/ «Fame in Venezuela»: i media mainstream si basano su fonti sballa...

«Fame in Venezuela»: i media mainstream si basano su fonti sballate

«Fame in Venezuela»: i media mainstream si basano su fonti sballate
 

Nell’ultimo anno e mezzo i media hanno criticato il governo venezuelano per la gestione della crisi, ma le cifre che hanno citato non corrispondono a quelle FAO

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it


di Jacob Wilson - Center for Economic and Policy Research
 

Due settimane fa, l'Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) ha pubblicato una relazione sull'insicurezza alimentare e l'alimentazione in America Latina e nei Caraibi. La relazione ha evidenziato un aumento regionale dell'insicurezza alimentare, per l prima volta da quando l'agenzia ha iniziato a raccogliere dati annuali per gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio nel 2000. Gli autori hanno osservato che la crisi alimentare in Venezuela è stata centrale per questo incremento. In ogni caso negli ultimi tre anni la percentuale della popolazione in Venezuela che soffre di malnutrizione è inferiore a quella di altri paesi della regione come la Bolivia, il Guatemala, Haiti e Honduras. 

 

Lo studio della FAO conferma che la Repubblica Bolivariana sta affrontando un crescente problema fame che richiede un'azione. Nell’ultimo anno e mezzo i media hanno criticato il governo venezuelano per la gestione della crisi, ma le cifre che hanno citato non corrispondono a quelle FAO. Negli ultimi 18 mesi hanno descritto una crisi peggiore rispetto allo FAO: per qualcuno «il 93 per cento della popolazione [venezuelana] non può permettersi di mangiare» e «i venezuelani negli ultimi anni hanno perso in media 8 chili» (Inoltre, un articolo di Jacobin afferma:  «Almeno il 90 per cento della popolazione non può comprare abbastanza cibo», mentre The Indipendent lamenta che  «il 75 per cento della popolazione del paese ha perso una media di 8 chili»). Questo perché la copertura mediatica sulla nutrizione in Venezuela si è basata principalmente su prove aneddotiche e un rapporto inconcludente, in parte redatto da un membro della coalizione politica che cerca di rimuovere il presidente venezuelano Nicolás Maduro.

 

I quotidiani e le riviste americani spesso attribuiscono le loro affermazioni sulla nutrizione in Venezuela a «una recente indagine ... delle principali università del paese». L'indagine in questione è stata pubblicata il 27 febbraio 2016 dall'Università Simón Bolívar, dall'Università Centrale del Venezuela e dalla Fondazione Bengoa. La relazione, che si concentra sulla nutrizione venezuelana, fa parte di una revisione annuale che riguarda lo stato delle condizioni di vita del paese. Maritza Landaeta-Jiménez, che appena nel 2013 era membro della Commissione Nutrizionale dell'opposizione venezuelana, ha diretto la ricerca del 2016. Il documento, basato su un sondaggio di 6,413 Venezuelani, ha riferito che il 93% dei Venezuelani percepisce di non avere abbastanza soldi per l'acquisto di cibo e che il 72,7% dei Venezuelani aveva perso una media di 8,7 kg (19 libbre) nell'anno scorso. Tuttavia, lo stesso sondaggio ha rivelato che il 67,5% dei venezuelani ha mangiato tre pasti al giorno e solo il 25% del paese ritiene che la propria alimentazione possa essere classificata come «carente».

 

Le due coppie di statistiche raccontano diverse storie sulla situazione in Venezuela. La prima coppia - il 93 per cento della popolazione che manca di denaro alimentare e una perdita media di peso di 8 chili per il 73 per cento dei venezuelani - rappresenta un paese in crisi umanitaria. La seconda coppia - il 67,5% della popolazione che consuma tre pasti al giorno e solo il 25% che si sentono carenti nella loro alimentazione - mostra un paese che lotta, e che sta reagendo allo stress economico e politico. Dato che queste cifre appaiono in pagine diverse della breve relazione, ogni lettore potrebbe aver pensato che i risultati del sondaggio sono quantomeno inconcludenti e, nel peggiore dei casi in contraddizione. (Tre quarti della popolazione sta perdendo 8 chili in media, ma solo il 25 per cento pensa che non stiano assumendo abbastanza cibo?). 

 

Purtroppo, i risultati dell'indagine non sono stati messi in dubbio; al contrario. La stampa anglofona ha riportato le statistiche sul 90 per cento/8 chili così tante volte che sembrano diventare fatti indiscutibili. Tuttavia, secondo una vasta ricerca di LexisNexis, l’opinione del 25% dei venezuelani non è mai stata segnalata nei giornali in lingua inglese.

 

La FAO ha fornito prove che l'insicurezza alimentare in Venezuela è aumentata negli ultimi tre anni. Ciò non giustifica i giornalisti statunitensi ed i responsabili politici che confezionano narrazioni con fonti indeterminate come il rapporto dell'Università Simón Bolívar. Le implicazioni politiche di una tale segnalazione inesatta sono notevoli. Un comunicato stampa del Dipartimento del Tesoro nel luglio che giustificava le sanzioni contro il Venezuela diceva: «Decine di milioni di venezuelani soffrono la fame». Questa cifra è almeno due volte e mezzo la stima totale di 4 milioni forniti dalla FAO, ed è anche in linea con la statistica del 90% della relazione inconcludente.

 

La stampa dovrebbe prestare maggiore attenzione al momento della verifica delle sue fonti, soprattutto nei casi in cui le circostanze limitano la disponibilità dei dati. Dovrebbe anche utilizzare fonti accreditate a livello internazionale, come le relazioni annuali della FAO - che forniscono dati che mostrano come Honduras, Guatemala ed El Salvador - stretti alleati statunitensi in America Centrale, soffrono di tassi simili di insicurezza alimentare come il Venezuela. Queste crisi di fame hanno ricevuto molta meno attenzione rispetto ai problemi che la Repubblica Bolivariana si trova ad affrontare, nonostante il fatto che queste carenze alimentari dell'America centrale siano ben documentate e durature. I media farebbero bene a prestare loro  maggiore attenzione.

 

(Traduzione dall’inglese per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Notizia del:

Citgo Petroleum Corporation, il Venezuela smantella una rete di corruzione di altissimo livello in servizio negli USA

di Geraldina Colotti*   In una conferenza stampa, il Procuratore generale del Venezuela, Tareck William Saab, ha dato conto di una rete di corruzione ad altissimo livello in cui risultano...
Notizia del:

Il golpista venezuelano, fuggiasco in Europa, ringrazia Tajani e Gentiloni

«Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia e voglio ringraziare Antonio Tajani perché ha rappresentato in modo dignitoso il popolo venezuelano»

di Geraldina Colotti «Ringrazio il ruolo dell'Italia nel Consiglio dell'Onu in difesa dell'autonomia...
Notizia del:

Venezuela, Costituzionalista italiano: "La scelta di convocare l'Assemblea Costituente da parte di Maduro è stata vincente"

Sabato 16 novembre 2017, nella Sala dei Baroni del maschio Angioino a Napoli, ha avuto luogo un interessante convegno dal titolo “Il rispetto della costituzione, diritti umani, civili e politici”:...
Notizia del:

L'irrefrenabile e insana passione di Pierferdinando Casini per il golpismo venezuelano

Questa volta il nostro ha voluto dedicare un affettuoso tweet al latitante Antonio Ledezma dipingendolo come un perseguitato politico

di Fabrizio Verde   Sempre dalla stessa parte. Quella del golpismo in Venezuela. Il ‘moderato’...
Notizia del:

Dalla Nunziatella spirano venti di guerra su Napoli

Dalle notizie che trapelano dall’accordo di Bruxelles sembra che nello specifico l’hub formativo di Napoli si specializzerà sugli attacchi a distanza ovvero la guerra coi droni. Wargames

da Contropiano   Venti di guerra spirano su Napoli. Nessun attacco in vista ma la conferma che l’accademia...
Notizia del:     Fonte: Al Manar

Hezbollah celebra la sconfitta dell'ISIS in Siria, nonostante i sabotaggi degli USA

Il segretario generale di Hezbollah Seyed Hassan Nasrallah ha celebrato la fine dell'ISIS in Siria nonostante il sostegno degli Stati Uniti a questo gruppo terroristico.

Durante un discorso televisivo, Nasrallah, questa sera, ha fatto riferimento alla recente liberazione della città...
Notizia del:     Fonte: Embajada de la República Bolivariana de Venezuela en Italia

Il Governo Bolivariano condanna la decisione di Mariano Rajoy di accogliere il latitante venezuelano Antonio Ledezma

  Il Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri della Repubblica Bolivariana del Venezuela esprime la sua indignazione per la decisione del primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, che ha...
Notizia del:     Fonte: Hispantv - SABA

FOTO. I bambini yemeniti denunciano i crimini subiti da USA e Arabia Saudita

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia, i bambini yemeniti hanno manifestato la loro condanna per i crimini commessi ai loro danni da parte di Arabia Saudita e USA.

"I bambini nel mondo celebrano i loro diritti e i bambini dello Yemen muoiono per il silenzio del mondo...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

La Russia sfida Israele e Stati Uniti: Hezbollah rimarrà in Siria

L'ambasciatore russo in Libano avverte che Hezbollah "non andrà via dalla Siria", sfidando così Israele e gli Stati Uniti, che stanno cercando il ritiro del movimento di resistenza libanese.

"Chiunque ha cercato di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Asad, ora, con tutti i mezzi, cerca il...
Notizia del:     Fonte: Hispantv

Russia: Gli USA hanno fallito in Siria e accusano Assad per l'uso di armi chimiche

La Russia rifiuta il "documento politicizzato" degli Stati Uniti sugli attacchi chimici in Siria e lo attribuisce al fallimento dei piani di Washington per rovesciare al-Assad.

In alcune dichiarazioni rilasciate ieri ai giornalisti, il capo della Commissione Difesa del Senato russo, Victor...
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Le "scatole cinesi" dietro le corporazioni dei diritti umani: lo strano caso di una ONG "siriana" in tour a Roma

di Marinella Correggia - Sibialiria   La Ong siriana CCSD (Center for Civil Society and Democracy), registrata in Turchia, Usa e Kurdistan iracheno è al centro di una serie di incontri...
Notizia del:

I soldi dei servizi segreti per influenzare i mass media

Un articolo uscito il 16 novembre scorso, ha svelato non solo l’esistenza di molti conti bancari dei servizi segreti dentro la Banca Popolare di Vicenza, ma anche e soprattutto l’obiettivo di questa liquidità finanziaria dei servizi segreti: far arrivare soldi a chi in qualche modo è vicino o dà una mano all’attività dei servizi

di Federico Rucco - Contropiano   Il Sole 24 Ore è un giornale propriamente padronale, nel senso...
Notizia del:     Fonte: Sputnik

La Siria confida nelle misure di Rohani e Putin per risolvere la crisi

La Siria è fiduciosa che le misure di Russia e Iran porranno fine sia ai conflitti che al terrorismo nel paese arabo.

"Tutte le azioni e le misure adottate dai presidenti Putin e Rohani contribuiranno alla soluzione della...
Notizia del:     Fonte: The Times of Israel

Netanyahu minaccia di attaccare gli obiettivi dell'Iran in Siria

Il primo ministro israeliano afferma che il suo esercito è pronto a colpire e attaccare obiettivi iraniani sul suolo siriano.

Durante una conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu...
Notizia del:     Fonte: The Washington Post

"Gli Stati Uniti hanno intenzione di preservare la propria presenza militare in Siria dopo aver eliminato l'ISIS"

Washington vuole creare nuove strutture amministrative in Siria che non siano collegate a Damasco.

Le autorità degli Stati Uniti intendono mantenere la propria presenza militare nel nord della Siria, dopo...
Notizia del:     Fonte: Reuters

L'Arabia Saudita acquisterà 7 miliardi di dollari in munizioni di precisione dagli Stati Uniti

L'Arabia Saudita è pronta ad acquistare munizioni di precisione da aziende statunitensi per un valore di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riferisce l'agenzia Reuters.

Riyadh ha accettato di acquistare munizioni di precisione dagli appaltatori della difesa degli Stati Uniti, secondo...
Notizia del:     Fonte: teleSUR

Zimbabwe: 3 passaggi chiave per comprendere il golpe

Il panorama politico in Zimbabwe è mutato in pochi giorni con il licenziamento di Emmerson Mnangagwa, passando per il colpo di Stato e le dimissioni di Robert Mugabe, dopo oltre 30 anni di governo

La destituzione del vicepresidente Robert Mugabe destituisce Emmerson Mnangagwa dalla vicepresidenza il...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa