/ Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e b...

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Il discorso anti-Trump di Meryl Streep nella notte di domenica durante la serata di gala dei Golden Globes è stata una "performance sublime" tenuta "con emozione e grazia", "un vero e proprio lavoro strappalacrime per chiunque fosse preoccupato per la prossima era Trump". Lo scrive l'analista e giornalista indipendente irlandese Danielle Ryan nel suo ultimo articolo. 

Tuttavia, l'intervento dell'"interprete puzzava di ipocrisia", denuncia Ryan che nell'articolo sostiene di adorare Meryl Streep come attrice.

"Dov'eri quando Obama perseguitava informatori?"

Nel suo appassionato discorso, la Streep ha chiamato i suoi supporter a unirsi a lei per le donazioni al Committee to Protect Journalists. A questo proposito, Ryan si è chiesta se la famosa attrice è a conoscenza, per esempio, che l'amministrazione Obama "ha perseguito più informatori di tutti i suoi predecessori insieme". Anche se è probabile che Trump continuerà questa "tradizione", è abbastanza strano che la questione non abbia mai interessato la Streep prima.

"Dov'eri quando Obama stava bombardando degli innocenti?", continua a scrivere l'analista.

In una parte del suo discorso la Streep dichiara che "la violenza incita alla violenza". E allora dov'era l'attrice Usa, si domanda Ryan, quando Obama ha aiutato l'Arabia Saudita a bombardare funerali e feste di matrimonio in Yemen; quando il loro "intervento umanitario" in Libia ha trasformato quel paese in uno stato fallito e quando ha facilitato l'ascesa dello Stato Islamico; o ancora quando ha utilizzato dieci volte più attacchi di George W. Bush con i droni?

"Dov'era la Streep quando il premio Nobel per la pace non ha bombardato uno, due o tre, ma sette paesi diversi?", continua Ryan nel suo articolo, sottolineando come le critiche dell'attrice per il disprezzo apparente di Trump verso gli stranieri non si accompagano a quelle verso Obama che ha scelto tutti paesi a maggioranza musulmana da bombardare.

"Dov'eri quando Obama ha protetto i cosiddetti 'moderati' legati ad Al Qaeda?", conclude l'autrice in riferimento alla decisione dell'amministrazione Obama di negoziare per conto dei ribelli 'moderati' legati ad al-Qaeda in Siria.

Meryl Streep come chiunque altro ha il diritto di esprimere le sue lamentele in merito a Trump, purché non sia una morale "vuota e senza senso", rimarca Ryan, perché non coerente nella pratica.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Come e perché la Cina sta provando a ritagliarsi un ruolo nella crisi ucraina

di Eugenio Cipolla Il 2017 per l’Ucraina e per gli ucraini si è aperto esattamente come si era chiuso: con la guerra in Donbass e nessuna prospettiva di miglioramento all’orizzonte....
Notizia del:

Casini, il vuoto cosmico che attacca la sovranita' del Venezuela

Domani mattina il Senato approverà una mozione a prima firma Casini, e il 24 gennaio la Commissione affari esteri della Camera ne approverà una dello stesso tenore di Cicchitto, dove si chiede al governo, provando a coinvolgere anche l’Unione Europa, di intervenire in favore della comunità italiana residente in Venezuela e per il rispetto dei «diritti umani»

di Fabrizio Verde   Si susseguono senza soluzione di continuità gli attacchi rivolti alla Repubblica...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Un ex oppositore siriano rivela il lato nascosto dei "ribelli" appoggiati dalle Monarchie del Golfo e dall'Occidente

È tornato in Siria l'oppositore Nawaf Bashir e non risparmia le sue rivelazioni circa il lato nascosto dell'opposizione siriana appoggiata dagli Stati del Golfo e dalle potenze occidentali.

Come riporta Al Manar, Bashir non è un oppositore qualsiasi, ma è uno degli estensori della Dichiarazione...
Notizia del:     Fonte: The Intercept

Noto capo mercenario consulente per la Difesa di Trump

Il fondatore della società militare nordamericana Blackwater, Erik Prince, consulente di Trump nelle questioni militari e di intelligence.

Prince, la cui nuova compagnia militare (Frontier Services Group) è indagata per legami con agenzie di...
Notizia del:

Un uomo si da' fuoco fuori il Trump Hotel in segno di protesta prima dell'inaugurazione di venerdi'

Un uomo si è dato fuoco davanti il Trump International Hotel di Washington DC alle 9.30 di sera locali in un tentativo fallito di auto-immolarsi prima del giuramento come presidente...
Notizia del:

Deir Ezzor. "Stiamo difendendo la Siria dai terroristi made in USA e UE. La battaglia oggi è qui, domani nell'Unione Europea".

In queste ore a Deir Ezzor l'Esercito siriano nonostante sia circondato dall'ISIS all'aeroporto militare, ha attuato una controffensiva per cercare di recuperare i punti intorno al distretto...
Notizia del:     Fonte: http://www.raialyoum.com/

Il Free Syrian Army ordina la morte di un suo leader per le opinioni in appoggio al ruolo della Russia in Siria

Un tribunale militare del cosiddetto 'Free Syrian Army' (FSA) ha condannato a morte uno dei suoi alti dirigenti per aver riconosciuto il ruolo russo nella lotta contro il terrorismo in Siria.

In un articolo pubblicato, ieri, dal quotidiano arabo con sede a Londra, 'Rai al-Youm', il generale Mustafa...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa