1.959.

 

E poi, a rendere incredibili certe stime, c’era l’esperienza di tutti questi anni, anni in cui la guerra è diventata guerra sui civili. Soprattutto quando si bombardano città popolose e costruite alla maniera del Medio Oriente, con stradine strette e case ammassate. Ecco qualche esempio. Nel 2004, dopo aver invaso l’Iraq, gli americani attaccarono la città di Fallujah, finita sotto il controllo di Al Qaeda e degli insorti. Secondo l’Ong indipendente Iraq Body Count(https://www.iraqbodycount.org/) nella prima battaglia per Fallujah (aprile 2004) morirono tra 572 e 616 civili, nella seconda (novembre 2004) ne morirono tra 581 e 670. E furono battaglie durate poche giorni.

Cambiamo scenario: Gaza. Secondo i dati più prudenti, quelli pubblicati dal Jerusalem Center for Public Affairs (http://jcpa.org/), solo il 45% dei 2.100 palestinesi uccisi dagli israeliani durante la guerra del 2014 erano veri civili e non combattenti mascherati. Anche prendendo per buono questo dato, restano 945 i civili ammazzati in due mesi di guerra.

 

La guerra contemporanea è questo: un perenne massacro di civili. Le vere “vittime collaterali”, oggi, sono i militari. Caduti sempre più sporadici di combattimenti dove il nemico è quasi invisibile e i colpi vengono portati dai droni o dai bombardieri. Avremmo quindi dovuto sapere che su Mosul, ci stavano raccontando le solite storielle di propaganda. Ma era il periodo in cui si doveva parlare solo di Aleppo, del grande massacro dei russi, dell’ultimo pediatra e così via. E mentre aspettiamo i risultati di altre indagini, per esempio sulla liberazione di Raqqa da parte di curdi, Esercito libero siriano e americani, possiamo forse tentare qualche confronto. Mosul, 11 mila morti in otto mesi, alla media di 1.375 morti al mese. Aleppo, 40 mila morti in 4 anni (una delle poche statistiche disponibili) tra assedio dei miliziani islamisti e la controffensiva russo-siriana, alla media di 833 morti al mese. Chiaro, no?

*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da IpocrISIS
Notizia del:

“Vi prego, raccontate la verità: i terroristi occupano la Ghouta”

“Bisogna raccontare tutta la verità. Ghouta è un’area di 1800 chilometri quadrati, occupata dai terroristi fin dall’inizio della guerra. In questi sette anni, i razzi da loro lanciati hanno provocato più di mille morti tra i civili nella sola Damasco"

di Fulvio Scaglione - Gli Occhi della Guerra   Ci sono momenti in cui anche una raffica di kalashnikov sembra...
Notizia del:

Ancora crediamo alla recita di Israele paese piccolo e debole attaccato da tutti?

Fulvio Scaglione: "È tutta una bufala. Nella realtà, Israele è da molti anni l’unica vera potenza del Medio Oriente"

di Fulvio Scaglione - Linkiesta Come tutte le guerre contemporanee, anche quella tra Israele e Iran è,...
Notizia del:

Perché continuare a chiamarle "non governative"?

di Fulvio Scaglione* - Occhidellaguerra Io ero e resto convinto che nei primissimi anni Novanta Willy Huber, che allora dirigeva l’ospedale di Save the Children a Mogadiscio, in Somalia,...
Notizia del:

Oxfam e quei 67 milioni di euro dall'UE...

di Fulvio Scaglione* OXFAM O NON OXFAM - In anni non così remoti ho avuto diverse occasioni d'incontro con la gente di Oxfam (non a Haiti né in Sudan), ricavandone sempre ottime...
Notizia del:

Isis, si dice Isis. L'ipocrisia della stampa italiana su Erdogan e la Siria

ISIS, SI DICE ISIS - Oggi, su uno dei quotidiani più importanti, vedo un articolo di Can Dundar, il giornalista turco finito in carcere nelle purghe di Erdogan post-golpe, liberato e ora esule...
Notizia del:

Ma se la Russia è un'oligarchia, l'Italia con questi dati che cos'è?

di Fulvio Scaglione* OLIGARCA SARA' LEI - Le vicende della Russia post-perestrojka hanno reso assai celebre il termine "oligarchi". Una "oligarchia", spiega il dizionario...
Notizia del:

Fulvio Scaglione - Putin’s List, ma come ha fatto una grande nazione come gli Usa a ridursi così?

di Fulvio Scaglione* - Occhidellaguerra Ma come ha fatto una grande nazione come gli Usa a ridursi così? Spiace dirlo ma una classe politica seria non si farebbe ridere dietro diffondendo,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa