/ Ehud Barak: "Trump non rompa con l'Iran"

Ehud Barak: "Trump non rompa con l'Iran"

Ehud Barak: Trump non rompa con l'Iran
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

«Ehud Barak, l’ex leader israeliano conosciuto per le sue posizioni dure verso l’Iran, ha dichiarato che sarebbe un “errore” se il presidente Trump decidesse di de-cerificare l’accordo sul nucleare iraniano, sia perché avvantaggerebbe l’Iran, sia perché verrebbe vanificata ogni speranza di negoziare con la Corea del Nord». Inizia così un articolo di Mark Landler, corrispondente della Casa Bianca del New York Times pubblicato l’11 ottobre.


«Il signor Barak, soldato decorato, primo ministro e ministro della Difesa, è l’ultimo e più importante israeliano a sollecitare  Trump a non rinunciare all’accordo». Continua Lander, che spiega come il presidente debba annunciare a breve se far decadere o conservare l’intesa (scade il 15 ottobre).


Barak ha spiegato che se l’America compisse tale passo, nessuno gli andrebbe dietro, né russi, né cinesi né europei. «L’Iran, ha sottolineato, è conforme alle condizioni dell’accordo. Vorrà “continuare a raccogliere” i benefici economici dell’operazione». Se invece Trump rompe, avrebbe il pretesto per riprendere la corsa all’atomica.


Allo stesso tempo, tale passo indurrebbe la Corea del Nord a non trattare con gli Stati Uniti: «Diranno che non ha senso negoziare con gli americani se, dopo un tempo relativamente breve, possono recedere unilateralmente da un accordo siglato».


Un incubo per l’Asia: indurrebbe «Giappone e Corea del Sud ad acquisire armi nucleari». Allo stesso tempo un Iran nucleare farebbe lo stesso effetto in Medio Oriente, con particolare riguardo all’Arabia Saudita, all’Egitto e alla Turchia.


In questi giorni «altri israeliani importanti» stanno sollecitando Trump «a non revocare l’accordo», continua il cronista del NYT, tra questi «Uzi Arad, ex ufficiale del Mossad, già consigliere per la sicurezza nazionale del primo ministro Benjamin Netanyahu», giunto a Washington per tentare di persuadere i repubblicani.


L’opinione di Barak sull’accordo con l’Iran, spiega Lander «è particolarmente importante perché, come ministro della Difesa di Israele dal 2007 al 2013, ha condotto i preparativi per un possibile raid militare contro gli impianti nucleari iraniani», avvertendo che se gli israeliani non avessero agito tempestivamente la corsa iraniana alla bomba non avrebbe potuto più essere fermata da un’azione militare.


Barak e Netanyahu, attuale primo ministro israeliano  «erano completamente allineati su tale prospettiva, ma hanno affrontato la resistenza dai capi delle agenzie di intelligence di Israele, che sostenevano che un raid militare avrebbe comportato conseguenze catastrofiche e che essi esagerassero l’imminenza della minaccia iraniana».


«Con l’accordo in vigore», ha dichiarato, «L’Iran è tutt’altro che una minaccia esistenziale per Israele».


Stesso ragionamento Barak applica alla Corea del Nord, che non può essere attaccata a causa delle conseguenze che tale iniziativa causerebbe alla Corea del Sud. «Ciò lascia solo la strategia del negoziati, sostenuta da sanzioni, per costringere il Nord a frenare il suo comportamento».


Quindi una dichiarazione più che illuminante: «Kim Jong-un è estremo. Ma è totalmente prevedibile e quasi trasparente, semplice da capire. Semplicemente non vuole sperimentare quello che è successo a Gheddafi e Saddam Hussein», ai quali non portò bene l’ostilità degli Stati Uniti.


Sul tema abbiamo scritto tante note in passato e nell’ultima abbiamo citato vari esponenti politici europei che hanno chiesto a Trump di evitare la rottura.


Se abbiamo riportato ampi stralci di questo articolo del New York Times è per i cenni di rara intelligenza ivi contenuti. E  perché dedicato al tema chiave sul quale, a breve, si giocherà il destino del mondo. La pace o la guerra.


Probabile che Barak abbia preso una posizione così netta ed esplicita per motivi personali: ha fatto eleggere  il suo pupillo, Avi Gabbai, a capo dei laburisti. E ora vorrebbe farne il nuovo premer israeliano.


Netanyahu ha dalla sua Trump. Barak si presenta al mondo che vuole conservare l’accordo con l’Iran, quasi tutto, come moderato, anti-Trump e soprattutto anti-Netanyahu, il primo motore immobile della (ancora) eventuale rottura tra Usa e Teheran, compimento del suo sogno politico. Detto questo, anche se quella dell’ex primo ministro israeliano fosse solo una mossa politica, l’esito non cambia.


Resta che nessun giornale italiano, si intende quelli mainstream, ha accennato a tale articolo e alle dichiarazioni di Barak, non certo l’ultimo degli sprovveduti.


Indice non ultimo della vacuità del giornalismo italiano. Non è solo solo tragica miopia, anche calcolo: prendere posizione espone a rischi. Limitarsi ad attendere gli eventi aiuta. Anche la carriera. Grazie al cielo esiste ancora del giornalismo. Altrove.

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:     Fonte: Reuters

Gli USA creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran

La decisione è stata annunciata dall'ambasciatrice statunitense all'ONU, Nikki Haley.

Gli Stati Uniti creeranno una coalizione internazionale per contrastare l'Iran ha informato l'ambasciatrice...
Notizia del:     Fonte: The New Yorker

'The New Yorker': Gli Stati Uniti sono costretti ad accettare Bashar al-Assad fino al 2021

Il governo degli Stati Uniti visti gli sviluppi degli ultimi anni sul campo di battaglia sono costretti ad accettare che il presidente siriano Bashar al-Assad rimanga al potere fino al 2021, secondo il settimanale statunitense, 'The New Yorker'.

Data la realtà dei campi di battaglia in Siria e gli ultimi progressi dell'esercito contro i gruppi...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Generale iraniano: Israele sarebbe in pericolo in una nuova guerra con Hezbollah

Un alto generale iraniano afferma che gli equilibri di potere nella regione si sono spostati verso Hezbollah e che qualsiasi guerra potrebbe porre fine all'esistenza di Israele.

"Se dovesse scoppiare una nuova guerra nella regione tra Israele e un'altra identità come Hezbollah...
Notizia del:     Fonte: HispanTv

«Gerusalemme sarà la tomba del regime israeliano»

A parlare è Mohamad Ali Yafari, comandante in capo del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (CGRI)

  «Gli Stati Uniti e il regime israeliano hanno commesso una grande sciocchezza con la loro decisione...
Notizia del:

L'ennesimo 'capolavoro' degli strateghi nordamericani

di Federico Pieraccini Miliardi di dollari investiti, migliaia di civili trucidati, infiniti fiumi di inchiostro per ingannare decine di milioni di cittadini, il tutto per cosa?  La...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

Con la vittoria dell'esercito siriano a Deir Ezzor, si è aperto un collegamento diretto da Teheran a Beirut

Il governo iraniano potrebbe aver segnato la sua più importante vittoria regionale dell'anno dopo che il suo alleato, ovvero l'Esercito arabo siriano, oggi, ha liberato l'intera sponda occidentale dell'Eufrate nel Governatorato di Deir Ezzor.

Come ha spiegato il portale di notizie 'Al Masdar News', quello che era iniziato come un'offensiva...
Notizia del:     Fonte: The Wall Street Journal - SANA - Politico

Netanyau invia una lettera ad Assad e minaccia di attaccare la Siria

Il primo ministro israeliano ha inviato una lettera a Bashar al-Assad in cui minaccia un intervento militare in Siria se permetterà all'Iran di creare basi militari.

Il quotidiano statunitense 'The Wall Street Journal', citando fonti israeliane, ha rivelato, ieri, che...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News

L'Esercito siriano avanza verso il Golan. Israele, al momento, osserva...

L'esercito arabo siriano ha compiuto notevoli progressi all'interno della zona ad ovest di Damasco di recente, liberando diversi siti dal gruppo terrorista Hay'at Tahrir Al-Sham legato ad Al-Qaeda.

Come ha riferito il portale di notizie, 'Al Masdar News', guidato dalla sua 42a Brigata della IVa divisione...
Notizia del:     Fonte: KUNA

Tillerson: Assad non avrà alcun ruolo nel futuro della Siria

Il Segretario di Stato USA, Rex Tillerson, ha nuovamente ribadito che il presidente siriano Bashar al-Assad non avrà alcun ruolo nel futuro della Siria

"La crisi siriana deve essere risolta attraverso una soluzione politica in conformità con la risoluzione...
Notizia del:     Fonte: KUNA

La Turchia creerà 12 posti di blocco nel territorio siriano in seguito agli accordi con Russia e Iran

Il ministro Canikli ha annunciato che la Turchia riceverà nel 2019 il sistema missilistico S-400 acquistato dai russi

Il ministro della Difesa turco Nurettin Canikli ha dichiarato che solo tre posti di blocco sono stati stabiliti...
Le più recenti da Piccole Note
Notizia del:

Nuova Delhi: vertice a tre Russia, Cina e India per la "sicurezza regionale"

Mentre l’attenzione internazionale è concentrata sul Medio oriente in fiamme, in Asia, a Nuova Delhi per l’esattezza, è avvenuto un incontro più che importante....
Notizia del:

Vigilant Ace 17, gli Stati Uniti preparano l'opzione Apocalisse

lE manovre Vigilant Ace 17, la più grande esercitazione militare congiunta tra forze degli Stati Uniti e della Corea del Sud.

PICCOLE NOTE Giorni convulsi e pericolosi questi. Iniziano, infatti, le manovre Vigilant Ace 17,...
Notizia del:

La “marcia della vergogna” in Israele: il trono di Bibi inizia a vacillare...

PICCOLE NOTE  «Una delle più grandi manifestazioni popolari degli ultimi anni in Israele. La rabbia sta prendendo corpo anche nello Stato ebraico e l’obiettivo numero uno...
Notizia del:

Il "cuore nero dell'Europa" è l'Ucraina (ma Repubblica non riesce proprio a scriverlo)

Piccole Note «Il cuore nero dell’Ungheria» è il titolo “originale” di un reportage che oggi campeggia sulla Stampa. E  che riecheggia un altro reportage,...
Notizia del:

Alcune domande a "La Repubblica" che annuncia trionfante la prossima nuova legge sulla Fake News del PD

PICCOLE NOTE  La Repubblica di oggi annuncia trionfante la prossima nuova legge sulla Fake News. Non ci sarebbe che da felicitarsi per la realizzazione di una norma riguardante il selvaggio...
Notizia del:

Se fa più notizia un falso allarme a Londra che 235 morti uccisi nel Sinai

In questo strano mondo contemporaneo fa più notizia un allarme a Londra che 185 morti in Egitto.  Vi presentiamo l'eccelente ricostruzione di Piccole Note della tragica giornata di...
Notizia del:

In Yemen è strage di bambini per il massacro saudita. "Muore un bambino ogni dieci minuti"

PICCOLE NOTE  Da quando è iniziata la guerra, in Yemen muoiono circa 50.000 bambini l’anno, «una media di 130 al giorno, o un bambino ogni dieci minuti»....
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa