/ "Dossier russi contro Macron"... il Corriere della Sera e il "con...

"Dossier russi contro Macron"... il Corriere della Sera e il "continuare a fare bene il proprio mestiere"

Dossier russi contro Macron... il Corriere della Sera e il continuare a fare bene il proprio mestiere
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Proprio nel giorno in cui Luciano Fontana rivendica la professionalità e la deontologia del giornale che dirige con questa frase: “La migliore risposta che un giornale come il Corriere può dare è continuare a fare bene il proprio mestiere. Ovvero: informare con scrupolo e obiettività i lettori, senza pregiudizi e senza distinguere tra presunti amici e nemici”.  

Proprio nel giorno in cui Fontana risponde in questo modo agli attacchi che riceve dal “blog di Beppe Grillo ed esponenti, più o meno di rilievo, del Movimento Cinque Stelle”, il giornale che dirige scrive in pompa magna un articolo dal titolo “Francia: la minaccia dei dossier russi sulla candidatura di Macron”.

Il filone è noto e come AntiDiplomatico ve lo abbiamo denunciato per primi. In questa ondata di Maccartismo 2.0, quelle corporazioni mediatiche che non controllano più l’opinione pubblica attraverso le loro menzogne, vorrebbero oggi farvi credere che un esercito di hacker russi e una spietata cyber-propaganda (guidata da Russia Today e Sputnik) minaccia la “democrazia” occidentale. Dopo aver influenzato e fatto vincere Trump negli Stati Uniti, la teoria complottista vorrebbe ora un piano già in atto per  condizionare le elezioni in Germania, Francia (e molto presto diranno anche in Italia).

Angela Merkel già si è organizzata con una legge di censura preventiva in Germania. Ora è il turno della Francia, con la “propaganda russa” che punta dritto contro Macron perché l’unico, secondo gli arguti analisti del Corriere della Sera, a poter sfidare realmente Marine Le Pen per la vittoria finale. Dopo una stoccata anche a Wikileaks – “Julian Assange, sempre più utile agli interessi russi, ha rilasciato al giornale moscovita” – la conclusione del Corriere della Sera è che c’è un dossieraggio russo pronto ad uscire che rivelerebbe una doppia vita omosessuale di Macron.
 
In realtà, si prepara il terreno per poter dire “Macron non ha vinto per colpa dei russi”. Non perché in Francia come nel resto d’Europa, una cieca e folle politica d’austerità - che Macron incarna più di tutti - ha messo in discussione diritti, Welfare e Costituzioni. No, per i complottisti mainstream, lo slogan “ha stato Putin” spiega tutto. 
 
Non lo cita, ma il giornale diretto di Fontana non è l’autore dello "scoop". La "notizia", il giornale di Fontana l’ha tradotta dal Washington Post, di proprietà di Amazon e punto di riferimento della Cia, nonché autore di quella lista bufala di proscrizione di siti internet di cui l'AntiDiplomatico vi ha spesso parlato responsabile di quella caccia alle streghe negli Stati Uniti, apri pista poi di quella in Europa. Non è affatto un caso che il nuovo articolo bufala del WP (ripreso dal Corriere) sia in parallelo con l’annuncio di Le Monde di ieri che sette corporazioni mediatiche francesi abbiano raggiunto un accordo con Facebook per il controllo preventivo delle “fake news”. Siamo alla censura preventiva anche se i termini con cui vengono presentati sono diversi. 
 
E quindi, domanda che rivolgiamo, al direttore Fontana: dando adito a chi vuole mettere il bavaglio alla rete e alla libertà d’espressione con notizie tra il complottismo e la fantascienza che offendono l’intelligenza di milioni di elettori statunitensi, tedeschi, francesi e presto italiani, il Corriere della Sera " fa bene il proprio mestiere"?

Alessandro Bianchi
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da Notizia del giorno
Notizia del:

Aveva ragione Maduro. In Venezuela trionfa la pace.... e Rampini (Repubblica) diventa un Trumpiano doc

"La cosa più comica di tutte è che Repubblica si è abbassata a fare propaganda di basso livello per proteggere Trump dai suoi deliri criminali."

Abbiamo dedicato tutta la settimana (con tre diversi articoli che vi invitiamo a leggere qui, qui e qui) a provare...
Notizia del:

Aveva ragione Maduro (3). In Venezuela trionfa la pace e (per questo) alla Farnesina saltano i nervi

Sulle davvero incredibili minacce del sottosegretario Amendola contro il Comune di Napoli

Per il terzo giorno consecutivo (dopo averlo scritto qui e qui) torniamo a ricordarvi che in Venezuela sta...
Notizia del:

Venezuela, aveva ragione Maduro. Ma Usa, "cani fedeli" e stampa italiana non si arrendono

Un fact-checking sull'articolo di oggi dell'ANSA che vi fornirà molte risposte

    Proprio nella notte italiana arriva l’ennesima conferma che aveva ragione Maduro. I media...
Notizia del:

Amnesty, dalla parte dei poteri forti. La lettera appello per il Venezuela firmata dal premio Nobel Esquivel, Frei Betto e Houtart

  Nel suo nuovo, ma sempre imbarazzante, comunicato contro il Venezuela, Amnesty International, esattamente come accaduto per altri paesi poi massacrati dall’interventismo “umanitario”,...
Notizia del:

Gianni Minà: "Il problema non è Maduro, il problema è il petrolio del Venezuela che gli Usa vogliono"

Il più grande conoscitore dell'America Latina in Italia: "Io ce li ho questi dati e dicono che di morti ammazzati l’opposizione ne ha fatti molti più del governo. Intellettuali e combattenti come l’argentino Adolfo Pèrez Esquivel (premio Nobel per la Pace nel 1980) o il brasiliano Frei Beto hanno espresso solidarietà a Maduro: sono forse amici dei criminali? C’è un bel pezzo di propaganda".

  Chi oggi con il massacro mediatico in corso contro il Venezuela non vorrebbe intervistare l’indiscusso...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - Venezuela. Tra popolo e cifre, l'opposizione si spacca

di Geraldina Colotti * Caracas, 3 agsoto 2017 Partiamo dalla notizia. Mercoledì, Antonio Mugica, direttore dell'impresa Smartmatic, convoca una conferenza stampa a Londra per denunciare...
Notizia del:

G. Colotti da Caracas - La "frode di Maduro" e altro materiale satirico dai fake media occidentali

"Chiunque, qui, può richiedere il controllo del voto. E a dicembre vi saranno le elezioni per i governatori. Che farà l'opposizione? Se non ci va, lascia il campo libero, ma se ci va avalla l'autorità del Cne. E allora perché ora la disconosce? Ma nella costruzione della “post-verità”, tutto fa brodo. Prima di partire per Miami, Lilian Tintori, moglie di Leopoldo Lopez, ha dichiarato di essere incinta: di 16 settimane. Ma in che modo se ha passato i mesi a gridare che suo marito era torturato e represso, e tenuto in isolamento dal “rrregime”? Ben presto, la canonizzazione della fake-news per eccellenza..."

di Geraldina Colotti, Caracas - 3 agosto 2017 Ieri sera eravamo nello storico quartiere 23 Enero, che...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa