/ Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e b...

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Il discorso anti-Trump di Meryl Streep nella notte di domenica durante la serata di gala dei Golden Globes è stata una "performance sublime" tenuta "con emozione e grazia", "un vero e proprio lavoro strappalacrime per chiunque fosse preoccupato per la prossima era Trump". Lo scrive l'analista e giornalista indipendente irlandese Danielle Ryan nel suo ultimo articolo. 

Tuttavia, l'intervento dell'"interprete puzzava di ipocrisia", denuncia Ryan che nell'articolo sostiene di adorare Meryl Streep come attrice.

"Dov'eri quando Obama perseguitava informatori?"

Nel suo appassionato discorso, la Streep ha chiamato i suoi supporter a unirsi a lei per le donazioni al Committee to Protect Journalists. A questo proposito, Ryan si è chiesta se la famosa attrice è a conoscenza, per esempio, che l'amministrazione Obama "ha perseguito più informatori di tutti i suoi predecessori insieme". Anche se è probabile che Trump continuerà questa "tradizione", è abbastanza strano che la questione non abbia mai interessato la Streep prima.

"Dov'eri quando Obama stava bombardando degli innocenti?", continua a scrivere l'analista.

In una parte del suo discorso la Streep dichiara che "la violenza incita alla violenza". E allora dov'era l'attrice Usa, si domanda Ryan, quando Obama ha aiutato l'Arabia Saudita a bombardare funerali e feste di matrimonio in Yemen; quando il loro "intervento umanitario" in Libia ha trasformato quel paese in uno stato fallito e quando ha facilitato l'ascesa dello Stato Islamico; o ancora quando ha utilizzato dieci volte più attacchi di George W. Bush con i droni?

"Dov'era la Streep quando il premio Nobel per la pace non ha bombardato uno, due o tre, ma sette paesi diversi?", continua Ryan nel suo articolo, sottolineando come le critiche dell'attrice per il disprezzo apparente di Trump verso gli stranieri non si accompagano a quelle verso Obama che ha scelto tutti paesi a maggioranza musulmana da bombardare.

"Dov'eri quando Obama ha protetto i cosiddetti 'moderati' legati ad Al Qaeda?", conclude l'autrice in riferimento alla decisione dell'amministrazione Obama di negoziare per conto dei ribelli 'moderati' legati ad al-Qaeda in Siria.

Meryl Streep come chiunque altro ha il diritto di esprimere le sue lamentele in merito a Trump, purché non sia una morale "vuota e senza senso", rimarca Ryan, perché non coerente nella pratica.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Haaretz

Ogni anno 7.000 soldati israeliani lasciano l'esercito

Secondo i dati diffusi dal quotidiano israeliano 'Haaretz', migliaia di soldati israeliani non portano a termine la leva obbligatoria sulla base di varie motivazioni mediche e psicologiche.

I nuovi dati rilasciati da parte dell'esercito israeliano riferiscono che circa 7.000 soldati israeliani non...
Notizia del:     Fonte: https://www.cia.gov

Documenti della CIA rivelano: Gli USA già programmavano di distruggere la Siria nel 1983

Un documento della CIA declassificato ha rivelato le trame ordite dagli Stati Uniti nel 1983 per distruggere la Siria e rovesciare il padre dell'attuale presidente siriano. Con le stesse pratiche adottate poi nel 2011.

Un documento declassificato della CIA, ha rivelato i piani di Washington, nel 1983, per rovesciare il governo...
Notizia del:

"Forte supporto alla sovranità e all'integrità territoriale della Siria". Comunicato congiunto dei paesi BRICS

Visakhapatnam, 12 aprile 2017 da mid.ru Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it Riteniamo importante pubblicare questo comunicato congiunto diffuso da rappresentanti dei cinque paesi...
Notizia del:

QUANTI MORTI SONO ANCORA NECESSARI IN VENEZUELA?

  di Marco Teruggi   28 morti e 437 feriti è il bilancio delle vittime - in meno di un mese - degli scontri che stanno avendo luogo in Venezuela. Se a questo numero si aggiungono...
Notizia del:

LA CINA METTE IN GUARDIA SULL’USO DELLA FORZA IN COREA

Il Ministro degli esteri cinese Wang Yi ha affermato che il dialogo e il negoziato sono gli unici strumenti per poter risolvere il problema della crisi nucleare in Corea, in un suo intervento ad una riunione...
Notizia del:

Saviano e i "Caschi Bianchi": Lettera aperta ad "Amici"

Gentile redazione di Amici, Apprendiamo con stupore che l’onnipresente Roberto Saviano utilizzerà la trasmissione "Amici" di questa sera per un ennesimo panegirico degli Elmetti...
Notizia del:

Per la prima volta un paese bombardato dalla Nato vota per l'integrazione nell'Alleanza

Il Parlamento del Montenegro ha votato questo venerdì a favore del progetto per l'integrazione del paese nella Nato, proposto dalla coalizione al governo. L'opposizione ha convocato proteste...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa