/ Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e b...

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Il discorso anti-Trump di Meryl Streep nella notte di domenica durante la serata di gala dei Golden Globes è stata una "performance sublime" tenuta "con emozione e grazia", "un vero e proprio lavoro strappalacrime per chiunque fosse preoccupato per la prossima era Trump". Lo scrive l'analista e giornalista indipendente irlandese Danielle Ryan nel suo ultimo articolo. 

Tuttavia, l'intervento dell'"interprete puzzava di ipocrisia", denuncia Ryan che nell'articolo sostiene di adorare Meryl Streep come attrice.

"Dov'eri quando Obama perseguitava informatori?"

Nel suo appassionato discorso, la Streep ha chiamato i suoi supporter a unirsi a lei per le donazioni al Committee to Protect Journalists. A questo proposito, Ryan si è chiesta se la famosa attrice è a conoscenza, per esempio, che l'amministrazione Obama "ha perseguito più informatori di tutti i suoi predecessori insieme". Anche se è probabile che Trump continuerà questa "tradizione", è abbastanza strano che la questione non abbia mai interessato la Streep prima.

"Dov'eri quando Obama stava bombardando degli innocenti?", continua a scrivere l'analista.

In una parte del suo discorso la Streep dichiara che "la violenza incita alla violenza". E allora dov'era l'attrice Usa, si domanda Ryan, quando Obama ha aiutato l'Arabia Saudita a bombardare funerali e feste di matrimonio in Yemen; quando il loro "intervento umanitario" in Libia ha trasformato quel paese in uno stato fallito e quando ha facilitato l'ascesa dello Stato Islamico; o ancora quando ha utilizzato dieci volte più attacchi di George W. Bush con i droni?

"Dov'era la Streep quando il premio Nobel per la pace non ha bombardato uno, due o tre, ma sette paesi diversi?", continua Ryan nel suo articolo, sottolineando come le critiche dell'attrice per il disprezzo apparente di Trump verso gli stranieri non si accompagano a quelle verso Obama che ha scelto tutti paesi a maggioranza musulmana da bombardare.

"Dov'eri quando Obama ha protetto i cosiddetti 'moderati' legati ad Al Qaeda?", conclude l'autrice in riferimento alla decisione dell'amministrazione Obama di negoziare per conto dei ribelli 'moderati' legati ad al-Qaeda in Siria.

Meryl Streep come chiunque altro ha il diritto di esprimere le sue lamentele in merito a Trump, purché non sia una morale "vuota e senza senso", rimarca Ryan, perché non coerente nella pratica.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

AAA ONG dei diritti umani cercasi... L’Ucraina nega l’ingresso alla cantante (disabile) che doveva rappresentare la Russia all’Eurovision

di Eugenio Cipolla Nell’assurdo gioco delle ripicche tra Russia e Ucraina, connesse all’attuale situazione della guerra in Donbass e della decisione della Crimea di ritornare russa, oggi...
Notizia del:

E' questa la miglior risposta possibile al bieco razzismo di Dijsselbloem

Cioè, nei Paesi Bassi il consumo pro capite di birra annuo è il triplo dell'Italia, la prostituzione è legale e noi siamo gli acolizzati mignottari? Eugenio Cipolla **   ...
Notizia del:

Ucraina, l'esperimento NATO passa alla "Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione"

di Partito Comunista di Ucraina da solidnet.org Traduzione di Marx21.it  Il presidente dell'Ucraina ha varato la Dottrina della Sicurezza Nazionale dell'Informazione con...
Notizia del:     Fonte: IRNA

Hezbollah iracheni: Attaccheremo i soldati statunitensi se non lasceranno l'Iraq

Gli Hezbollah iracheni avvertono che dopo l'espulsione dell'ISIS dall'Iraq attaccheranno le forze nordamericane se non lasciano il loro paese.

Ja'far al-Husseini, portavoce del Movimento di Resistenza Islamico in Iraq (Kataib Hezbollah) ha dichiarato...
Notizia del:     Fonte: Jpost

Netanyahu a Putin: Israele continuerà i suoi attacchi aerei in Siria

"Se è fattibile dal punto di vista militare e dell'intelligence, allora attacchiamo, e così continueremo", ha dichiarato il primo ministro israeliano.

Il primo ministro israeliano Benjamín Netanyahu, ha dichiarato ai giornalisti in Cina che ha informato...
Notizia del:     Fonte: Haaretz - Akevot.org

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International

Il governo israeliano finanziò la creazione della sezione locale di Amnesty International negli anni sessanta e settanta per renderlo un docile strumento della sua immagine internazionale, secondo i documenti ufficiali rivelate dal quotidiano Haaretz.

I documenti, secondo il quotidiano israeliano 'Haaretz, sono stati ottenuti dall'Istituto di Ricerca...
Notizia del:

11 settembre: le famiglie di 800 vittime hanno fatto causa all'Arabia Saudita

 Pix 11, un media di New York, ha riferito che le famiglie di 800 vittime hanno intentato una causa contro l'Arabia Saudita per il suo ruolo negli attentati dell'11 settembre 2001. Rappresentate...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa