/ «Fame in Venezuela»: i media mainstream si basano su fonti sballa...

«Fame in Venezuela»: i media mainstream si basano su fonti sballate

«Fame in Venezuela»: i media mainstream si basano su fonti sballate
 

Nell’ultimo anno e mezzo i media hanno criticato il governo venezuelano per la gestione della crisi, ma le cifre che hanno citato non corrispondono a quelle FAO

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Jacob Wilson - Center for Economic and Policy Research
 

Due settimane fa, l'Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) ha pubblicato una relazione sull'insicurezza alimentare e l'alimentazione in America Latina e nei Caraibi. La relazione ha evidenziato un aumento regionale dell'insicurezza alimentare, per l prima volta da quando l'agenzia ha iniziato a raccogliere dati annuali per gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio nel 2000. Gli autori hanno osservato che la crisi alimentare in Venezuela è stata centrale per questo incremento. In ogni caso negli ultimi tre anni la percentuale della popolazione in Venezuela che soffre di malnutrizione è inferiore a quella di altri paesi della regione come la Bolivia, il Guatemala, Haiti e Honduras. 

 

Lo studio della FAO conferma che la Repubblica Bolivariana sta affrontando un crescente problema fame che richiede un'azione. Nell’ultimo anno e mezzo i media hanno criticato il governo venezuelano per la gestione della crisi, ma le cifre che hanno citato non corrispondono a quelle FAO. Negli ultimi 18 mesi hanno descritto una crisi peggiore rispetto allo FAO: per qualcuno «il 93 per cento della popolazione [venezuelana] non può permettersi di mangiare» e «i venezuelani negli ultimi anni hanno perso in media 8 chili» (Inoltre, un articolo di Jacobin afferma:  «Almeno il 90 per cento della popolazione non può comprare abbastanza cibo», mentre The Indipendent lamenta che  «il 75 per cento della popolazione del paese ha perso una media di 8 chili»). Questo perché la copertura mediatica sulla nutrizione in Venezuela si è basata principalmente su prove aneddotiche e un rapporto inconcludente, in parte redatto da un membro della coalizione politica che cerca di rimuovere il presidente venezuelano Nicolás Maduro.

 

I quotidiani e le riviste americani spesso attribuiscono le loro affermazioni sulla nutrizione in Venezuela a «una recente indagine ... delle principali università del paese». L'indagine in questione è stata pubblicata il 27 febbraio 2016 dall'Università Simón Bolívar, dall'Università Centrale del Venezuela e dalla Fondazione Bengoa. La relazione, che si concentra sulla nutrizione venezuelana, fa parte di una revisione annuale che riguarda lo stato delle condizioni di vita del paese. Maritza Landaeta-Jiménez, che appena nel 2013 era membro della Commissione Nutrizionale dell'opposizione venezuelana, ha diretto la ricerca del 2016. Il documento, basato su un sondaggio di 6,413 Venezuelani, ha riferito che il 93% dei Venezuelani percepisce di non avere abbastanza soldi per l'acquisto di cibo e che il 72,7% dei Venezuelani aveva perso una media di 8,7 kg (19 libbre) nell'anno scorso. Tuttavia, lo stesso sondaggio ha rivelato che il 67,5% dei venezuelani ha mangiato tre pasti al giorno e solo il

25% del paese ritiene che la propria alimentazione possa essere classificata come «carente».

 

Le due coppie di statistiche raccontano diverse storie sulla situazione in Venezuela. La prima coppia - il 93 per cento della popolazione che manca di denaro alimentare e una perdita media di peso di 8 chili per il 73 per cento dei venezuelani - rappresenta un paese in crisi umanitaria. La seconda coppia - il 67,5% della popolazione che consuma tre pasti al giorno e solo il 25% che si sentono carenti nella loro alimentazione - mostra un paese che lotta, e che sta reagendo allo stress economico e politico. Dato che queste cifre appaiono in pagine diverse della breve relazione, ogni lettore potrebbe aver pensato che i risultati del sondaggio sono quantomeno inconcludenti e, nel peggiore dei casi in contraddizione. (Tre quarti della popolazione sta perdendo 8 chili in media, ma solo il 25 per cento pensa che non stiano assumendo abbastanza cibo?). 

 

Purtroppo, i risultati dell'indagine non sono stati messi in dubbio; al contrario. La stampa anglofona ha riportato le statistiche sul 90 per cento/8 chili così tante volte che sembrano diventare fatti indiscutibili. Tuttavia, secondo una vasta ricerca di LexisNexis, l’opinione del 25% dei venezuelani non è mai stata segnalata nei giornali in lingua inglese.

 

La FAO ha fornito prove che l'insicurezza alimentare in Venezuela è aumentata negli ultimi tre anni. Ciò non giustifica i giornalisti statunitensi ed i responsabili politici che confezionano narrazioni con fonti indeterminate come il rapporto dell'Università Simón Bolívar. Le implicazioni politiche di una tale segnalazione inesatta sono notevoli. Un comunicato stampa del Dipartimento del Tesoro nel luglio che giustificava le sanzioni contro il Venezuela diceva: «Decine di milioni di venezuelani soffrono la fame». Questa cifra è almeno due volte e mezzo la stima totale di 4 milioni forniti dalla FAO, ed è anche in linea con la statistica del 90% della relazione inconcludente.

 

La stampa dovrebbe prestare maggiore attenzione al momento della verifica delle sue fonti, soprattutto nei casi in cui le circostanze limitano la disponibilità dei dati. Dovrebbe anche utilizzare fonti accreditate a livello internazionale, come le relazioni annuali della FAO - che forniscono dati che mostrano come Honduras, Guatemala ed El Salvador - stretti alleati statunitensi in America Centrale, soffrono di tassi simili di insicurezza alimentare come il Venezuela. Queste crisi di fame hanno ricevuto molta meno attenzione rispetto ai problemi che la Repubblica Bolivariana si trova ad affrontare, nonostante il fatto che queste carenze alimentari dell'America centrale siano ben documentate e durature. I media farebbero bene a prestare loro  maggiore attenzione.

 

(Traduzione dall’inglese per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Crisi umanitaria in Venezuela? Solo una fake news, afferma esperto dell'ONU

L'avvocato e storico statunitense Alfred de Zayas, esperto nel campo dei diritti umani, ha messo in guardia sull'uso del termine crisi umanitaria per intervenire in Venezuela e rovesciare l'attuale governo

di Fabrizio Verde   «Ho comparato le statistiche del Venezuela con quelle di altri paesi e non...
Notizia del:

Viola Carofalo (Potere al Popolo) a Pagina12: «Il Venezuela nostra principale fonte d'ispirazione»

La giovane ricercatrice universitaria di Napoli è stata nominata "capo politico" del nuovo partito della sinistra italiana, Potere al Popolo, che cercherà di emulare i suoi pari di Spagna e Francia alle elezioni generali del 4 marzo

di Federico Larsen - Pagina12   Il suo movimento è stato accolto in Europa come la rinascita...
Notizia del:

"Il Venezuela è un pioniere nel mondo". Nicolas Maduro annuncia la pre-vendita della criptomoneta Petro

RT  Questo mercoledì inizia la prevendita del cosiddetto Petro, una criptovaluta diversa da tutte le altre perché creata direttamente dal governo venezuelano e sostenuta dalle...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:     Fonte: RT

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".

La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi...
Notizia del:     Fonte: Euronews

Russia: Gli Stati Uniti intendono rimanere in Siria per sempre

Gli Stati Uniti cercano di separare una vasta regione dal resto del territorio siriano, ha avvertito ieri il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, il quale ha ribadito che Washington intende rimanere nel paese arabo a tempo indefinito.

"(Gli statunitensi) sembrano voler dividere gran parte del territorio siriano dal resto del paese, per creare...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.

In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario...
Notizia del:

Attivista indigena denuncia: «I media nascondono gli interessi europei in Guatemala»

La redazione di Cubainformación TV ha intervistato Aura Lolita Chávez Ixcaquic

di Fabrizio Verde   Aura Lolita Chávez Ixcaquic, leader del Consiglio dei popoli K'iche per...
Notizia del:

Turchia, il primo ministro Yildirim afferma che Ankara è pronta a combattere contro gli Usa

Intervistato dall’emittente televisiva tedesca ‘Ard’, il primo ministro turco Binali Yildirim, ha dichiarato che la Turchia «ha un problema con le Ypg» e che nel caso gli Stati Uniti decidessero di entrare in guerra al fianco dei curdi siriani, «combatteremo anche contro di loro»

  Aumentano le tensioni in Siria tra Turchia e Stati Uniti. il governo di Ankara si è infatti detto...
Notizia del:     Fonte: TASS

Russia: Al-Nusra e 'Caschi bianchi' preparano un attacco chimico per accusare Damasco

Il gruppo terroristico di Al-Nusra (noto anche come il fronte Fath Al-Sham) e il corpo chiamato 'Caschi Bianchi' hanno trasportato più di 20 contenitori di cloro verso un villaggio situato nella provincia siriana di Idlib per preparare un attacco chimico e quindi accusare il governo siriano di questo crimine.

"La sera del 12 febbraio il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra ha ricevuto una telefonata...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:     Fonte: BBC - The Guardian

Londra riprende il progetto di "finanziamento ad Al-Qaeda" in Siria

Il Regno Unito ha ripreso un controverso programma di miliardi di sterline per addestrare 'polizia' nelle aree occupate dai gruppi armati in Siria, un progetto sospeso più di due mesi fa a causa di accuse di aver finanziato gruppi 'estremisti' affiliati ad Al- Qaeda.

Il progetto è cessato nel novembre dello scorso anno dopo che un'indagine ha rivelato che le forze...
Notizia del:     Fonte: The Jerusalem Post

Israele prevede la guerra nel Golan nel 2018 per i progressi dell'esercito siriano

In mezzo a tensioni crescenti in Medio Oriente, un alto generale delle forze armate di Israele, ha messo in guardia contro la "crescente possibilità di una guerra" sulle alture del Golan seguito i progressi dell'esercito siriano contro i gruppi estremisti e "ribelli".

In dichiarazioni rilasciate durante un'intervista alla radio dell'esercito, il comandante delle operazioni...
Notizia del:     Fonte: RT arabic - AP news - Ria Novosti

VIDEO. Le forze siriane entrano ad Afrin e la Turchia bombarda

Le unità dell'esercito siriano sono entrate oggi nel distretto di Afrin, dove le forze armate turche e le sue milizie alleate stanno portando avanti un'aggressione contro le YPG curde.

Le forze filo-governative siriane hanno iniziato ad entrare ad Afrín nonostante le minacce provenienti...
Notizia del:

Così si impone e trionfa in Italia e nel mondo il nuovo fascismo della finanza e delle corporation

di Francesco Erspamer* Da trent'anni il gioco dei liberisti è sempre quello e il fatto che continuino a vincere dipende solo dalla mancanza di lucidità, capacità e coraggio...
Notizia del:     Fonte: https://www.israelnationalnews.com

VIDEO. Ministro israeliano: L'ISIS non è una minaccia strategica per Israele

Il ministro dell'Economia israeliano Naftali Bennett ammette che Tel Aviv non ha mai visto il gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo) come una "minaccia esistenziale o strategica" e crede che la distruzione di questo gruppo potrebbe rafforzare la posizione dell'Iran in Siria e in Iraq.

"Non abbiamo mai visto l'ISIS come una minaccia esistenziale o strategica, (e) non si dovrebbe rimuovere...
Notizia del:     Fonte: Ruptly - Al Masdar News

VIDEO. 'Afrin è siriana' I commenti dei residenti sulle relazioni tra YPG e governo siriano

La popolazione di Afrin ha commentato le ultime indiscrezioni sul possibile accordi tra le YPG e l'esercito siriano per combattere l'offensiva turca.

I residenti di Afrin nel nord-ovest della Siria, hanno commentatole recenti indiscrezioni, secondo le quali,...
Notizia del:

Pyongyang: "Se non ci fossero stati gli USA, la pace e l'unificazione nazionale sarebbe realtà"

di Fabrizio Poggi    Decise prese di posizione dei media della RPDC contro il tentativo statunitense di minare il pur embrionale processo di avvicinamento tra Pyongyang e Seoul, che ha...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa