/ Ehud Barak: "Trump non rompa con l'Iran"

Ehud Barak: "Trump non rompa con l'Iran"

Ehud Barak: Trump non rompa con l'Iran
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

«Ehud Barak, l’ex leader israeliano conosciuto per le sue posizioni dure verso l’Iran, ha dichiarato che sarebbe un “errore” se il presidente Trump decidesse di de-cerificare l’accordo sul nucleare iraniano, sia perché avvantaggerebbe l’Iran, sia perché verrebbe vanificata ogni speranza di negoziare con la Corea del Nord». Inizia così un articolo di Mark Landler, corrispondente della Casa Bianca del New York Times pubblicato l’11 ottobre.


«Il signor Barak, soldato decorato, primo ministro e ministro della Difesa, è l’ultimo e più importante israeliano a sollecitare  Trump a non rinunciare all’accordo». Continua Lander, che spiega come il presidente debba annunciare a breve se far decadere o conservare l’intesa (scade il 15 ottobre).


Barak ha spiegato che se l’America compisse tale passo, nessuno gli andrebbe dietro, né russi, né cinesi né europei. «L’Iran, ha sottolineato, è conforme alle condizioni dell’accordo. Vorrà “continuare a raccogliere” i benefici economici dell’operazione». Se invece Trump rompe, avrebbe il pretesto per riprendere la corsa all’atomica.


Allo stesso tempo, tale passo indurrebbe la Corea del Nord a non trattare con gli Stati Uniti: «Diranno che non ha senso negoziare con gli americani se, dopo un tempo relativamente breve, possono recedere unilateralmente da un accordo siglato».


Un incubo per l’Asia: indurrebbe «Giappone e Corea del Sud ad acquisire armi nucleari». Allo stesso tempo un Iran nucleare farebbe lo stesso effetto in Medio Oriente, con particolare riguardo all’Arabia Saudita, all’Egitto e alla Turchia.


In questi giorni «altri israeliani importanti» stanno sollecitando Trump «a non revocare l’accordo», continua il cronista del NYT, tra questi «Uzi Arad, ex ufficiale del Mossad, già consigliere per la sicurezza nazionale del primo ministro Benjamin Netanyahu», giunto a Washington per tentare di persuadere i repubblicani.


L’opinione di Barak sull’accordo con l’Iran, spiega Lander «è particolarmente importante perché, come ministro della Difesa di Israele dal 2007 al 2013, ha condotto i preparativi per un possibile raid militare contro gli impianti nucleari iraniani», avvertendo che se gli israeliani non avessero agito tempestivamente la corsa iraniana alla bomba non avrebbe potuto più essere fermata da un’azione militare.


Barak e Netanyahu, attuale primo ministro israeliano  «erano completamente allineati su tale prospettiva, ma hanno affrontato la resistenza dai capi delle agenzie di intelligence di Israele, che sostenevano che un raid militare avrebbe comportato conseguenze catastrofiche e che essi esagerassero l’imminenza della minaccia iraniana».


«Con l’accordo in vigore», ha dichiarato, «L’Iran è tutt’altro che una minaccia esistenziale per Israele».


Stesso ragionamento Barak applica alla Corea del Nord, che non può essere attaccata a causa delle conseguenze che tale iniziativa causerebbe alla Corea del Sud. «Ciò lascia solo la strategia del negoziati, sostenuta da sanzioni, per costringere il Nord a frenare il suo comportamento».


Quindi una dichiarazione più che illuminante: «Kim Jong-un è estremo. Ma è totalmente prevedibile e quasi trasparente, semplice da capire. Semplicemente non vuole sperimentare quello che è successo a Gheddafi e Saddam Hussein», ai quali non portò bene l’ostilità degli Stati Uniti.


Sul tema abbiamo scritto tante note in passato e nell’ultima abbiamo citato vari esponenti politici europei che hanno chiesto a Trump di evitare la rottura.


Se abbiamo riportato ampi stralci di questo articolo del New York Times è per i cenni di rara intelligenza ivi contenuti. E  perché dedicato al tema chiave sul quale, a breve, si giocherà il destino del mondo. La pace o la guerra.


Probabile che Barak abbia preso una posizione così netta ed esplicita per motivi personali: ha fatto eleggere  il suo pupillo, Avi Gabbai, a capo dei laburisti. E ora vorrebbe farne il nuovo premer israeliano.


Netanyahu ha dalla sua Trump. Barak si presenta al mondo che vuole conservare l’accordo con l’Iran, quasi tutto, come moderato, anti-Trump e soprattutto anti-Netanyahu, il primo motore immobile della (ancora) eventuale rottura tra Usa e Teheran, compimento del suo sogno politico. Detto questo, anche se quella dell’ex primo ministro israeliano fosse solo una mossa politica, l’esito non cambia.


Resta che nessun giornale italiano, si intende quelli mainstream, ha accennato a tale articolo e alle dichiarazioni di Barak, non certo l’ultimo degli sprovveduti.


Indice non ultimo della vacuità del giornalismo italiano. Non è solo solo tragica miopia, anche calcolo: prendere posizione espone a rischi. Limitarsi ad attendere gli eventi aiuta. Anche la carriera. Grazie al cielo esiste ancora del giornalismo. Altrove.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

Trump ribadisce: Abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano è "una possibilità reale"

Il presidente degli USA Donald Trump continua a considerare l'abbandono dell'accordo nucleare iraniano come una "possibilità reale".

"Può esserci una cessazione completa, che è una possibilità reale, qualcuno potrebbe...
Notizia del:     Fonte: TASS - Ria Novosti

"Fratelli in armi": La Corea del Nord propone all'Iran di unire forze contro "l'ingiustizia" statunitense

L'Iran ha condannato la "mancanza di rispetto" alla comunità internazionale mostrata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la Corea del Nord a tal proposito invita Teheran ad unire le forze contro il comune nemico

La Corea del Nord ha proposto, oggi, che la Repubblica islamica dell'Iran unisca le forze per "combattere...
Notizia del:     Fonte: Al Mayadeen

L'Iran avverte Trump: "In 4 giorni possiamo portare l'arricchimento dell'uranio al 20%"

L'Iran avverte Trump ma insiste sul fatto che la sua volontà è quella di mantenere il patto siglato nel 2015 con il gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Russia e Cina, più Germania) senza modifiche.

Il capo dell'Organizzazione dell'energia atomica dell'Iran (OEAI), Ali Akbar Salehi ha assicurato...
Notizia del:

Alberto Negri: "Trump si sbaglia. Teheran non farà mai altre concessioni"

"Con una sola mossa, Trump ha messo nei guai Usa, Europa, Iran e Medio Oriente"

di Alberto Negri - Il Sole 24 ore Con una sola mossa Trump ha deciso di mettere inutilmente nei guai gli...
Notizia del:

Il messaggio chiaro di Pechino agli Usa sull'accordo con l'Iran. E da Teheran: "Gli Usa insultano l'Onu"

Il Governo cinese ha invitato formalmente gli Stati Uniti a preservare l’accordo nucleare sancito nel 2015 dall’Iran con il Gruppo 5 +1.  “Crediamo che quest’accordo sia importante...
Notizia del:     Fonte: RT

La Russia è pronta a mediare tra Iran e Arabia Saudita

«Abbiamo sempre detto ai nostri partner Arabia Saudita e Iran che siamo pronti a fornire una piattaforma per contatti», ha affermato il viceministro degli Esteri della Federazione Russa

  «Abbiamo sempre detto ai nostri partner Arabia Saudita e Iran che siamo pronti a fornire una piattaforma...
Notizia del:     Fonte: The Hill

Premio Nobel Richter: 'Gli accordi sul nucleare iraniano non sono una vergogna per gli USA. La vergogna è non rispettarli'

Due importanti fisici nordamericani avvertono che se gli Stati Uniti abbandonano l'accordo nucleare con l'Iran, "spingeranno il paese in una direzione pericolosa".

Burton Richter, vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 1976, e Michael S. Lubell, ex direttore degli affari...
Notizia del:     Fonte: https://www.juancole.com

Storico statunitense: Aveva ragione Khamenei quando definiva gli USA 'poco affidabili'

Juan Cole, accademico statunitense, storico del Medio Oriente e commentatore politico, ha sottolineato la mancanza di affidabilità degli USA quando sottoscrivono accordi internazionali, come quello con l'Iran che il presidente Donald Trump sta cercando di annullare.

Il professore universitario statunitense e storico del Medio Oriente, Juan Cole, in un articolo, ha scritto che...
Notizia del:     Fonte: http://www.sepahnews.com

Iran: Se Gli USA approvano nuove sanzioni dovranno spostare di 2000 km le loro basi dalla portata dei missili iraniani

Un alto comandante iraniano avverte gli Stati Uniti che, nel caso vogliano applicare altre sanzioni all'Iran, dovranno spostare le loro basi militari a 2000 km dalla portata dei missili iraniani.

"Nel caso in cui gli Stati Uniti approvassero una legge che impone nuove sanzioni, dovranno spostare le...
Notizia del:     Fonte: http://en.mehrnews.com

Presidente iraniano: "Neanche 10 Trump potrebbero privarci dei vantaggi dell'accordo nucleare"

Hasán Rohaní afferma che se ci fosse una violazione da parte degli Stati Uniti, il mondo condannerebbe Washington invece di Teheran.

Il presidente iraniano Hasán Rohaní ha affermato che i "benefici" che il suo paese ha...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Accordo Iran: Trump fa vincere l'esoterismo

Piccole Note Donald Trump dunque ha deciso di non certificare l’accordo sul nucleare iraniano raggiunto a suo tempo da Obama e firmato anche, da Russia, Cina, Germania, Gran...
Notizia del:

Due le finestre infrante, due i dispositivi bump stoks. Dubbi sulla strage di Las Vegas

PICCOLE NOTE Lo sceriffo Joseph Lombardo «ha messo in discussione il fatto che il killer possa aver agito da solo nel pianificare così meticolosamente la strage. “Ad...
Notizia del:

Tutti gli interrogativi ancora irrisolti della strage di Las Vegas

PICCOLE NOTE Della strage di Las Vegas, la più grave in America dopo quella dell’11 settembre, hanno parlato a diffusione i media. Così, al di là dello sconforto...
Notizia del:

Cosa cambia in Palestina dopo che Fatah ha preso il controllo di Gaza

PICCOLE NOTE «Il premier palestinese Rami Hamdallah ha visitato per la prima volta la Striscia di Gaza da quando è stato formato il governo di unità nazionale palestinese....
Notizia del:

Vicolo cieco Spagna: ora i Paesi Baschi chiedono "un nuovo inizio"

PICCOLE NOTE E così, nonostante i divieti e il tentativo di impedirlo con l’uso della forza, il referendum sull’indipendenza della Catalogna si è tenuto...
Notizia del:

Dopo l'Iraq, l'Iran: il senso di Netanyahu per le armi di distruzioni di massa

PICCOLE NOTE In un articolo pubblicato su al Monitor del 26 settembre,  Akiva Eldar commenta la pressione di Benjamin Netanyahu sulla comunità internazionale, e sugli Stati Uniti in...
Notizia del:

La Germania e la svolta a destra dell’Occidente...

PICCOLE NOTE Non solo l’estrema destra, le elezioni tedesche hanno dato un altro netto vincitore, Christian Lidner, che ha riportato i liberali al Bundestag, dal quale erano stati estromessi...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa