/ Esercitazione Blue Flag, che ci fanno i piloti italiani ad eserci...

Esercitazione Blue Flag, che ci fanno i piloti italiani ad esercitarsi con quelli che massacrano Gaza?

Esercitazione Blue Flag, che ci fanno i piloti italiani ad esercitarsi con quelli che massacrano Gaza?
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
  
E’ una notizia passata inosservata, ma una sua importanza per la stampa nostrana dovrebbe averla se non altro perché partecipa anche l'Italia.
 

 


Dal 2 al 19 novembre, i caccia di nove nazioni si sono uniti a quelli dell’aviazione israeliana (IAF) per una grande esercitazione nel deserto del Negev, la più grande esercitazione interforze nei cieli di Israele. 
 
Si tratta dell’esercitazione Blue Flag, che durerà per 11 giorni nella base di Ovda, nel profondo sud israeliano. L’esercitazione coinvolge oltre 1000 persone tra piloti, equipaggi, tecnici a terra e amministrativi provenienti da Stati Uniti, Grecia, Polonia, Francia, Italia, Germania e un altro paese il cui nome non è stato comunicato. 
 
Secondo quanto riportato da un portavoce militare, l’esercitazione ha sperimentato vari scenari con l’obiettivo di raggiungere “una cooperazione unificata di formazione, apprendimento delle tecniche di volo e un rafforzamento della sinergia diplomatica tra i paesi”. 
 
La prima esercitazione Blue Flag è stata avviata nel 2013, si svolge ogni due anni ed è ormai parte integrante del piano di esercitazioni dell’IAF. Quella di quest’anno è la terza “edizione” ed è la prima volta che vede la partecipazione dell’aviazione indiana. Secodo quanto riportato sul canale televisivo israeliano Channel 2, l’esercitazione Blue Flag ha una grande importanza strategica per la difesa dello Stato di Israele.
 
Tra i paesi dicevamo anche l’Italia  e poi quella dell’Italia e di tutti gli altri paesi della UE che ufficialmente condannano Israele per l’occupazione e la colonizzazione ma poi si esercitano con gli stessi piloti che massacrano Gaza e stritolano la Cisgiordania. 
 


qui per altre foto e video

“E’ molto interessante questa lista che include anche i paesi del Mediterraneo con cui abbiamo legami di difesa, come Italia e Grecia. [..]E’ una lista di paesi chiave per le percezioni strategiche di lungo periodo di Israele. Non solo in termini di difesa ma anche economici, tecnologici e diplomatici.”, ha dichiarato Eran Lerman del Jerusalem Institute for Strategic Studies al Tazpit Press Service (TPS).

Redazione de l'Antidiplomatico
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Jean-Luc Melenchon da Napoli: «La Russia non è un nostro nemico»

Il leader francese invita anche a contrastare le politiche guerrafondaie della NATO

  Dall’ex Opg di Napoli dove si è recato per un incontro con gli esponenti della lista Potere...
Notizia del:

Consiglio Mondiale della Pace: "E' un dovere difendere le vittorie della Siria contro il terrorismo, per il dialogo e la sovranità"

di Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace da cebrapaz.org.br Traduzione di Marx21.it Le forze di pace giudicano con ottimismo i progressi della Siria di fronte...
Notizia del:     Fonte: Al Masdar News - Al Mayadeen

L'Esercito siriano rifiuta la proposta delle YPG di entrare ad Afrin, ma continuerà a permettere il passaggio dei rinforzi curdi da Aleppo

Il portale di notizie 'Al Masdar News' ha smentito che l'esercito siriano entrerà ad Afrin, nord della Siria, per combattere l'aggressione turca, rifiutando la proposta delle YPG curde.

Ieri il canale libanese 'Al Mayadeen' ha annunciato che "lo schieramento di truppe siriane nei prossimi...
Notizia del:     Fonte: http://redstar.ru

La Russia ha lanciato più di 100 missili da crociera durante l'operazione anti-terrorismo in Siria

Il gruppo di attacco della portaerei russa nel Mediterraneo è riuscito a raggiungere più di 1.250 obiettivi terroristici in Siria.

Durante l'operazione antiterrorismo in Siria la marina russa ha lanciato contro le posizioni dei terroristi...
Notizia del:     Fonte: SANA

Cuba: sosteniamo la Siria e apprezziamo la sua fermezza contro il terrorismo e l'imperialismo

Cuba ribadisce la sua solidarietà e appoggio alla Siria elogiando la fermezza dei siriani di fronte al terrorismo e all'imperialismo.

Durante il suo incontro con il ministro siriano dell'Istruzione superiore, Atef Nadaf, a L'Avana, ieri,...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa