/ Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e b...

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?

Dove era Meryl Streep quando Obama processava gli informatori e bombardava gli innocenti?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Il discorso anti-Trump di Meryl Streep nella notte di domenica durante la serata di gala dei Golden Globes è stata una "performance sublime" tenuta "con emozione e grazia", "un vero e proprio lavoro strappalacrime per chiunque fosse preoccupato per la prossima era Trump". Lo scrive l'analista e giornalista indipendente irlandese Danielle Ryan nel suo ultimo articolo. 

Tuttavia, l'intervento dell'"interprete puzzava di ipocrisia", denuncia Ryan che nell'articolo sostiene di adorare Meryl Streep come attrice.

"Dov'eri quando Obama perseguitava informatori?"

Nel suo appassionato discorso, la Streep ha chiamato i suoi supporter a unirsi a lei per le donazioni al Committee to Protect Journalists. A questo proposito, Ryan si è chiesta se la famosa attrice è a conoscenza, per esempio, che l'amministrazione Obama "ha perseguito più informatori di tutti i suoi predecessori insieme". Anche se è probabile che Trump continuerà questa "tradizione", è abbastanza strano che la questione non abbia mai interessato la Streep prima.

"Dov'eri quando Obama stava bombardando degli innocenti?", continua a scrivere l'analista.

In una parte del suo discorso la Streep dichiara che "la violenza incita alla violenza". E allora dov'era l'attrice Usa, si domanda Ryan, quando Obama ha aiutato l'Arabia Saudita a bombardare funerali e feste di matrimonio in Yemen; quando il loro "intervento umanitario" in Libia ha trasformato quel paese in uno stato fallito e quando ha facilitato l'ascesa dello Stato Islamico; o ancora quando ha utilizzato dieci volte più attacchi di George W. Bush con i droni?

"Dov'era la Streep quando il premio Nobel per la pace non ha bombardato uno, due o tre, ma sette paesi diversi?", continua Ryan nel suo articolo, sottolineando come le critiche dell'attrice per il disprezzo apparente di Trump verso gli stranieri non si accompagano a quelle verso Obama che ha scelto tutti paesi a maggioranza musulmana da bombardare.

"Dov'eri quando Obama ha protetto i cosiddetti 'moderati' legati ad Al Qaeda?", conclude l'autrice in riferimento alla decisione dell'amministrazione Obama di negoziare per conto dei ribelli 'moderati' legati ad al-Qaeda in Siria.

Meryl Streep come chiunque altro ha il diritto di esprimere le sue lamentele in merito a Trump, purché non sia una morale "vuota e senza senso", rimarca Ryan, perché non coerente nella pratica.
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Argentina, Cristina contro la brutale repressione della polizia. "Così non si governa"

"Per dodici anni e mezzo ci sono state manifestazioni a favore e contro, come in qualsiasi democrazia, ma non abbiamo mai visto episodi come quelli di adesso"

Telesur L'ex-presidente e attuale senatrice dello stato argentino, Cristina Fernández de Kirchner...
Notizia del:

Quanti disoccupati ci sono in Italia?

Allo stato attuale è classificato come “occupato” chiunque, di età superiore ai 14 anni, abbia lavorato almeno un’ora nella settimana di riferimento, a fronte di una retribuzione

di Gennaro Zezza - economia e politica   Il tasso di disoccupazione è una delle...
Notizia del:     Fonte: The Telegraph

Interferenza "low cost": Facebook quantifica in meno di 1 euro la spesa pubblicitaria russa durante la Brexit

Il social network ha informato il comitato elettorale britannico che l'Agenzia di ricerca su Internet ha speso una "piccola somma di denaro" su tre annunci sull'immigrazione.

Meno di un euro: nello specifico, 83 centesimi, l'equivalente a 97 centesimi o 73 pence britannici. Questo...
Notizia del:

"Giustificare le azioni che violano la sovranità della Siria è inaccettabile"

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante la sua conferenza stampa settimanale definisce 'goffi' e 'inaccettabili', le giustificazioni statunitensi riguardo la permanenza in Siria.

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha parlato anche della situazione in Siria...
Notizia del:     Fonte: RIA.Ru . Bloomberg

La Cina spiega a Trump chi ha vinto la guerra contro il terrorismo in Siria

Il Presidente degli USA, Trump, rivendica la vittoria sull'ISIS in Siria. La Cina, invece, elogia il contributo decisivo della lotta al terrorismo della Russia

Lo scorso 12 dicembre, mentre firmava il bilancio della difesa vicino ai 700 miliardi di dollari per il 2018, il...
Notizia del:

Perché non c'è nulla di giornalistico nel servizio delle Iene sulla Palestina

  Chi da bambino non ha sognato di vivere in un mondo senza regole e senza genitori, dove ti mettevi il cinturone con le pistole da cow-boy e andavi in giro a sparare agli altri cow-boy (o agli...
Notizia del:

Chi sono le seimila persone che sono state spiate dai sistemi informatici dei fratelli Occhionero? E per conto di chi?

di Federico Rucco* Mentre i bevitori/veicolatori delle bufale dell’ex vicepresidente statunitense Joe Biden sulle ingerenze “russe” continuano a non produrre nessun riscontro,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa