/ Essere giornalisti al tempo dei governi neoliberisti

Essere giornalisti al tempo dei governi neoliberisti

Essere giornalisti al tempo dei governi neoliberisti
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Ilka Oliva Corado
 

Enorme è la repressione dei governi neoliberisti in America Latina, un sistema di comando costruito nel periodo post-dittatura nella regione. Minacce, torture, sparizioni e omicidi che restano impuniti. L’unico obiettivo è mettere a tacere la voce di chi ha il coraggio di esprimere la propria opinione, risvegliando così le menti delle masse assopite. Questo è lo spauracchio di Stati falliti e corrotti; il risveglio delle masse e in questo il ruolo del giornalismo con coscienza sociale è di vitale importanza. Perché se le masse risvegliano, cambia il sistema. 

 

Il giornalismo presenta alle masse prove inconfutabili di un sistema di governo putrido che vive nell’impunità, orchestrato da cricche criminali. Essere giornalista nell’America Latina del neoliberismo, vuol dire rischiare la propria vita e quella dei familiari. Bisogna essere completamente pazzi o raggiungere un livello di sanità mentale non da tutti. 

 

I giornalisti che denunciano hanno un grande senso di responsabilità civica e professionale. Come società è nostro dovere sostenerli e denunciare ogni tentativo di abuso e di silenziare le loro voci, perché rappresentano una piccola luce in fondo al tunnel dell’impunità. Rappresentano una guida, la scoperta e l’evidenza solida; il catalizzatore che ci invita a esigere diritti, a denunciare abusi e aggressioni, a chiedere giustizia per cambiare il modello di società patriarcale, classista, razzista e di privilegi per pochi. 

 

Alzare la voce nel mentre siamo governati da cricche criminali, è sinonimo di interezza, integrità, convinzione e responsabilità assoluta; perché è facile non rischiare, essere portatori della luce che illumina il cammino richiede più del semplice agire, conseguenza politica e umana di chi osa fare la differenza nel tempo in cui gli è toccato di vivere.

 

 

Una società cosciente del ruolo che gioca il giornalismo etico, incisivo e responsabile, lo deve proteggere, ringraziarlo e fare da eco alle denunce. Solamente attraverso il cammino della solidarietà e del mutuo appoggio riusciremo a rompere con la mediatizzazione e l’impunità.

 

Come società è nostro dovere prenderci cura di tutte le persone che hanno il coraggio di alzare la voce in solitudine, attraverso un articolo, via radio, da un canale televisivo. Dimostrare che non sono sole, che come società siamo grati per il loro sforzo, la loro etica, per il rischio che assumono e l forza delle loro opinioni e denunce, perché sono anche le nostre. 

 

Dobbiamo agire e denunciare ogni tentativo di abuso contro qualsiasi giornalista che osa denunciare le cricche criminali che hanno preso d’assalto l’alto comando dei governi nella Patria Grande. Se abbiamo coraggio, siamo pieni di valori e andiamo oltre, vediamo che non è impossibile arrestarli e recuperare quanto ci è stato rubato: la dignità. 


link al blog dell'autrice: https://cronicasdeunainquilina.com/2017/07/05/ser-periodista-en-tiempos-de-gobiernos-neoliberales/

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Evo Morales 'profondamente preoccupato' dal razzismo degli Stati Uniti

"Oggi vediamo con profonda preoccupazione come si sta diffondendo il razzismo negli Stati Uniti"

  Il presidente boliviano Evo Morales ha invitato il suo omologo statunitense Donald Trump a invertire la...
Notizia del:

A 59 anni, la Rivoluzione Cubana mantiene la sua vitalità

La Rivoluzione Cubana celebra il suo 59° anniversario. Un processo storico che ha cambiato il destino del popolo cubano e dell'America Latina

da teleSUR   Con l'entrata vittoriosa dei rivoluzionari il 1° gennaio 1959 a Santiago de Cuba,...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Il Fondo Monetario Internazionale spinge l'Argentina verso il baratro: chiede più austerità e privatizzazioni

di Fabrizio Verde   Da quando la coalizione Cambiemos guidata dall’imprenditore Mauricio Macri è andata al potere in Argentina, l’ortodossia neoliberista è ripiombata...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Nazionalizzazione di risorse e aziende strategiche. Così la Bolivia ha raggiunto crescita e sovranità

Il lungo ventennio neoliberista è stato invece segnato dal saccheggio delle risorse naturali imposto attraverso politiche dettate da Washington attraverso il Fondo Monetario Internazionale

di Fabrizio Verde   «Grazie alla nazionalizzazione degli idrocarburi, abbiamo deciso con il supporto...
Notizia del:     Fonte: http://www.portalalba.org

L'ALBA respinge la decisione unilaterale degli Stati Uniti su Gerusalemme

L'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA) alza la sua voce contro la recente decisione statunitense sulla città di Al-Quds - Gerusalemme.

In una dichiarazione dopo l'incontro dei ministri degli esteri e dei capi delle delegazioni dell'ALBA,...
Notizia del:

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue

di Giorgio Cremaschi Secondo gli ultimi dati ISTAT in Italia 18 milioni di persone sono a rischio o sono già precipitate nella povertà. Se vogliamo essere più precisi, utilizzando...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

La lezione di 'Pepe' Mujica: la vita umana non può ridursi a lavorare, pagare le bollette e accumulare debiti

«L’unica cosa che non si può comprare è la vita. La vita si consuma. Ed è da miserabili consumare la vita per perdere la libertà»

  «La vita umana non può ridursi - come impone il capitalismo - a lavorare, a pagare le bollette...
Notizia del:

Pensioni, lavoro e diritti sociali: l'Italia è come la Grecia

La letterina della Commissione UE appena giunta al governo italiano chiarisce tutto. I burocrati europei confermano che la legge Fornero è un tabù intoccabile. E che il governo si è già formalmente impegnato su questo

di Giorgio Cremaschi Un vecchio governo democristiano avrebbe sicuramente evitato questo crisi da burla...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Lula ai popoli latinoamericani: «Sconfiggeremo ancora una volta il neoliberismo»

«In tutti i nostri paesi abbiamo già sconfitto il progetto neoliberista una volta e non ho dubbi che saremo in grado di sconfiggerlo di nuovo», ha dichiarato il leader brasiliano ai latinoamericani riuniti a Montevideo

  «Fuori Macri!» e «Fuori Temer!», questi sono stati due degli slogan maggiormente...
Notizia del:

Dopo Brexit e Catalogna, che ne sarà dell'Unione Europea?

Il futuro più probabile dell'Europa è un super-Stato neoliberista gestito congiuntamente da Berlino e Bruxelles

di C J Polychroniou - Al Jazeera   Il futuro dell'Unione europea è di sicuro in dubbio.   La...
Le più recenti da Crónicas de una Inquilina
Notizia del:

Nuovo golpe in Honduras? Il popolo non deve lasciarsi sconfiggere

Il popolo honduregno deve difendere il voto a Nasralla e non permettere un altro golpe simile a quello contro Zelaya

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il 28 giugno dell’anno 2009, quando...
Notizia del:

Il fascino del Che

di Ilka Oliva Corado   Gli Stati Uniti sono un paese con una diversità di culture impressionante. Alla fermata di un semaforo, in attesa di attraversare la strada, ci possono stare cinquanta...
Notizia del:

Il Venezuela si è risvegliato chavista e il Guatemala vassallo

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Nel 2015, il Guatemala era sotto la lente dell'osservazione, si manifestava il sabato con la scusa dell'abbronzatura, perché...
Notizia del:

Generazioni sconfitte

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   L’America Latina, con i suoi colori, la sua fecondità, i suoi Popoli Originari e i suoi martiri, è una terra...
Notizia del:

Traffico e abusi sui migranti indocumentati in transito

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Già di per sé l’incubo di migrare senza documenti è terribile manca solo aggiungerci l’essere...
Notizia del:

Parliamo del patriarcato

di Ilka Oliva Corado - Crónicas de una Inquilina   Il patriarcato dovrebbe essere un argomento di conversazione, come quando parliamo di calcio, musica, letteratura, arte, cinema...   Si...
Notizia del:

Aver liberato Leopoldo López è un grave errore

di Ilka Oliva Corado   Una cosa sono gli appelli alla pace, al dialogo che cerca la pace, altra cosa è liberare l’autore intellettuale delle guarimbas del 2014 in Venezuela, volte...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa