/ Forum Cina-Africa: La nuova via della seta rafforza la sua presen...

Forum Cina-Africa: La nuova via della seta rafforza la sua presenza nel Maghreb

Forum Cina-Africa: La nuova via della seta rafforza la sua presenza nel Maghreb
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it

Come molti ormai sanno la Cina sta da tempo guardando all’Africa come a una zona dove espandere i propri interessi economici. Gli investimenti cinesi in Africa sono aumentati esponenzialmente negli ultimi anni e il Marocco è uno degli Stati più interessati dalla penetrazione degli interessi e degli investimenti di Pechino. Recentemente Marocco e Cina hanno firmato a Pechino un protocollo di intesa sull’iniziativa voluta dalla Cina chiamata “Belt and Road”, il cui obiettivo è proprio quello di fa rivivere l’antica vecchia Via della Seta.




Il Marocco finora ha svolto un ruolo molto importante nell’aumento degli investimenti cinesi in Africa settentrionale e ha tutte le intenzioni di continuare a essere un vero e proprio hub commerciale e strategico per tutto il continente africano. Come riportato da AGV (https://agvilvelino.it/article/2017/11/27/marocco-al-via-marrakech-china-africa-investment-forum/) si è tenuto a Marrakech in Marocco il secondo Forum Cina-Africa alla presenza di leader politici e operatori economici di primo piano. Il ministero dell’Industria marocchino ha utilizzato questa prestigiosa occasione internazionale per ribadire l’importanza di promuovere una collaborazione tra Cina e Africa equilibrata anche nei prossimi anni.

In occasione della visita del Re del Marocco in Cina, erano stati siglati alcuni importanti accordi commerciali tra le aziende marocchine e cinesi che ammontano a centinaia di milioni di euro e che hanno avuto l’obiettivo di approfondire le relazioni commerciali tra i due paesi. Il Re Mohammed VI si era recato in Cina in occasione del vertice del Forum di cooperazione sino-africano tenutosi il 4 e 5 dicembre 2015 a Johannesburg. Il governo marocchino sembra essere convinto della necessità di avere una forte presenza cinese in Africa per apportare benefici dal punto di vista dello sviluppo e dell’occupazione. Da parte sua, ovviamente, la Cina ha intenzione di guardare all’Africa come a un luogo dove migliorare la propria competitività e utile a favorire l’accesso a un mercato potenzialmente sterminato.

L’obiettivo di iniziative come il Forum Cina-Africa sembra essere quello di creare occasioni di confronto tra decisori economici cinesi e africani affinchè la cooperazione possa progredire soprattutto nel settore industriale con reciproco vantaggio di entrambe le parti interessate. Insomma, la Cina sembra muoversi in modo accorto e mirato per espandere sempre di più la propria sfera di influenza economica, e l’Africa, come peraltro viene detto da anni, sembra essere il luogo dove si concentreranno maggiormente gli sforzi in tal senso da parte di Pechino.
 

Daniele Cardetta 
 
Notizia presa dal sito www.Lantidiplomatico.it visita www.Lantidiplomatico.it
Notizia del:
comments powered by Disqus
Le più recenti da World Affairs
Notizia del:

Il clan europeista e i finti rivoluzionari della Lega

“Il nostro appoggio è chiarissimo. Con un futuro governo forte e grazie all’influenza di Berlusconi, l’Italia è destinata ad avere maggior presenza nelle decisioni...
Notizia del:

Nuclear Posture Review 2018, L’Italia nel piano nucleare del Pentagono

  di Manlio Dinucci* - Il Manifesto   Il Nuclear Posture Review 2018, il rapporto del Pentagono sulla strategia nucleare degli Stati uniti, è attualmente in fase di revisione...
Notizia del:     Fonte: https://www.ft.com

Afrin, i curdi chiedono aiuto agli USA di fronte all'attacco della Turchia

Le cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS) hanno chiesto agli Stati Uniti e alla coalizione contro l'ISIS, di "assumersi le proprie responsabilità" e difenderle contro la Turchia, che sta conducendo un'intensa campagna militare contro la città di Afrin, nord della Siria.

"La coalizione internazionale, il nostro partner nella lotta contro il terrorismo, deve assumersi le sue...
Notizia del:     Fonte: Reuters

Raqqa, visita a 'sorpresa' dell'incaricato per gli 'aiuti umanitari' degli Stati Uniti

Mark Green, un alto funzionario degli Stati Uniti, ha fatto una visita a 'sorpresa' a Raqqa,nord della Siria, polverizzata dagli attacchi della Coalizione anti-ISIS, per scopi 'umanitari'.

Secondo quanto ha riferito l'agenzia britannica 'Reuters' Mark Green, che è responsabile degli...
Notizia del:

VIDEO: La Corea del Nord presenta con un museo le atrocità degli Stati Uniti dal 1950 al 1953

Un centro espositivo espone a Pyongyang dipinti con le torture di donne e assassini di bambini praticati dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea

Mentre la guerra fredda tra Washigton e Pyongyang si sviluppa con toni sempre più accesi, il paese asiatico...
Notizia del:

Prof. Erspamer: "Il 4 marzo voterò il Movimento Cinque Stelle. E' l'unico modo per porre fine al regime piddino-berlusconiano"

di Francesco Erspamer* Sono convinto che in Italia l’unico modo per fermare la decadenza economica, morale e sociale sia porre fine al regime piddino-berlusconiano e all’intera casta...
Notizia del:

LA RUSSIA INVITA UFFICIALMENTE L’EGITTO AI COLLOQUI DI PACE SULLA SIRIA

Il governo egiziano ha ricevuto un invito ufficiale da parte del governo russo per partecipare ai colloqui di pace che si terranno nella località di Sochi a fine gennaio 2018.  Lo ha comunicato...
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa