/ Domenico Losurdo - Il Piano Marshall e la Nuova Via della seta ci...

Domenico Losurdo - Il Piano Marshall e la Nuova Via della seta cinese: paragone più infelice non esiste

Domenico Losurdo - Il Piano Marshall e la Nuova Via della seta cinese: paragone più infelice non esiste
 

"Se il piano Marshall segnava l’inizio della guerra fredda, la nuova via della seta si propone di sventare il pericolo di una nuova guerra fredda che si profila all’orizzonte"

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

di Domenico Losurdo, Presidente dell'Associazione Marx XXI

Testo presentato al Forum «Cina e Ue. I nodi politici ed economici nell’orizzonte della “nuova via della seta” e di una “nuova mondializzazione”», Roma, 13 ottobre 2017.

Si ringrazia Marx21 per la pubblicazione


Più volte One belt one road, la nuova via della seta progettata dalla Repubblica popolare cinese è stata paragonata a una sorta di Piano Marshall con caratteristiche cinesi. Il paragone non potrebbe essere più infelice. A suo tempo il Piano Marshall segnò l’inizio della guerra fredda.

L’Unione sovietica e i paesi di orientamento socialista erano messi dinanzi a un esplicito ricatto: se non vogliono rinunciare alla tecnologia, ai crediti e agli scambi commerciali di cui hanno urgente bisogno, «i Soviet [devono] aprire la loro economia agli investimenti occidentali, i loro mercati ai prodotti occidentali, i loro libretti di risparmio agli amministratori occidentali», devono «accettare la penetrazione economica e mediale» dei paesi che si apprestano a costituire la Nato (Ambrose, 1997, p. 10).

Chiaro e esplicito è il ricatto: o integrazione subalterna nel mercato mondiale capitalistico oppure condanna a una politica di apartheid tecnologica e di embargo più o meno radicale. In questo senso, è lo stesso Truman a parlare del piano Marshall, che dà un poderoso sviluppo alla globalizzazione tra le due rive dell’Atlantico, come l’altra faccia della medaglia della politica di «contenimento» (Ambrose, 1997, p. 10). 

La globalizzazione nell’ambito dell’Occidente andava di pari passo con la guerra economica contro i nemici dell’Occidente. Era una guerra economica che colpiva in modo particolarmente pesante la repubblica popolare cinese. L’amministrazione Truman persegue un obiettivo, così chiarito da un autore statunitense che descrive in modo simpatetico il ruolo di primo piano svolto nel corso della guerra fredda dalla politica di accerchiamento e strangolamento economico messa in atto da Washington ai danni della Repubblica Popolare Cinese: occorre che essa «subisca la piaga» di «un generale tenore di vita attorno o al di sotto del livello di sussistenza», occorre condurre un paese dai «bisogni disperati» verso una «situazione economica catastrofica», «verso il disastro» e il «collasso» 1. Ancora agli inizi degli anni ’60 un collaboratore dell’amministrazione Kennedy, e cioè Walt W. Rostow, si vanta del trionfo conseguito dagli USA, i quali sono riusciti a ritardare lo sviluppo economico della Cina almeno per «decine di anni».
 
Se il piano Marshall segnava l’inizio della guerra fredda, la nuova via della seta si propone di sventare il pericolo di una nuova guerra fredda che si profila all’orizzonte, dando impulso a un generalizzato sviluppo economico (in particolare del Terzo Mondo) e promuovendo una nuova e più organica globalizzazione, fondata non solo sugli scambi commerciali ma anche sul dialogo tra le diverse culture. A tale prospettiva i nostalgici della guerra fredda contrappongono la diplomazia dei valori; celebrano i valori dell’Occidente in contrapposizione ai valori (o disvalori) del mondo extra-occidentale. Ne scaturisce un discorso non solo manicheo ma anche essenzialista, che favoleggia di un Occidente quale permanente incarnazione dell’«individualismo» e dei principi della libertà e dignità dell’individuo.
 




Contro questa mitologia diamo uno sguardo alla storia reale. Nell’Europa dell’Antico regime, in cui a esercitare il potere era l’aristocrazia ereditaria, gli illuministi guardavano con ammirazione e invidia alla Cina: in questa «società confuciana», dove «l’apprendimento era la chiave per farsi strada», ci si avvaleva del concorso pubblico per selezionare i funzionari e quindi a svolgere un ruolo preminente, piuttosto che la presunta nobiltà del sangue, erano la «competizione» e il merito individuale. Se poi nel quadro non ci limitiamo a far intervenire esclusivamente la comunità bianca, il risultato del confronto può essere del tutto inaspettato: negli Usa a lungo, molto a lungo (e nel Sud ancora in pieno Novecento) l’appartenenza di razza è stata il criterio decisivo per determinare la sorte dell’individuo.


La «competizione» e l’individualismo hanno svolto un ruolo più importante nella repubblica nordamericana o nella Cina confuciana? Piuttosto che pronunciarsi per l’uno o l’altro corno del dilemma e lasciarsi imprigionare dallo schema tendenzialmente fondamentalista dello «scontro delle civiltà», conviene far valere il principio della «circolazione del pensiero» tra le diverse culture: una volta abbattuti (grazie alle rivoluzioni anticoloniali e alle lotte dei popoli di origine coloniale) il sistema coloniale mondiale e negli Usa lo Stato razziale e il regime di white supremacy, può ben darsi che la «competizione» e l’individualismo abbiano raggiunto il loro compimento in Occidente. Resta però un fatto: se per individualismo s’intende il riconoscimento della dignità dell’individuo nella sua universalità, esso non può essere pensato senza il contributo rappresentato dalla sfida di culture e popoli estranei all’Occidente e con esso spesso in lotta.
 


CONTINUA A LEGGERE

 

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Jean-Luc Melenchon da Napoli: «La Russia non è un nostro nemico»

Il leader francese invita anche a contrastare le politiche guerrafondaie della NATO

  Dall’ex Opg di Napoli dove si è recato per un incontro con gli esponenti della lista Potere...
Notizia del:

Consiglio Mondiale della Pace: "E' un dovere difendere le vittorie della Siria contro il terrorismo, per il dialogo e la sovranità"

di Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Le forze di pace giudicano con ottimismo i progressi della Siria di fronte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Al Mayadeen

L'Esercito siriano rifiuta la proposta delle YPG di entrare ad Afrin, ma continuerà a permettere il passaggio dei rinforzi curdi da Aleppo

Il portale di notizie 'Al Masdar News' ha smentito che l'esercito siriano entrerà ad Afrin, nord della Siria, per combattere l'aggressione turca, rifiutando la proposta delle YPG curde.

Ieri il canale libanese 'Al Mayadeen' ha annunciato che "lo schieramento di truppe siriane nei prossimi...
Notizia del:     Fonte: http://redstar.ru

La Russia ha lanciato più di 100 missili da crociera durante l'operazione anti-terrorismo in Siria

Il gruppo di attacco della portaerei russa nel Mediterraneo è riuscito a raggiungere più di 1.250 obiettivi terroristici in Siria.

Durante l'operazione antiterrorismo in Siria la marina russa ha lanciato contro le posizioni dei terroristi...
Notizia del:     Fonte: SANA

Cuba: sosteniamo la Siria e apprezziamo la sua fermezza contro il terrorismo e l'imperialismo

Cuba ribadisce la sua solidarietà e appoggio alla Siria elogiando la fermezza dei siriani di fronte al terrorismo e all'imperialismo.

Durante il suo incontro con il ministro siriano dell'Istruzione superiore, Atef Nadaf, a L'Avana, ieri,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa